venerdì 18 settembre 2020

Documento top secret / Il Covid è falso allarme globale


Pubblichiamo questo articolo che circola negli Stati Uniti su un esplosivo Rapporto redatto nel maggio scorso da un team istituzionale di ricercatori tedeschi censurato dal governo della Merkel. Alla guida del team il ricercatore Stephen Kohn, costretto dal governo a lasciare l’incarico. 
L’articolo originale, che ci è stato segnalato da Umberto Pascali, è a firma del giornalista Daniele Pozzati.
Funzionario tedesco fa avere confidenzialmente alla stampa il Rapporto che denuncia il Coronavirus come 
“un falso allarme globale”

German Official Leak: COVID-19 is ‘A Global False Alarm’

Published on 
Written by Daniele Pozzati
Germany’s federal government and mainstream media are engaged in damage control after a report that challenges the established Coronavirus narrative leaked from the interior ministry.
Some of the report key passages are:
Funzionario tedesco fa avere confidenzialmente alla stampa il Rapporto che denuncia il Coronavirus come
  “un falso allarme globale”
Daniele Pozzati
29 maggio 2020


Stephen Kohn
Il governo federale tedesco e i media mainstream sono impegnati nel controllo dei danni dopo un rapporto che sfida la narrativa Coronavirus consolidata trapelata dal ministero degli interni.
Alcuni dei passaggi chiave del rapporto sono:
La pericolosità di Covid-19 è stata sopravvalutata: probabilmente il pericolo rappresentato dal nuovo virus non ha mai superato il livello normale.
Le persone che muoiono per Coronavirus sono essenzialmente quelle che morirebbero statisticamente quest’anno, perché hanno raggiunto la fine della loro vita e i loro corpi indeboliti non possono più far fronte a qualsiasi stress casuale giornaliero (compresi i circa 150 virus attualmente in circolazione).
In tutto il mondo, nel giro di un quarto di anno, non sono stati registrati più di 250.000 decessi per Covid-19, rispetto a 1,5 milioni di decessi [25.100 in Germania] durante l’ondata di influenza 2017/18.
Il pericolo ovviamente non è maggiore di quello di molti altri virus. Non ci sono prove che questo fosse più di un falso allarme.
Un rimprovero potrebbe seguire questa linea: durante la crisi di Coronavirus lo Stato si è dimostrato uno dei maggiori produttori di notizie false.
Finora, così male. Ma peggiora.
Il rapporto si concentra sulle “molteplici e pesanti conseguenze delle misure Coronavirus” e avverte che queste sono “gravi”.
Più persone muoiono a causa delle misure della corona imposte dallo stato di quante ne vengano uccise dal virus.
Il motivo è uno scandalo in corso:
Un sistema sanitario tedesco incentrato su Coronavirus sta posticipando la chirurgia salvavita e ritardando o riducendo il trattamento per i pazienti non-Coronavirus.
Berlino in smentita. Gli scienziati reagiscono.

giovedì 17 settembre 2020

La Svezia era in lockdown, altro che “alternativa”!!


Da più parti in questi mesi vi sono stati coloro che hanno parlato del protocollo svedese come un modello unico e vincente nel contrastare la diffusione del COVID -19, in opposizione con chi ha ripetutamente indicato la Svezia e la sua iniziale mancanza di restrizioni come un esempio da non imitare assolutamente. I vicini e goliardicamente rivali norvegesi addirittura, in alcuni casi estremi, se la ridono nel vedere gli Svedesi in difficoltà e nel dubbio tengono tuttora chiusi i confini, tranne che per alcune zone recentemente dichiarate “verdi”. Ma esattamente di cosa si parla quando ci si riferisce alla cosiddetta “strategia svedese”?
La Svezia è stata interessata dalla pandemia relativamente in ritardo rispetto ad altri paesi europei, con un primo caso confermato il 31 gennaio (una donna di ritorno dalla provincia cinese di Wuhan), ed un secondo caso quasi un mese dopo, il 27 febbraio (un uomo di ritorno dal nord Italia). Tra la fine di febbraio ed i primi di marzo si calcola che circa un milione di svedesi abbia viaggiato in paesi in cui l’epidemia si era già ampiamente diffusa esponendosi al rischio del contagio e riportandosi realisticamente il virus a casa, in particolare da Gran Bretagna, USA, Francia ed Olanda.

mercoledì 16 settembre 2020

Hillary Clinton ha insabbiato un’indagine sui Pedofili D’élite quando era Segretario Di Stato


Un video di NBC News che è riemerso di recente conferma le voci su Hillary Clinton. Mentre prestava servizio come segretario di stato, è intervenuta e successivamente ha chiuso un’inquietante inchiesta su un giro di pedofili che ha coinvolto alti funzionari e ambasciatori presso il Dipartimento di Stato.
Durante l’inchiesta, i conduttori di NBC News  , insieme al giornalista Chuck Todd, hanno fornito diversi promemoria del Dipartimento di Stato per dimostrare come l’enorme insabbiamento è avvenuto


“Alcune gravi accuse di fronte al Dipartimento di Stato questa mattina” , ha annunciato Matt Lauer, l’ex conduttore di  Today .

martedì 15 settembre 2020

ThriveMovement: The time has come - THRIVE II


Dear Friend of Thrive,

We are thrilled to announce the upcoming release of:
 
THRIVE II: This Is What It Takes 

Here is a link to the trailer on our new website, ThriveOn.com.  The film will be released in 15 languages on September 26, 2020.  Please make note of this new URL so that our messages get through to you.
 

Check out the trailer here, and please share it far and wide.  We are relying on grassroots networks to spread the word.

With our gratitude for your ongoing support,
Foster, Kimberly and the ThriveOn Team
Follow Thrive on Twitter
Like Thrive on Facebook
Visit the Thrive Website
Send Thrive an Email
Subscribe to Thrive on YouTube
Follow Thrive on Instagram
Follow Thrive on Tumblr
ThriveMovement:  Privacy Policy  //  Terms of Use
Copyright © 2020 Thrive Movement International, Inc, All rights reserved.

Our mailing address is:
Thrive Movement International, Inc
P.O. Box 40
Capitola, CA 95010

lunedì 14 settembre 2020

GIALLO ALPI / SEMPRE SEGRETO IL NOME DELL’AGENTE SISDE CHE SA TUTTO. PERCHE’?



Giancarlo Marocchino. In apertura Ilaria Alpi
Spuntano documenti inediti della CIA sull’omicidio di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin.
Li rivela l’Espresso con un’inchiesta firmata da Andrea Palladino. In un dossier dell’agosto 1993, in particolare, i servizi segreti a stelle e strisce segnalano un aumento dei flussi di armi diretti alle fazioni islamiste. E dettagliano il ruolo svolto dagli italiani in quei traffici illegali. Dalle carte emerge anche il nome dell’imprenditore Giancarlo Marocchino.
La Federazione Nazionale della Stampa chiede “alla Procura di Roma di acquisire ed esaminare i documenti della CIA”. Quella Procura di Roma che ha cercato di archiviare l’inchiesta, per volontà del pubblico ministero Elisabetta Ceniccola e del procuratore capo Giuseppe Pignatone.
Il gip capitolino Andrea Fanelli, però, si è opposto all’archiviazione e ha chiesto ulteriori indagini per far luce su 12 punti ancora oscuri. Un punto riguarda proprio la figura di Marocchino.
La prima richiesta di Fanelli è datata ottobre 2019. Se ne doveva sapere qualcosa dopo sei mesi di proroga delle indagini. Ma ad aprile nessuna novità. Il silenzio più totale, grazie forse anche al Covid.
Fanelli ha chiesto altri sei mesi? O cosa?

sabato 12 settembre 2020

Giulio Occhionero: "Le procure facciano chiarezza su Mifsud. Non può essere sparito nel nulla"

IL FALLIMENTO DEI MEDIA DI REGIME, E IL LORO SFORZO PER COPRIRE LA VERITA’ !


Sta succedendo ormai da tempo ma ieri, il giorno della grande manifestazione di Berlino, la collusione dei Media “Istituzionali” ha toccato il fondo.
Adnkronos, scrive : ” Questa mattina alla manifestazione erano circa mille partecipanti diventati poi 18.000 secondo stime della polizia, che è poi intervenuta per disperdere la marcia a causa proprio della violazione delle regole igieniche.”
Ma il fondo lo si tocca con il Tg di La7 che arriva addirittura a negare la manifestazione dei negazionisti del Covid.
Nel video al minuto 12:
Peccato che nello stesso momento, nella coraggiosa Berlino, si stavano schierando già centinaia di migliaia di pacifici manifestanti, disposti a presidiare la città per riappropriarsi dei loro diritti e della loro libertà.
Partecipanti da tutto il mondo, e contemporaneamente a Londra e a Parigi accadeva la stessa cosa.



L’ospite d’eccezione Robert Kennedy Junior rilascia diverse interviste ma quella che ci ha colpito di più è la seguente:


“Quando mio zio ( JFK ) venne qui era il 1962, sarebbe rimasto scioccato nel vedere che ,a quel tempo c’era una battaglia par la democrazia tra l’Ovest e l’Est, e che oggi c’è probabilmente la peggiore battaglia nella Storia Umana.
I Governi amano le pandemie e le componenti autoritarie nelle società, amano le Pandemie, perchè offre loro la capacità di usare la paura e usare il terrore per ESERCITARE IL CONTROLLO AUTORITARIO sulla Società, per COSTRINGERE ALL’OBBEDIENZA le persone e, per la prima volta, stiamo vedendo questo avvenire in tutto il Mondo.
Sta accadendo ora e tocca alla nostra generazione insorgere…”



Dopo le rivolte violente e sanguinarie in America, organizzate da Antifa e BLM e finanziate da Soros, assistiamo invece adesso, al trionfo della Pace e dell’autodeterminazione dei Popoli grazie a migliaia di uomini e donne di buona volontà, che hanno deciso di ribellarsi alla Dittatura Mondialista del NWO.
Mentre in Italia De Luca, Presidente della Regione Campania fa gli auguri a Briatore per la prostatite polmonare, il grande saggista e uomo di fede Alessandro Meluzzi bacchetta in modo inequivocabile i Giornali e la Stampa, invitando tutti gli italiani di spegnere la Tv e usare i giornaloni per altri usi più utili.
Grazie Professore per avere interpretato i sentimenti che ognuno di noi prova in questi giorni cupi e bui, in cui la violenza della Stampa è diventata ormai intollerabile ed esasperante.
Ci auguriamo che il Popolo Tedesco possa vincere questa grande sfida, ma intanto possiamo dire che il primo turno dei Mondiali di Calcio ( al Deep State ) 2020, hanno dato questo risultato :
Germania- Italia : 2 a 0 !!


Un ringraziamento anche agli USA per il loro supporto, più o meno visibile, che speriamo si amplifichi presto anche in Italia.

giovedì 10 settembre 2020

Rete Voltaire: I principali titoli della settimana 10 set 2020


Rete Voltaire
Focus
 
 



In breve

 
La Sicurezza della Patria contro gli Antifa
 

 
Quale nuova arma è stata usata nel Golfo e a Beirut?
 

 
La CIA sfrutta illegalmente il petrolio nel Nordest della Siria
 

 
Il particolare riscaldamento climatico dell'Iraq
 
Controversie
 
 

 
abbonamento    Reclami
 
 

Capitolo 19 - Il Campo Magnetico Terrestre l'11/9


Ci sono alcuni rapporti, ad esempio, che riferiscono che alcuni paesi hanno cercato di creare qualcosa di simile al virus Ebola e che sarebbe un fenomeno molto pericoloso, per non dire altro...Altri si stanno impegnando anche nell'eco-terrorismo in base al quale possono alterare il clima, scatenare terremoti, attivare vulcani da remoto attraverso l'uso di onde elettromagnetiche. - William S. Cohen.

Penso sia corretto affermare che non si sia mai verificato un incidente la cui causa si possa chiaramente ricondurre alle interferenza elettromagnetica. - Granger Morgan.

In realtà non è difficile: il segreto è saper come fare. - Edward Leedskalnin.

Una canna da pesca elettromagnetica. - Robert Clark.


A. Introduzione

Sappiamo che esiste un legame tra elettricità e magnetismo. Da bambina, Dr. Wood ricorda di aver creato un magnete avvolgendo una bobina di filo attorno a un chiodo e collegando le estremità ad una batteria da 9 volt. Poi, tramite il fenomeno opposto, Dr. Wood apprese anche che attraverso l'induzione elettromagnetica un magnete può generare una tensione. Non solo tutti sappiamo che l'elettricità e il magnetismo sono correlati, ma sappiamo che possono interagire. Dopo aver concettualizzato e studiato le somiglianze tra un uragano e una bobina di Tesla, Dr. Wood si interrogò sull'effetto che un grande uragano potrebbe avere sul campo magnetico terrestre.

I dati utilizzati da Dr. Wood sono stati registrati dal Geographical Institute Magnetometer Array (GIMA) dell'Università dell'Alaska, un'istituzione che gestisce diversi siti con magnetometri situati in località dell'Alaska e del Canada occidentale. Sei stazioni furono attive e registrarono dati durante il periodo intorno all'11 settembre 2001. Di seguito viene mostrato un esempio di un tracciato delle loro registrazioni.

I valori misurati dai magnetometri provenienti dalle sei diverse stazioni di ricerca nel nord dell'Alaska rivelano variazioni anomale nel campo magnetico terrestre nei momenti esatti in cui gli eventi chiave si stavano svolgendo a New York City l'11/9. La fig.1 mostra le deviazioni dai valori medi su un periodo di quattro giorni.

Fig.1 - Fluttuazioni del campo magnetico terrestre nella direzione del nord magnetico,
(Componente Orizzontale (H) delle 6 stazioni: direzione Nord/Sud) dalle 8 PM del 08/09/01 alle 8 PM del 12/09/01 (4 giorni). [Fonte dati: Data Chart for 2001. Oggi, i dati in vari formati si possono reperire qui University of Alaska Archivio mentre è anche possibile visualizzare i grafici delle varie stazioni per le tre componenti del campo magnetico H, D, e Z, visibili anche nelle immagini che seguiranno. 
Le linee verticali colorate corrispondondono ai 5 eventi principali: blu scura: buco al WTC 1; rossa: buco al WTC 2; rosa: distruzione WTC 2; azzurra: distruzione WTC 1; verde: distruzione WTC 7].

Immediatamente prima del primo evento, al WTC 1, le letture dei magnetometri iniziarono a fluttuare dalla media. Tali fluttuazioni aumentarono e, in concomitanza con ogni evento distruttivo da quel momento in poi [formazione del buco al WTC 2, distruzione del WTC 2, del WTC 1 e del WTC 7], i valori si spostarono drasticamente verso l'alto o il basso. In tutti i casi, le fluttuazioni delle letture dei magnetometri furono significativamente diverse dalla norma, specialmente per quanto riguarda le tempistiche [ossia, le coincidenze temporali].

mercoledì 9 settembre 2020

"Where did the Towers Go?" Capitolo 18 - L'Uragano Erin

Non ho dubbi sul fatto che riusciremo a sfruttare l'energia del sole...Se i raggi del sole fossero armi da guerra, avremmo avuto l'energia solare secoli fa. - Sir George Potter.

A. Introduzione

Era una bella mattinata di inizio autunno a New York City. L'11 settembre 2001 iniziò con calma, con delle temperature gradevoli e un cielo blu cristallino. Alcuni si erano ritagliati del tempo per fare delle commissioni la mattina presto. Ma pochissime di queste persone, in realtà pochissime nell'intera popolazione di New York City, sapevano che nello stesso momento un uragano enorme si trovava appena al largo di Long Island. Quella tempesta era l'Uragano Erin, come si vede in fig.1.

Fig.1 - L'Uragano Erin l'11 settembre 2001. [DC è Washington.]
L'Uragano Erin è nato il 1 settembre 2001, la quinta tempesta atlantica della stagione 2001 a cui è stato assegnato un nome ed il primo a raggiungere la forza di un uragano [Fonte: Tropical Cyclone Report - Uragano Erin]. Fondendosi con un'altra tempesta il 17 settembre, Erin è stata anche la tempesta atlantica più longeva della stagione 2001. Prima di quella fusione, tuttavia, a partire dal 7 settembre, Erin iniziò una marcia di quattro giorni lungo una traiettoria che la portava direttamente a New York City. (Vedere fig.10). Al 10 settembre, l'Uragano Erin era diventato un uragano di Categoria 3 con una velocità dei venti di 120 miglia orarie (193 km/h) [Fonte: Tropical Cyclone Report - Uragano Erin] proprio mentre passava le Bermuda lungo il suo percorso dritto verso New York City. Eppure non abbiamo sentito nulla a riguardo di questa tempesta. Le Torri del World Trade Center sono state costruite per resistere a carichi dovuti al vento fino a 140 mph (225 km/h) [Fonte: Why Did the World Trade Center Collapse? Science, Engineering, and Speculation], una forza equivalente ad una Categoria 4 e solo 20 mph in più rispetto alla velocità dei venti dell'Uragano Erin. Tralasciando il pericolo per gli edifici di una certa altezza, anche se l'Uragano Erin avesse cambiato rotta e non fosse arrivato sulla terraferma, la minaccia di inondazioni dovute alle onde di tempesta era molto reale. L'Uragano Ike (2008) si è abbattuto sulla terraferma in Texas come un uragano di Categoria 2 con onde di tempesta con massimi di 15-20 piedi (4.5-6 metri) [Fonte: Saffir-Simpson Hurricane Wind Scale]. Eppure, ancora una volta, non abbiamo sentito nessuna notizia su questa tempesta.

Le persone ricordano l'11 settembre come uno dei giorni più limpidi che abbiano mai visto lungo la costa orientale. Il satellite che ha scattato le immagini mostrate in fig.1 e fig.2 aveva una chiara visuale di New York City e aveva anche una chiara visuale dell'Uragano Erin. Le fasce esterne della tempesta raggiunsero Cape Cod e un'estremità di Long Island.

Nemmeno Dr. Wood sapeva della presenza di un uragano appena fuori New York City l'11/9 fino a quando non scoprì il fatto mentre cercava alcune immagini meteorologiche-satellitari per studiare il pennacchio di polvere ascendente proveniente dalle Torri distrutte del WTC.

B. L'Uragano Erin l'11 Settembre

In effetti, come scoprì Dr. Wood, Erin si avvicinò maggiormente a New York e raggiunse anche la sua massima dimensione l'11 settembre stesso [la dimensione si riferisce al diametro dell'uragano, non alla velocità dei venti]. È interessante notare che il National Hurricane Center previde che Erin dovesse avere più forza di quanto non fosse stato previsto nel caso di Katrina quattro anni dopo [Fonte: Tropical Cyclone Report - Hurricane Katrina]. È curioso quindi che questo uragano non fu menzionato o mostrato sulla grafica nei bollettini meteorologici mattutini [Fonte: Judy Wood - Erin & https://www.youtube.com/watch?v=wEoyN44oYh4 & https://www.youtube.com/watch?v=tYEJUzuxFoM]. I meteorologi erano assolutamente certi che l'uragano avrebbe compiuto una brusca svolta a destra allontanandosi da New York e si sarebbe diretto verso il mare aperto prima che ci fosse una grave minaccia di mareggiate? No - almeno non secondo il National Weather Service [Fonte: HURRICANE ERIN DISCUSSION NUMBER 35]. Con circa 500 miglia di diametro, l'Uragano Erin aveva all'incirca le stesse dimensioni del più recente Uragano Katrina, eppure il pubblico non ne fu largamente informato, nessuno dei principali notiziari del mattino menzionavano la tempesta. Tuttavia, Erin fu oggetto di studi approfonditi. La previsione era che Erin avrebbe avuto più forza di quanta ne avrebbe avuta Katrina in seguito. In effetti, l'Uragano Erin ebbe davvero più energia ciclonica dell'Uragano Katrina, misurata dall'Energia Ciclonica Accumulata (ACE) di ciascun uragano.

martedì 8 settembre 2020

EDWARD SNOWDEN / LEGALI LE SUE DENUNCE CONTRO LA “NSA” AMERICANA


Edward Snowden aveva ragione.
Lo ha deciso una Corte federale degli Stati Uniti dopo anni di persecuzioni nei confronti del giovane informatico che scoprì magagne e affari sporchi della CIA e degli ambienti militari della sicurezza americana.
La sentenza, infatti, stabilisce che il programma di sorveglianza della National Security Agency, in base al quale venivano raccolte montagne di dati dalle telefonate intercettate dei cittadini, era del tutto illegale e incostituzionale.
Una giuria composta da tre giudici della Corte d’Appello del Nono circuito, in particolare, ha appurato che il programma – rivelato nel 2013 da Snowden – violava in modo palese le leggi sulla sorveglianza degli Usa e può aver violato il quarto emendamento della Costituzione a stelle e strisce. Un fatto gravissimo.
Snowden all’epoca lavorava alle dipendenze della National Security Agency e, pur giovanissimo, era già un grande esperto informatico. Per evitare le galere americane si rifugiò in una località segreta della Russia.
Ora ricorda sul suo account Twitter che sette anni fa, quanto è stato “accusato di essere un criminale per aver detto la verità” non avrebbe mai immaginato “che sarebbe vissuto fino a vedere i tribunali americani condannare le attività della NSA come illegali, e che la stessa sentenza gli attribuisce il merito di averle scoperte e segnalate”.
“La Corte ha ritenuto che il programma fosse illegale e inefficace”, scrive Snowden in un altro tweet in cui assicura che “la sentenza del tribunale ribalta le vecchie difese della sorveglianza di massa”.
Una sorveglianza oggi più che mai drammaticamente attuale, con le minacce di Bill Gates e di Elon Musk di voler “microchippare” i cervelli dei cittadini, con il pretesto del tracciamento per il Covid. Al fine di ottenere un controllo globale su tutti.

In apertura Edward Snowden

www.lavocedellevoci.it