Visualizzazione post con etichetta picco del petrolio. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta picco del petrolio. Mostra tutti i post

mercoledì 21 novembre 2018

Il ritorno dei caudillos latinoamericani


La “primavera del socialismo” dell’America Latina è al termine. Dopo oltre un decennio di Presidenti progressisti socialisti che anteponevano le persone al clientelismo, gli oligarchi dell’America latina, attraverso la prevaricazione dei tribunali, dei parlamenti e dei sistemi elettorali, hanno messo dei caudillos in carica in tutta la regione. A differenza del passato, quando i generali locali, con un cenno del capo dalla base locale della CIA, chiamavano i carri armati e le truppe per cacciare i Presidenti eletti democraticamente, i leader fascisti di oggi hanno scoperto che i social media, associati a giudici e legislatori corrotti, può mettere in scena quelli che sono, essenzialmente, “colpi di stato costituzionali” soft.
La primavera del socialismo in America Latina ha visto molte nazioni adottare politiche estere indipendenti, esenti dai dettami provenienti da Washington. Con gli Stati Uniti impaludati nei pantani [delle operazioni] militari in Afghanistan e in Iraq, l’America Latina si è liberata dalle catene politiche, finanziarie e militari che la legavano a Washington. Le nuove libertà dell’America Latina hanno irritato i neo-conservatori e gli ufficiali militari negli Stati Uniti, in particolare John Bolton, l’Ambasciatore di George W. Bush non confermato dal Senato presso le Nazioni Unite, e John Kelly, Comandante del Southern Command degli Stati Uniti a Miami. Sia Bolton, Consigliere per la Sicurezza Nazionale di Donald Trump, sia Kelly, Capo dello Staff di Trump, sono ora in posizioni [atte] per essere complici dell’ascesa dei caudillos in America Latina, vendicandosi dei leader progressisti e dei loro partiti politici.
La primavera progressista socialista dell’America Latina era al suo apice quando il Presidente venezuelano Hugo Chavez, a capo di un blocco di nazioni latinoamericane e caraibiche che serviva come alternativa alla neo-coloniale Organizzazione degli Stati americani dominata dagli Stati Uniti, era una fonte d’ispirazione per altri leader progressisti nella regione. Tra questi, il Presidente argentino Nestor Kirchner e la sua vedova, Cristina de Fernandez Kirchner, che in seguito è stata eletta presidente; il Presidente nicaraguense Daniel Ortega; i Presidenti brasiliani Luiz Inácio Lula da Silva (“Lula”) e Dilma Rousseff; la Presidente cilena Michelle Bachelet; il Presidente ecuadoriano Rafael Correra; il Presidente boliviano Evo Morales; il Presidente del Paraguay Fernando Lugo; il Presidente haitiano Jean-Bertrand Aristide; il Presidente honduregno Manuel Zelaya; i Presidenti uruguaiani Jose (Pepe) Mujica e Tabaré Vazquez; [il Presidente del Guatemala] Alvaro Colom; e i leader di centro-sinistra nella Repubblica Dominicana, El Salvador, Perù, St. Vincent, Dominica e St. Lucia. I critici di destra della primavera latino-americana hanno definito la tendenza “Marea rossa” in modo spregiativo.
Chavez è stato l’intuizione che sta dietro la creazione dell’Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America (ALBA)(1), non sotto il controllo americano, e della Comunità degli Stati dell’America latina e dei Caraibi (CELAC)(2).
La primavera del socialismo dell’America latina ha iniziato a svelarsi dopo che gli Stati Uniti – principalmente attraverso la CIA e il Southern Command -, hanno architettato i colpi di stato da manuale a Haiti e Honduras, un tentativo di colpo di stato militare in Ecuador e “colpi di stato costituzionali” in Paraguay e in Brasile. Dopo che a Chavez è stata diagnosticata una forma aggressiva di cancro, il suo blocco bolivariano è stato assediato da Washington. Oggi solo il Venezuela, il Nicaragua, la Bolivia e l’Uruguay rimangono come vestigia del blocco progressista e tutte sono sotto assedio, in misura diversa, da parte di Washington e dai regimi “capitalisti clientelari” in Colombia, Brasile, Argentina, Cile e Perù.
L’elezione di Jair Bolsonaro, un politico di estrema destra dell’inadeguatamente nominato Partito Social-Liberale (PSL), a Presidente del Brasile rappresenta un ritorno al periodo dei caudillos sostenuti dall’esercito, nei “giorni della diplomazia delle cannoniere” di Washington e dell’imposizione di “Repubbliche delle banane” nell’emisfero occidentale.
Bolsonaro, un auto-proclamatosi ammiratore di Adolf Hitler, di Benito Mussolini e della precedente dittatura militare del Brasile, ha iniziato a dimostrarsi come una versione di estrema destra dei passati dittatori militari latinoamericani, ancor prima di essere eletto Presidente. Bolsonaro non ha fatto mistero di voler guidare un blocco di destra delle nazioni latinoamericane, asservito alle dottrine nazionaliste e razziste dell’amministrazione Trump. Bolsonaro ha aperto un dialogo con il Presidente di destra del Paraguay, Mario Abdo Benitez – il cui padre è stato Segretario privato del dittatore nazista Alfredo Stroessner – nel promettere di stringere legami più stretti tra Brasilia e Asuncion.
Il Presidente della destra colombiana, Ivan Duque, ha anche tenuto colloqui con Bolsonaro con l’intenzione di entrare a far parte di un blocco di estrema destra delle nazioni latinoamericane per un futuro Conservative Summit of the Americas, che probabilmente attirerà la partecipazione del Signor Trump. L’ex stratega della Casa Bianca, Steve Bannon, impegnato con i suoi piani per un vertice dei partiti politici europei di estrema destra soggetto a una segreteria di Bruxelles chiamata “The Movement”, ha dato consigli a Bolsonaro e al suo ambizioso figlio, il deputato brasiliano Eduardo Bolsonaro.
Bolsonaro ha anche tenuto conversazioni con il Presidente di destra argentino Mauricio Macri, un socio commerciale di Trump, in attesa di formare una nuova alleanza di destra in America Latina. Bolsonaro ha ricevuto Jacqueline van Rysselberghe e Jose Durana, due senatori cileni di destra dell’Unione Democratica Indipendente (UDI) del Presidente cileno Sebastian Piñera, la quale considera benevolmente la brutale dittatura del generale Augusto Pinochet.
Bolsonaro e i membri di “The Movement” di Bannon con sede a Bruxelles stanno anche dando consigli alle forze boliviane di estrema destra, guidate da Maria Anelin Suarez capo della coalizione di opposizione Las Calles, che stanno cercando di estromettere Evo Morales dalla presidenza. Bolsonaro ha inviato uno dei suoi deputati eletti, Carla Zambelli, in Bolivia per organizzare, insieme a Suarez, Las Calles e gli associati di Bannon, la “marcia nazionale” contro Morales del 10 ottobre 2018. Bolsonaro ha segnalato che i suoi sforzi anti-Morales hanno il sostegno dell’Argentina di Macri e del Cile di Piñera, nel fomentare l’opposizione a Morales in Bolivia.
Bolsonaro ha detto che con lui come Presidente del Brasile, lui e l’Argentina con Macri e il Cile con Piñera sconfiggeranno il “socialismo” in Bolivia e in Venezuela. Bolsonaro è stato chiamato il “Trump dei tropici”. Bolsonaro ha promesso di sequestrare le terre delle tribù indigene del Brasile e consegnarle a uomini d’affari privati ​​per lo sfruttamento. Ha anche definito gli afro-brasiliani “obesi e pigri” e la gente proveniente da Haiti, dall’Africa e dal Medio Oriente arabo la “feccia dell’umanità”. Bolsonaro ha dato ai leader dell’opposizione brasiliana due scelte: l’esilio o l’esecuzione.
C’è una forte possibilità che Bolsonaro, Macri, Piñera, Abdo Benitez e Duque perseguano la rinascita dell’Operazione Condor(3), un’alleanza favorita dalla CIA delle agenzie di polizia segreta e di intelligence delle dittature militari latinoamericane che sono esistite dal 1968 al 1989. [L’Operazione] Condor, che aveva la benedizione del Segretario di Stato americano e del Consigliere per la Sicurezza Nazionale Henry Kissinger, era responsabile della localizzazione e dell’assassinio dei leader di sinistra che si erano rifugiati in Argentina, Bolivia, Brasile, Cile, Ecuador, Paraguay, Perù, Stati Uniti, e Uruguay.
La Bolivia, circondata dai governi di destra in Brasile, Argentina, Paraguay e Cile, e dal Perù arrendevole a Washington, dovrà affrontare crescenti pressioni politiche, economiche e militari per negare a Morales un quarto mandato come Presidente nel 2019. Il Venezuela, già paralizzato per le sanzioni economiche imposte dall’amministrazione Trump, vedrà il Brasile e la Colombia consentire che le loro regioni di confine siano utilizzate per operazioni paramilitari, sostenute dalla CIA, contro il governo del Presidente Nicolas Maduro, il successore scelto da Chavez.
Il governo di Ortega in Nicaragua continuerà anche a subire gli sforzi di destabilizzazione della CIA, con il sostegno del governo di Bolsonaro in Brasile.
Solo il governo entrante progressista di sinistra di Andrés Manuel López Obrador (AMLO) in Messico e [quello di] Cuba saranno in grado di aiutare la sopravvivenza delle poche sacche di populismo di sinistra nell’emisfero occidentale. I diritti dei lavoratori, dei contadini, delle popolazioni indigene, degli studenti e del clero non evangelico in America Latina saranno presto assaliti in un modo che non si è più visto dai tempi dei caudillos, delle giunte [militari] e dell’[Operazione] Condor. “Lula”, che rimane il leader politico più popolare in Brasile, è detenuto in carcere per 12 anni, con accuse inventate da un apparato giudiziario e legale di destra.
L’emisfero deve ora guardare a AMLO; al Presidente post-Castro di Cuba, Miguel Díaz-Canel; all’ex Presidente dell’Uruguay Mujica; e ai rimanenti Primi Ministri progressisti degli Stati caraibici di lingua inglese per salvare i leader di Bolivia, Venezuela e Nicaragua dall’imminente assalto fascista. Mujica ha avvertito che l’elezione di Bolsonaro rappresenta lo stesso tipo di mentalità che ha visto Hitler eletto in Germania. Mujica ha detto, alla vigilia delle elezioni brasiliane, che “gli esseri umani hanno poca memoria. Con la richiesta insistita di cambiamento, si può passare al peggio.” L’America Latina e l’opposizione anti-Trump negli Stati Uniti devono stare in guardia contro un nuovo patto fascista simile all’Asse guidato da Bolsonaro, Trump, Macri, Duque e compagni di viaggio, come Jimmy Morales, il Presidente comico del Guatemala, diventato fascista, e il dittatore della Repubblica delle banane honduregna Juan Orlando Hernandez.
Wayne Madsen
29/10/2018
Scelto e Tradotto per www.comedonchisciotte.org da NICKAL88
Note a cura del traduttore
  • L’Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America (spagnolo: Alianza Bolivariana para los Pueblos de Nuestra América) è un’organizzazione intergovernativa basata sull’idea dell’integrazione sociale, politica ed economica dei Paesi dell’America Latina e dei Caraibi. La denominazione “Bolivariana” si riferisce all’ideologia di Simón Bolívar, il leader indipendentista sudamericano del 19° secolo nato a Caracas, il quale voleva che l’America ispanica si unisse come un’unica “Grande nazione”.
Fondata inizialmente da Cuba e Venezuela nel 2004, è associata a governi socialisti e socialdemocratici che desiderano consolidare l’integrazione economica regionale basata su una visione di assistenza sociale, scambio e aiuto economico reciproco. I dieci Paesi membri sono Antigua e Barbuda, Bolivia, Cuba, Dominica, Grenada, Nicaragua, Saint Kitts e Nevis, Santa Lucia, Saint Vincent e Grenadine e Venezuela. Il Suriname vi è stato ammesso come Paese ospite in un summit del febbraio 2012. Le nazioni dell’Alleanza Bolivariana possono condurre scambi commerciali utilizzando una valuta regionale virtuale, nota come SUCRE. Il Venezuela e l’Ecuador hanno fatto il primo accordo commerciale bilaterale utilizzando il Sucre, anziché il dollaro USA, il 6 luglio 2010. L’Ecuador si è ritirato dal gruppo nell’agosto 2018.
Traduzione dall’Inglese all’Italiano
  • Comunità degli Stati dell’America latina e dei Caraibi (spagnolo: Comunidad de Estados Latinoamericanos y Caribeños, CELAC) è un blocco regionale di Stati dell’America latina e dei Caraibi, elaborato il 23 febbraio 2010 (vertice del Gruppo Rio) e creato il 3 dicembre 2011, a Caracas, in Venezuela, con la firma della Dichiarazione di Caracas. Si compone di 33 Paesi sovrani nelle Americhe che rappresentano circa 600 milioni di persone.
La CELAC è un esempio di una spinta decennale per una più profonda integrazione in America Latina. La CELAC è stata creata per approfondire l’integrazione latino-americana e per ridurre l’influenza significativa degli Stati Uniti sulla politica e l’economia dell’America Latina. È considerata un’alternativa all’Organizzazione degli Stati americani (OAS), l’ente regionale fondato dagli Stati Uniti e da altre 21 nazioni dell’America Latina come contromisura per la potenziale influenza sovietica nella regione.
Nel luglio 2010, la CELAC ha scelto il Presidente del Venezuela Hugo Chávez e il Presidente del Cile Sebastián Piñera, in qualità di co-Presidenti del forum per redigere statuti per l’organizzazione.
Traduzione dall’Inglese all’Italiano
  • Operazione Condor (inglese: Operation Condor; spagnolo: Operación Cóndor; portoghese: Operação Condor) fu il nome dato dall’establishment dei servizi segreti statunitensi, la CIA e l’amministrazione della presidenza di Richard Nixon, a una massiccia operazione di politica estera statunitense, che ebbe luogo negli anni settanta del XX secolo, in alcuni stati del Sud America, volta a tutelare l’establishment in quegli stati dove l’influenza socialista e comunista era ritenuta troppo potente, nonché a reprimere le varie opposizioni ai governi partecipi dell’iniziativa. […]
Le procedure per mettere in atto questi piani furono di volta in volta diverse, tutte però ebbero in comune il ricorso sistematico alla tortura e all’omicidio degli oppositori politici. Spesso ambasciatori, politici o dissidenti rifugiati all’estero furono assassinati anche oltre i confini dell’America Latina. Alcune fra le nazioni coinvolte furono Cile, Argentina, Bolivia, Brasile, Perù, Paraguay e Uruguay. 

L'articolo Il ritorno dei caudillos latinoamericani

sabato 17 marzo 2018

Il parroco di Damasco: i "ribelli" bombardano noi e uccidono i civili di Ghouta


Nell'enclave in mano ai ribelli a pochi chilometri da Damasco, la zona di Goutha, i civili sono vittime dei bombardamenti ma anche degli stessi ribelli. Ce ne parla MUNIR HANASHY

A comando, l'indignazione del mondo occidentale si alza. Da quando l'astuta menzogna della politica estera di Barack Obama ha dipinto il presidente siriano Assad come un dittatore da eliminare come già fatto con Gheddafi, basta un colpo di bacchetta e la scena si ripete. Foto di bambini morti, gente travolta dalle macerie di case bombardate, gas chimici che avrebbero fatto addirittura una vittima (un bombardamento con gas chimici, se veramente fosse stato tale, di vittime ne avrebbe fatte a migliaia), titoli a lettere giganti del tipo "L'inferno di Goutha, duemila morti nel silenzio del mondo". Nessuno nega che nell'enclave di Goutha, a pochi chilometri da Damasco, una delle ultime zone rimaste in mano ai ribelli anti-Assad tra cui la gran parte sono miliziani di al Qaeda, sostenuti e armati da sempre dagli Stati Uniti, ci siano vittime civili; ma forse, come ci ha detto padre Munir Hanashy, parroco a Damasco (raggiunto al telefono dopo ore di bombardamenti sulla capitale siriana da parte dei "ribelli") sarebbe ora di ammettere che ci sono due facce alla medaglia dipinta da Obama e dal suo successore Trump, il cui unico interesse è sempre stato eliminare Assad in quanto alleato di russi e iraniani. 
Padre Munir, ci giungono notizie di stragi immani tra i civili che si trovano nella zona di Goutha, massacrati dai bombardamenti dell'esercito governativo, che cosa ci può dire della situazione?
Io vorrei pregare voi giornalisti occidentali di smettere di dipingere quello che accade in Siria da anni e anche adesso come una strage di innocenti voluta dal governo siriano.
Perché, invece di cosa si tratta?
Date tutte e due le facce della medaglia, per favore. Fate lo sforzo di conoscere la nostra realtà e dipingetela senza menzogne.
Ci spieghi.
Non c'è solo Goutha dove la gente muore. Di quello che succede qui a Damasco non parla nessuno ma sono settimane che siamo sotto alle bombe dei ribelli. Le scuole sono chiuse, la vita sociale ed economica è paralizzata, siamo stati fino a pochi minuti fa sotto ai colpi di mortaio provenienti da Goutha, dai ribelli.
Staranno cercando di difendersi dagli attacchi.
Ma noi a Damasco sono anni che siamo attaccati, lei pensa che un governo che ha a cuore i suoi cittadini possa non reagire e cercare di spazzare via questi cosiddetti ribelli e cercare di difenderci? Non sono neanche più colpi di mortai, hanno imparato a fabbricare missili e ci colpiscono con quelli.
Di mezzo ci vanno i civili di entrambe le parti, no?
Purtroppo, ma nessuno dice che appena è cominciata la tregua proposta da Putin e sono stati aperti i corridoi umanitari, i civili di Goutha che cercavano di fuggire sono stati presi di mira dai cecchini ribelli. O che molti civili sono siriani rapiti che vengono rinchiusi in gabbie messe lungo il confine così che il nostro esercito non possa bombardare. Loro usano scudi umani, lo hanno sempre fatto in questa guerra, anche ad Aleppo.
Dunque lei, anche da sacerdote cristiano, non ritiene che l'esercito governativo stia esagerando in questa offensiva?
In questo esercito ci sono i nostri figli, ci sono i ragazzi della mia parrocchia. Purtroppo dove ci sono gruppi terroristici, questi vanno bombardati. Il governo siriano ha proposto più volte a questa gente di lasciar andar via i civili, ma non vogliono. Da anni soffriamo morte e distruzioni da parte di questi gruppi, è ora che finisca.
Certo le sue parole danno una visione diversa di quello che scrive la stampa occidentale…
Io sono direttore delle scuole salesiane di Damasco, quante volte ho dovuto dire ai ragazzi andate a nascondervi, chiudiamo la scuola perché ci bombardano. Ma questo nessuno di voi lo ha mai scritto, Damasco è una città di otto milioni di persone che vivono nel terrore. Scrivete la verità: i cattivi non siamo noi, il nostro esercito cerca solo di difenderci. Il sangue degli innocenti ricade sulle milizie dei ribelli.
 (Paolo Vites)

giovedì 22 febbraio 2018

Siria: la denuncia di mons. Abou Khazen, “si stanno spartendo le vesti del nostro Paese”

La drammatica testimonianza del vicario apostolico di Aleppo, mons. Georges Abou Khazen: "La guerra in Siria non è finita. Le grandi potenze si stanno spartendo le vesti del nostro Paese". Daesh? "Il cavallo di Troia dei Paesi coinvolti che lo usano per spostare il conflitto da un punto all'altro del Paese, secondo le convenienze". Il dramma dei bambini uccisi, orfani, abbandonati e assoldati dalle fazioni in lotta per combattere.


"Siamo entrati nella Terza guerra mondiale, solo che si combatte a pezzetti, a capitoli". Era l'agosto del 2014, quando Papa Francesco, durante il suo viaggio apostolico in Corea del Sud, pronunciava queste parole. Parole quanto mai attuali se riferite a quanto sta avvenendo in questi giorni in Siria dove si registra una escalation del conflitto dopo lo scontro tra Iran e Israele che hanno visto abbattuti rispettivamente un drone iraniano e un caccia F-16 con la Stella di David. E sebbene la guerra sia stata dichiarata conclusa dal presidente Assad e dal suo primo alleato, il presidente russo Putin, sul tavolo verde siriano le potenze regionali e internazionali continuano a giocare le loro carte: turchi, israeliani, curdi, russi, americani, iraniani, hezbollah libanesi, sauditi, i resti di Daesh e le milizie di al-Nusra. Si combatte nell'enclave curda di Afrin, a Idlib nel nord-ovest del Paese, teatro di un'offensiva governativa contro i ribelli, a Deir ez-Zor.
Bombe anche a Damasco dove fonti locali parlano di colpi di mortaio che hanno centrato il patriarcato siro ortodosso, causando morti e feriti. L'Onu ha aperto un'inchiesta relativa all'uso di bombe al cloro da parte dell'esercito regolare. Accusa respinta da Damasco. E nel risiko siriano affondano anche le tenui speranze di negoziati legate all'ultima conferenza di pace di Sochi, di fine gennaio, nella quale è stato chiesto rispetto per l'integrità territoriale del Paese e ribadito che solo il popolo siriano dovrebbe decidere la forma del proprio governo. Nella stessa conferenza è stata approvata la creazione di una commissione costituzionale con una lista di 150 partecipanti, due terzi in rappresentanza del governo siriano, un terzo dell'opposizione.
"Qui è di nuovo l'inferno. Piovono bombe e la povera popolazione siriana non smette mai di soffrire.
Perché tutto questo? Quando finirà?".
È un fiume in piena mons. Georges Abou Khazen, francescano della Custodia di Terra Santa e vicario apostolico di Aleppo. Al telefono, dalla città martire siriana, denuncia: "Ogni volta che rinasce un briciolo di speranza ecco che questo viene sepolto di nuovo dalle bombe. Ogni volta che si compiono timidi passi in avanti per la ripresa di negoziati, ecco che ci ricacciano indietro. Perché?". Non ci sono risposte certe, l'unica, dice, "è continuare a sperare". Ciò che sta accadendo nel Ghouta orientale, a Damasco, Idlib e Afrin è una tragedia immane. Qui secondo l'Unicef sono stati uccisi, nel solo mese di gennaio, 60 bambini e molti altri sono stati feriti durante i combattimenti in corso. "Siamo addolorati – prosegue mons. Abou Khazen -.
La gente soffre e si chiede cosa accadrà. Ci sono migliaia di famiglie, donne, anziani intrappolate dalle bombe delle parti in lotta. Sono queste persone la parte più debole della popolazione. Ma soprattutto ci sono migliaia di bambini malnutriti, abbandonati, orfani, che vagano soli, che hanno bisogno di ogni forma di assistenza materiale e morale".
Piccoli che diventano preda delle fazioni armate in lotta: "In alcune zone, soprattutto quelle sotto controllo dello Stato Islamico (Daesh) e di Al Nusra – spiega il religioso francescano – i più piccoli vengono arruolati, addestrati alla guerra e mandati a combattere". Ma l'emergenza non finisce qui. "Urgono aiuti di ogni genere. In tante zone del Paese manca il lavoro, migliaia di famiglie hanno necessità di rimettere in piedi la propria abitazione per avere di nuovo un tetto sulla testa. Come Chiesa stiamo cercando di aiutare quante più persone possibile ma i bisogni sono enormi. Non abbandonateci",  dice con voce accorata il vescovo.
La tragedia siriana non conosce fine. Daesh? "Sembra essere stato sconfitto ma non è così – risponde mons. Abou Khazen –
Daesh è il cavallo di Troia per le potenze coinvolte nella guerra.
Serve loro per spostare il conflitto da un punto all'altro della Siria, a seconda delle convenienze.
Ma non c'è solo Daesh, nel campo di battaglia siriano. Ci sono Al Nusra e tanti altri gruppi affiliati teleguidati da tutte le potenze, regionali e internazionali, coinvolte in questo conflitto per procura. Li assoldano, li addestrano e li armano: questo è il maggiore ostacolo al dialogo tra le parti siriane".
Mai come oggi le sorti della Siria sono nelle mani di Usa, Arabia Saudita, Israele, Russia, Iran, Turchia:
"Si stanno dividendo le vesti del nostro Paese. Abbiamo paura di una spartizione della Siria.
È giusto che per interessi economici e politici un intero popolo debba soffrire così?". "Gesù sta patendo sulla croce per tutta la popolazione della Siria, senza distinzione di etnia e fede. Siamo un corpo solo. La guerra – ricorda il vicario – ha allontanato i siriani dalle loro terre e case, metà della popolazione è profuga, centinaia di migliaia di morti, milioni di feriti, almeno diecimila rapiti, spariti nel nulla e dei quali non si conosce la sorte. Cosa altro vogliono da noi queste potenze?".
È un Paese lacerato quello che fra un mese entrerà nel suo ottavo anno di guerra. Il pensiero del vicario apostolico va ai più giovani: "Quelli che hanno potuto, hanno lasciato il Paese.
Che generazioni future avremo se non verranno formate alla giustizia, al diritto e alla pace? Cosa ne sarà di loro? E cosa sarà della società che verrà? La speranza non deve abbandonarci perché abbiamo la certezza che il nostro destino non è nelle mani di un uomo o di una superpotenza. Il nostro destino è nelle mani di Dio, Padre provvidente.
In Lui, e solo in Lui, poniamo la nostra salvezza".
www.agensir.it

lunedì 1 gennaio 2018

Un nuovo libro afferma: “Nel 2006 Majorana era vivo”

Dato alle stampe l'ultimo lavoro editoriale
di Alfredo Ravelli sulla vita di Rolando Pelizza

(RinoDiStefano.com, Venerdì 22 Dicembre 2017)
Copertina del libro
La prima volta che ci siamo incontrati, Alfredo Ravelli mi ha portato a vedere un piccolo locale nel quale spiccava una parete interamente ricoperta da una scaffalatura a giorno. Sui ripiani, in modo molto ordinato, si trovavano numerosi grossi faldoni straboccanti di documenti. Li ho contati: erano 26 raccoglitori. Ravelli, con fare compiaciuto, mi disse che quello era il lavoro ottenuto in almeno quarant'anni di attenta archiviazione. Decine di migliaia di documenti che raccontavano, passo passo, tutto ciò che il suo amico e parente Rolando Pelizza aveva fatto dalla fine degli anni Cinquanta a oggi. In altre parole, quei faldoni spiegavano l'incredibile e avventurosa vita di Pelizza, alle prese con vicissitudini di ogni tipo. Governi, Capi di Stato, servizi segreti, imprenditori, politici di primissimo livello: c'è di tutto nell'esistenza di quell'uomo. Ravelli, con cura e pazienza certosina, aveva raccolto ogni singolo documento, lo aveva catalogato ed era in grado, fornendo indicazioni su luoghi, tempi, nomi e cognomi, di dire tutto ciò che era accaduto all'uomo che afferma di essere il costruttore di una macchina fantastica e avveniristica, ideata e progettata dal genio di Ettore Majorana. Una macchina, tanto per essere precisi, che sarebbe in grado di annichilire la materia fornendo grandi quantità di energia pulita a costo zero. Alfredo RavelliE diverse altre cose ancora. Quel grande scienziato, sostiene Pelizza con prove periziate ben difficili da contestare, gli avrebbe insegnato le basi di una nuova fisica in grado di cambiare il mondo, come oggi lo conosciamo. Da qui, da questo assunto, l'inizio ed il progredire di tutti i suoi guai.
Sintetizzare quei 26 faldoni in un solo libro, non è dunque un'impresa da poco. Ravelli, però, lo ha fatto pubblicando il volume "2006: Majorana era vivo! – Le ultime lettere di Ettore Majorana  a Rolando Pelizza", per le Edizioni Print Service Srl di Pavia. In effetti, è il terzo libro che Ravelli manda in stampa in questi ultimi anni. Il primo, pubblicato nel 2013, si intitolava "Il Dito di Dio – Parte prima – Il fatto", sempre con la stessa tipografia. Il secondo, invece, era "Il segreto di Majorana – Due uomini, una macchina", nel 2015. Tuttavia, se si vanno ad osservare gli indici, ci si rende conto che non di tre libri diversi si tratta, bensì di una sola opera che viene di volta in volta aggiornata e rivista, con ulteriori aggiunte e aggiustamenti. Del resto, anche lo stesso autore nel suo sito web ammette di  riferirsi sempre allo stesso racconto, cioè alla vita di Rolando Pelizza. In pratica, dunque, i tre volumi sono tre edizioni diverse dello stesso lavoro. Quest'ultimo libro, per esempio, è molto ricco di documentazione, con nuove foto e lettere autenticate del presunto Ettore Majorana. Nel testo è stato inserito un accorgimento davvero geniale. Affinché il lettore possa prendere visione dei documenti che, per ragioni di spazio non potevano essere incorporati nel volume stesso (309 pagine), si fa un largo uso dei cosiddetti QR Code, cioè dei codici a barre bidimensionali che, usando la fotocamera di un qualunque telefono cellulare, permettono di collegarsi via Internet al sito dove i documenti sono ospitati. In questo modo, i segreti contenuti nei faldoni di Ravelli entrano nelle case di tutti i lettori interessati.
Rolando PelizzaL'autore, dunque, ripercorre per la terza volta la vita di Pelizza giungendo, con il suo racconto, fino agli anni Novanta. Per la precisione, il libro copre il periodo che va dal 1958 al 1992. Nell'arco di questi 34 anni è successo letteralmente di tutto. Si va dal supposto incontro di Pelizza con Majorana in un convento del Sud (il cui nome non viene mai citato), ai primi esperimenti con la macchina, alla frequentazione con Massimo Pugliese (tenente colonnello del Servizio Informazioni Difesa, diventato suo socio), ai rapporti con il governo Andreotti, alla conoscenza di Loris Fortuna (Presidente della Commissione Industria della Camera) e Flaminio Piccoli (Segretario politico della Democrazia Cristiana), all'intervento di Ezio Clementel (ordinario di Fisica all'Università di Bologna e presidente del CNEN), ai primi esperimenti di annichilazione, ai rapporti con Gerald Ford (presidente degli USA) e Leo Tindemans (Presidente del Belgio). E via via fino alla presunta trasmutazione di 130 cubi di gommapiuma in oro (oltre otto tonnellate), nel 1992, in un garage di Barcellona. Il problema è che ci sarebbero altri 25 anni da raccontare. "Questi ulteriori anni – scrive Ravelli a pagina 276 – sono stati ricchi di avvenimenti in un intreccio quasi surreale: faccendieri, uomini d'affari e alti prelati della Chiesa, noti e importanti politici e oltre agli ormai immancabili servizi segreti perfino Capi di Stato hanno partecipato a questo contorto ed intricato susseguirsi di eventi". Ma Rolando Pelizza non ha voluto che tutte queste cose, tanto delicate quanto potenzialmente pericolose per lui, i suoi cari e i suoi amici, fossero in qualche modo narrate al pubblico. E Ravelli, che ha raccontato tutto ciò che l'amico ha voluto raccontasse, ha rispettato questo suo volere. Così, si è limitato a pubblicare (pagina 295) anche le ultime lettere inedite del presunto Majorana all'allievo Rolando, risalenti al 2006. Dunque, come tutto lascerebbe credere, fino a quell'anno lo scienziato sarebbe stato in vita.
Forse, allora, assumono un valore più concreto le due frasi che Ravelli ha posto all'inizio del suo libro. La prima è "Alle verità nascoste"; la seconda "Viviamo in un periodo strano in cui la menzogna viene creduta sulla parola, mentre per la verità non bastano i La sezione verticale della macchina di Pelizza in corrispondenza della zona centralefatti". Quante sono, infatti, le verità che ancora oggi nasconde Rolando Pelizza? Ed è vero che, nonostante le numerose prove che durante la sua vita ha mostrato a governi e politici, non gli si vuole credere ufficialmente per evitare che la sua verità provochi un terremoto nella nostra società? Probabilmente, non avremo mai queste risposte. Anche perché, come recita una massima di Dostoevskij, citata dallo stesso Ravelli, "La verità autentica è sempre inverosimile". E chi si prenderebbe la briga di difendere a spada tratta una realtà inverosimile? Forse ha dunque una sua precisa logica l'amarezza che lo stesso Pelizza esprime in fondo al libro, ammettendo di aver lottato fino all'ultimo contro i mulini a vento. Stanco e sconfitto, alla fine si arrende: "Ora sono logorato da tanti anni di ricatti e battaglie con i maggiori gruppi di potere, i quali hanno già avuto e vorrebbero continuare a pretendere di avere gli esclusivi benefici dell'uso di questa macchina".
Non è facile credere a tutto ciò che è scritto in questo libro. Anche se Ravelli fornisce un'ampia documentazione probante. Non c'è dubbio, però, che valga la pena di leggerlo per riflettere sulla vita di uno degli uomini più misteriosi e discussi a cavallo dei due secoli.

"2006: Majorana era vivo! – Le ultime lettere di Ettore Majorana a Rolando Pelizza" di Alfredo Ravelli, Edizioni Print Service Srl Pavia, 2017, ISBN 9788898765508, 309 pagine, 16,90 euro.

Il sito web del libro "Il Segreto di Majorana" di Alfredo Ravelli è www.ilsegretodimajorana.it
Il sito web ufficiale di Rolando Pelizza è https://www.majorana-pelizza.it

domenica 24 settembre 2017

Venezuela comincia a vendere il proprio petrolio in Yuan cinese. Sempre più concreto il pericolo di una invasione statunitense

Attilio Folliero, Caracas, 15/09/2017

Vedasi anche: "Pesanti sanzioni degli Stati Uniti contro il Venezuela"

Il 15 settembre 2017 Venezuela ha cominciato a segnalare il prezzo di vendita del proprio petrolio inYuan cinese, la cui sigla internazionale è CNY. Il Ministero dell'Energia e Petrolio del Venezuela nella sua pagina web ha riportato il prezzo medio di vendita settimanale del proprio petrolio in 306,26 Yuan, in aumento rispetto alla settimana scorsa quando era stato in media 300,91 Yuan.

Prezzi del petrolio nella pagina web del Ministero dell'Energia e Petrolio del Venezuela

Per la prima volta nella sua storia il prezzo del petrolio venezuelano non è più indicato in dollari. Nella stessa pagina web, però si riporta anche il cambio Dollaro/Yuan. Per un dollaro la settimana scorsa (all'8 settembre) occorrevano 6,52 yuan, alla data odierna per un dollaro occorrono 6,55 yuan.

Si tratta di un altro segnale della decadenza del dollaro (e degli Stati Uniti).

Perché Venezuela ha cominciato a segnalare e vendere il proprio petrolio in Yuan? Lo scorso 25 agosto il Governo statunitense di Donald Trump ha emanato pesanti sanzioni contro il Venezuela e PDVSA, l'industria petrolifera statale. 

L'obiettivo di queste sanzioni è impedire al Venezuela l'approvvigionamento di dollari e l'accesso ai finanziamenti. PDVSA, attraverso CITGO, la sua filiale negli Stati Uniti, vende il petrolio venezuelano negli USA; i dollari derivanti da questa vendita, fino al giorno delle sanzioni, venivano trasferiti al Venezuela, che li utilizzava per importare i beni di cui il paese ha bisogno.

Il Venezuela vende agli USA oltre un milione di barili di petrolio al giorno, ma in virtù di queste sanzioni è materialmente impossibilitato ad incassare i dollari derivanti dalla vendita. Non solo: le sanzioni impediscono la compravendita di titoli (Bond) emessi legalmente da PDVSA e quindi viene impedito l'accesso ad ogni forma di finanziamento.

Secondo Peter Koening (1), economista ed ex funzionario della Banca Mondiale (Word Bank) si tratta delle sanzioni più dure della storia emanate dal Governo degli Stati Uniti; sono il frutto evidente di una guerra finanziaria diretta a paralizzare il paese e costituiscono, inoltre un crimine di guerra, dato che mettono in pericolo la vita di milioni di venezuelani.

In definitiva con queste sanzioni impedendo al Venezuela di accedere ai dollari, la moneta utilizzata nel commercio internazionale, si impedisce anche di poter comprare cibo e medicine nel mercato internazionale. Inoltre, le sanzioni hanno anche l'obiettivo di mandare il paese in default, in fallimento: non potendo accedere ai propri conti in dollari, il Venezuela sarebbe anche impossibilitato a pagare le rate in scadenza del proprio debito pubblico.

Queste sanzioni stanno spingendo il Venezuela ad abbandonare il dollaro ed a cercare nuovi mercati per la vendita del proprio petrolio e l'approvvigionamento dei beni di cui ha bisogno il paese.

La Cina è un paese in forte sviluppo che ha bisogno di energia, di petrolio e sta investendo fortemente in Venezuela e in tutto il continente americano; è sufficiente pensare che sta finanziando la costruzione del Nuovo Canale del Nicaragua, opera ingegneristica che permetterà il passaggio delle grandi navi cargo tra il Pacifico e l'Atlantico.

Cina, Russia, i paesi dell'Organizzazione di Shanghai (SCO) ed ora anche il Venezuela si stanno sempre più allontanando dall'egemonia del dollaro. Il commercio internazionale tra questi paesi si effettuerà attraverso le rispettive monete locali ed in particolare utilizzando sempre più le monete della Cina e della Russia (Yuan e Rublo).

Il dollaro, a cui è legato anche l'Euro, e tutto il complesso finanziario che ruota attorno ad esso (Federal Reserve, Wall Street, Bank for International Settlement, ovvero il BIS, ed il sistema SWIFT) saranno progressivamente sostituiti dal CIPS, il Sistema della Cina per i pagamenti internazionali e dal costituente Sistema per i pagamenti internazionali della Russia. Non va dimenticato che Russia e Cina in questi ultimi anni hanno acquistato grandi quantità di oro e continuano ad acquistarlo per sostenere la propria moneta. Sta dunque per terminare il monopolio del dollaro e della finanza statunitense ed occidentale. In definitiva stiamo assistendo al tramonto degli Stati Uniti.

Come reagiranno gli USA? Gli USA accetteranno di farsi pacificamente da parte? Certamente gli USA non accetteranno di farsi da parte; cercheranno in tutti i modi di mantenere il dollaro come principale moneta degli scambi commerciali internazionali.

In realtà per gli USA è una questione di vita o di morte: il giorno in cui il dollaro cesserà di essere la principale moneta del commercio internazionale, il giorno in cui il dollaro cesserà di essere la moneta di Riserva Internazionale per eccellenza sarà la fine per l'Impero statunitense. Nel momento il cui il dollaro cesserà di essere la moneta di riferimento internazionale, la grande quantità di dollari della Riserva Internazionale, la grande quantità di dollari  in circolazione, la grande quantità di dollari che la FED ha stampato per finanziare il debito pubblico USA sarà immessa nel mercato facendo letteralmente crollare il suo valore. In definitiva chi ha i dollari sarà costretto a venderli per acquistare le nuove monete internazionali. Il valore del dollaro crollerà e gli USA saranno interessati da una iperinflazione; l'Unione non reggerà e gli Stati Uniti termineranno dividendosi. Da tanti anni pensiamo e scriviamo che questo sia il futuro riservato agli Stati Uniti. Ovviamente gli USA sono ancora una grande potenza militare, anche se in declino, per cui utilizzeranno tutta la forza di cui dispongono per impedire l'abbandono del dollaro e quindi la loro fine.

Il Venezuela non aveva alternative: abbandonare il dollaro o sprofondare. La decisione di abbandonare il dollaro e vendere il proprio petrolio in Yuan inevitabilmente porterà gli Stati Uniti ad adottare provvedimenti di natura militare. Insomma non è difficile prevedere un intervento armato (diretto o indiretto) contro il Venezuela. In Venezuela tutti sono consapevoli di questo pericolo. Un anno fa circa, il Generale venezuelano Jacinto Pérez Arcay in una intervista a Russia Today, considerava "inevitabile" l'invasione statunitense del Venezuela. Oggi, dopo questa decisione di vendere il proprio petrolio in Yuan, il pericolo di una invasione statunitense diventa sempre più concreto e imminente.

Bisogna ancora aggiungere che la decisione di abbandonare il dollaro non riguarda solo il Governo, ma tutta la società venezuelana. La Banca Centrale del Venezuela ha cessato di offrire dollari al pubblico, sia imprese che privati (attraverso il Mercato cosiddetto Dicom); i cittadini e le imprese che disponevano di un conto corrente in dollari presto potranno aprire un conto corrente in Yuan, Rublo o Rupia. Insomma si va verso l'abbandono totale del dollaro.

Ovviamente il Venezuela non è isolato; Russia e Cina, le grandi potenze in ascesa che hanno grandi investimenti in Venezuela, non possono permettere una invasione del Venezuela; hanno il diritto di veto in seno al Consiglio di Sicurezza dell'ONU e sicuramente lo utilizzerebbero. Tutto ciò potrebbe non essere sufficiente per dissuadere gli USA da avventure militari contro il Venezuela o contro la Russia e la stessa Cina. Per gli USA – come analizzato – è una questione di vita o di morte.

Inevitabilmente il mondo sta andando incontro ad una guerra di proporzioni inimmaginabili. O meglio chi regge i destini del mondo sa benissimo quali sarebbero le conseguenze; non dimentichiamo che gli USA e altri paesi possiedono armi atomiche il cui utilizzo mette in pericolo la vita sul nostro pianeta. Loro, coloro che reggono i destini del mondo, sanno benissimo che stiamo andando verso una guerra catastrofica che potrebbe portare all'estinzione della vita sul nostro pianeta. È per questo motivo che si sono "preoccupati" di creare il "Deposito globale di sementi delle Svalbard" (Svalbard Global Seed Vault), un bunker quasi al Polo Nord in cui si conservano le sementi di tutto il mondo. Le sementi sembrano dunque a salvo, ma rimarrebbe vivo qualcuno per poterle utilizzare?

Nota

(1) Peter Koening lo scorso 2 settembre ha inviato una lettera al Presidente Maduro in cui appunto esprime le sue considerazioni circa le sanzioni imposte da Trump al Venezuela. La lettera è leggibile all'Url: http://www.laiguana.tv/articulos/67286-carta-maduro-economista-banco-mundial 

Venezuela comincia a vendere il proprio petrolio i...

giovedì 17 novembre 2016

L'Alba di una Nuova Era sta sorgendo ad Est

vi invita a partecipare
ad una serata con Tom Bosco:


L'ALBA DI UNA NUOVA ERA
STA SORGENDO AD EST

Domenica 18 Novembre dalle ore 20:00
LIBRERIA PERLANIMA
Via Pordenone 58 - Udine
Negli ultimi anni si è assistito in sordina all'avvento di realtà geopolitiche del tutto nuove, come il BRICS, un'associazione di cinque paesi tra le maggiori economie emergenti (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica), le quali si propongono di costruire un sistema commerciale globale attraverso accordi bilaterali che non siano basati esclusivamente sul petrodollaro, dando vita a una propria strutturazione finanziaria autonoma (New Development Bank) alternativa al FMI.
Russia, Cina e India, in particolare, hanno gettato le basi di una collaborazione sul lungo periodo, sia nell'ambito del progetto della "Nuova Via della Seta" per lo sviluppo delle infrastrutture di trasporto e logistica volte al miglioramento dei collegamenti e della cooperazione tra paesi nell'Eurasia, quanto in quello tecnologico e militare.
I propugnatori di un mondo "monopolare" ad egemonia statunitense non vedono certo di buon occhio questi sviluppi, e stanno facendo realmente di tutto per ostacolarli.
TOM BOSCO
Image
Giornalista e ricercatore. Direttore responsabile delle riviste NEXUS New Times e PuntoZero. Dal 1995 è co-editore e in seguito giornalista nella produzione e distribuzione dell'edizione italiana della rivista australiana NEXUS New Times, contribuendo alla divulgazione nel nostro paese di tematiche quali l'archeologia proibita, le tecnologie soppresse, la free-energy e l'antigravità, le grandi cospirazioni internazionali per il controllo planetario, la geoingegneria clandestina, gli intrecci perversi tra finanza internazionale, narcotraffico, servizi segreti e terrorismo, le terapie alternative per mali ritenuti incurabili, le misteriose civiltà scomparse nell'antichità, gli UFO e numerose altre. Ha partecipato a numerosi congressi in qualità di relatore su svariati argomenti. Interviene spesso a trasmissioni radiofoniche e televisive.


 

Via Terme, 51 - 35041 BATTAGLIA TERME (PD)
Tel: 049.9115516 - Fax: 049 9119035

www.nexusedizioni.it - shop.nexusedizioni.it




, , ,