venerdì 23 agosto 2019

GIALLO EPSTEIN / COMINCIANO I “MESSAGGI”


L’affare Epstein si fa sempre più esplosivo. Il braccio destro del magnate americano “suicidato” nel super carcere di New York, infatti, ha appena cominciato a lanciare “messaggi”.
Ghislaine Maxwell si è fatta fotografare al tavolino di un bar nel cuore di Los Angeles mentre mancia un hamburger. Ma, soprattutto, mentre sfoglia le pagine di un libro dal titolo che è tutto un programma, “The Book of the Honor – The Secret Lives and Deaths of the CIA Operatives”, ossia “Il Libro dell’Onore – Le Vite e le Morti Segrete dei Vertici Operativi della CIA”. Autore del giallo politico è Ted Gup.
“Un messaggio che più chiaro non si può”, scrive il New York Post.
Nel volume vengono descritte non poche black stories che vedono come protagonisti agenti di grosso calibro griffati Cia, utilizzati per le più spericolate manovre politiche. La gran parte viene poi “scaricata” dall’establishment e, in particolare, dai big della Casa Bianca.
Osservano alcuni analisti americani: “Lancia messaggi perché teme di essere abbandonata. Lei era una sorta di super manovratore delle mosse di Epstein, una sorta di maxi organizzatrice, in qualche modo lo ‘aveva nelle sue mani’. Adesso ne porta tutti i segreti esplosivi. La sua morte può far comodo a molti, per questo ora lei lancia i suoi messaggi: se mi fate qualcosa, vi porto con me”.
Notano altri: “I circuiti che la Maxwell ha frequentato sono soprattutto quelli britannici e israeliani, nell’orbita dei Rotschield. Vengono subito alla mente i legami tra questi ambienti e quelli del ‘Deep State’ o, se volete, della ‘Quinta Colonna’. Un mondo di politica e affari che aveva scommesso molte carte sulla rielezione di Hillary Clinton”.
E il tandem Epstein-Maxwell ha “lavorato” all’ombra dei presidenti Usa. Tutti, nessuno escluso, a cominciare dai Bush, senior e junior…

Nella foto Ghislaine Maxwell a Los Angeles mentre legge il libro sugli affari sporchi della CIA

giovedì 22 agosto 2019

[Reseau Voltaire] Les principaux titres de la semaine 21 ago 2019


Réseau Voltaire
Focus




En bref

 
Libération partielle du gouvernorat d'Idleb
 

 
Contacts secrets USA-Venezuela
 

 
L'Australie pourrait adhérer à l'Otan
 

 
Affaiblir des pays en manipulant la démocratie
 
Controverses
Fil diplomatique

 
Discours d'Emmanuel Macron pour le 75è anniversaire du débarquement en Provence
 

 

« Horizons et débats », n°18, 19 août 2019
Démocratie directe
Partenaires, 20 août 2019

« Horizons et débats », n°17, 5 août 2019
Fondement de la politique étrangère suisse
Partenaires, 20 août 2019

« Horizons et débats », n°16, 22 juillet 2019
La Russie contre l'Occident – ou l'inverse ?
Partenaires, 20 août 2019
abonnement    Réclamations


mercoledì 21 agosto 2019

Rete Voltaire: I principali titoli della settimana 21 ago 2019


Rete Voltaire
Focus




In breve

 
L'Australia potrebbe aderire alla NATO
 

 
Indebolire Paesi manipolando la democrazia
 

 
I britannici e la "rivoluzione colorata" a Hong Kong
 

 
Macron ha la pretesa di parlare a nome degli Stati Uniti
 

 
Doha Bank inquisita per aver finanziato Al Qaeda in Siria
 

 
L'Arabia Saudita contro la Turchia
 

 
Attenzione: la Finanziaria di pagamenti elettronici sospende il conto Réseau Voltaire
 

 
La Turchia prepara un'invasione del nord della Siria
 
Controversie

 
abbonamento    Reclami


L’elenco completo delle persone collegate ai Clinton morte in circostanze misteriose o ‘suicidatesi’ prima di testimoniare


Sabato scorso, il miliardario Jeffrey Epstein, il detenuto di più alto profilo in custodia negli Stati Uniti, è stato trovato morto nella sua cella di Manhattan.
Questo è avvenuto il giorno dopo che erano state rese pubbliche duemila pagine di documenti giudiziari, precedentemente secretati, riguardanti il procedimento contro Jeffrey Epstein per atti di violenza sessuale su minori.
I documenti descrivevano come Bill Clinton avesse partecipato a feste private sull’isola del pedofilo Jeffrey Epstein.
Clinton aveva volato almeno 27 volte sull’aereo privato di Jeffrey Epstein. Nella maggior parte di quei voli era stato accompagnato da ragazze minorenni.
Nonostante un precedente tentativo, appena tre settimane fa, di togliersi la vita, le guardie carcerarie, la notte di venerdi, avevano saltato i controlli previsti ogni 30 minuti alla cella di Epstein.
Nelle prime ore del mattino lo avevano trovato morto.
Jeffrey Epstein è l’ultimo di un lungo elenco di collaboratori e frequentatori della famiglia Clinton che sono morti misteriosamente o si sono suicidati prima della loro testimonianza pubblica.
Nel 2016 la CBS di Las Vegas aveva pubblicato un elenco degli associati Bill e Hillary Clinton che sarebbero morti in circostanze misteriose.
Ecco quella lista.
1- James McDougal – Il socio dei Clinton condannato per il caso Whitewater era morto per un apparente attacco cardiaco mentre si trovava in isolamento. Era un testimone chiave nelle indagini di Ken Starr.
2 – Mary Mahoney – Una ex stagista della Casa Bianca, era stata assassinata nel luglio 1997 in una caffetteria Starbucks a Georgetown. L’omicidio era avvenuto subito prima che rendesse di pubblico dominio il fatto di avere subito molestie sessuali alla Casa Bianca.
3 – Vince Foster – Ex consigliere della Casa Bianca e collega di Hillary Clinton presso lo studio legale Rose di Little Rock. Era morto per una ferita da arma da fuoco alla testa, risolta come suicidio.
4 – Ron Brown – Segretario al Commercio ed ex Presidente del DNC [Comitato Nazionale Democratico]. La causa ufficiale della morte era stata impatto da incidente aereo. Un patologo che aveva partecipato alle indagini aveva riferito che c’era un buco nella parte superiore del cranio di Brown molto simile ad un ferita da arma da fuoco. Al momento della sua morte, Brown era sotto indagine e non aveva fatto segreto della sua volontà di concludere un accordo con gli inquirenti. Erano morti anche tutti gli altri passeggeri dell’aereo. Pochi giorni dopo, il controllore del traffico aereo si era suicidato.
5 – C. Victor Raiser, II – Raiser, uno dei principali responsabili dell’organizzazione per la raccolta fondi dei Clinton, era morto nella caduta di un aereo privato, nel luglio 1992.
6 – Paul Tulley – Direttore politico del Comitato Nazionale Democratico era stato trovato morto in una stanza d’albergo a Little Rock, nel settembre 1992. Descritto dai Clinton come “caro amico e consigliere fidato.”
7 – Ed Willey – Responsabile della raccolta fondi per i Clinton, era stato trovato morto nel novembre 1993 in un bosco della Virginia, con una ferita da arma da fuoco alla testa. Risolto come suicidio. Ed Willey era morto lo stesso giorno in cui sua moglie, Kathleen Willey, aveva affermato che Bill Clinton l’aveva palpeggiata nello Studio Ovale della Casa Bianca. Ed Willey era stato coinvolto in numerosi eventi di raccolta fondi per i Clinton.
8 – Jerry Parks – Capo della squadra di sicurezza governativa di Clinton a Little Rock. Ucciso con un’arma da fuoco mentre era in macchina in un incrocio deserto fuori Little Rock. Il figlio di Parks aveva riferito che il padre stava allestendo un dossier su Clinton. Aveva presumibilmente minacciato di rendere pubbliche queste informazioni. Dopo la sua morte, i documenti erano misteriosamente spariti dalla sua abitazione.
9 – James Bunch – Deceduto per suicidio da arma da fuoco. Sembra possedesse un “libro nero” contenente i nomi di persone influenti che frequentavano prostitute in Texas ed Arkansas.
10 – James Wilson – Era stato trovato morto nel maggio 1993, apparentemente si era suicidato impiccandosi. Sembra avesse legami con il caso Whitewater.
11 – Kathy Ferguson – Ex moglie del poliziotto dell’Arkansas Danny Ferguson, era stata trovata morta nel maggio 1994 nel salotto di casa sua, uccisa con un colpo di pistola alla testa. Era stato considerato un suicidio, anche se c’erano diverse valigie piene, come se la donna fosse stata in procinto di recarsi altrove. Danny Ferguson era un co-imputato, insieme a Bill Clinton, nella causa intentata da Paula Jones. Kathy Ferguson era una possibile testimone a favore di Paula Jones.
12 – Bill Shelton – Agente della polizia di stato dell’Arkansas e fidanzato di Kathy Ferguson. Scettico sul suicidio della sua fidanzata, era stato trovato morto nel giugno 1994 per una ferita da arma da fuoco e si era stabilito che si era suicidato sulla tomba della sua fidanzata.
13 – Gandy Baugh – Avvocato dell’amico di Clinton, Dan Lassater, era morto nel gennaio 1994 lanciandosi da una finestra di un alto edificio. Il suo cliente era un distributore di droga già condannato.
14 – Florence Martin – Ragioniera e subappaltatrice per la CIA, era legata al caso Barry Seal, Mena, Arkansas, un caso di traffico di droga all’aeroporto. Era morta per tre ferite da arma da fuoco.
15 – Suzanne Coleman – Secondo quanto riferito, aveva avuto una relazione con Clinton quando quest’ultimo era procuratore generale dell’Arkansas. Era morta per una ferita da arma da fuoco alla nuca, risolta come suicidio. Al momento della morte era incinta.
16 – Paula Grober – Traduttrice simultanea di Clinton per i non udenti, dal 1978 fino alla sua morte, il 9 dicembre 1992. Era morta in un incidente automobilistico.
17 – Danny Casolaro – giornalista investigativo, indagava sull’aeroporto di Mena e sull’organo per il finanziamento dello sviluppo dell’Arkansas. Si era tagliato i polsi, apparentemente nel bel mezzo della sua indagine.
18 – Paul Wilcher – L’avvocato che indagava sulla corruzione all’aeroporto di Mena con Casolaro e sula “sorpresa di ottobre” del 1980, era stato trovato morto in bagno, il 22 giugno 1993, nel suo appartamento di Washington DC. Aveva consegnato un rapporto a Janet Reno tre settimane prima della sua morte.
19 – Jon Parnell Walker – Investigatore del caso Whitewater per la Resolution Trust Corporation. Era morto gettandosi dal balcone del suo appartamento di Arlington, in Virginia, il 15 agosto 1993. Stava indagando sullo scandalo Morgan Guaranty.
20 – Barbara Wise – Collaboratrice del Dipartimento del Commercio. Aveva lavorato a stretto contatto con Ron Brown e John Huang. Causa del decesso: sconosciuta. Era morta il 29 novembre 1996. Il suo corpo nudo e pieno di lividi era stato trovato chiuso a chiave nel suo ufficio, presso il Dipartimento del Commercio.
21 – Charles Meissner – Sottosegretario al Commercio, che aveva concesso a John Huang il nulla osta di sicurezza, era morto poco dopo in un incidente aereo.
22 – Dr. Stanley Heard – Presidente del Comitato Consultivo Nazionale per la Terapia Chiropratica era morto con il suo avvocato, Steve Dickson, in un incidente aereo. Il dottor Heard, oltre a prestare servizio nel consiglio consultivo dei Clinton, aveva curato personalmente la madre, il patrigno e il fratello di Clinton.
23 – Barry Seal – Un pilota della TWA che contrabbandava droga dall’aereoporto di Mena, Arkansas, la sua morte non è stata casuale [assassinato il 19 febbraio 1986].
24 – Johnny Lawhorn, Jr. – Meccanico, aveva trovato un assegno intestato a Bill Clinton nel bagagliaio di un’auto lasciata nella sua officina. Era stato trovato morto dopo che la sua macchina aveva colpito un palo della luce.
25 – Stanley Huggins – Indagava sulla Madison Guaranty Savings and Loan Association. La sua morte era stata dichiarata un presunto suicidio e il suo rapporto non era mai stato pubblicato.
26 – Hershell Friday – Avvocatessa e responsabile della raccolta fondi per Clinton, era morta il 1° marzo 1994, quando il suo aereo era esploso.
27 – Kevin Ives e Don Henry – Noto come il caso dei “ragazzi che avevano trovato una pista.” I rapporti dicono che due i ragazzi potrebbero essersi imbattuti nel traffico di droga dell’aeroporto di Mena, Arkansas. Un caso controverso, secondo il rapporto iniziale della morte, i due ragazzi si sarebbero addormentati sui binari della ferrovia. Rapporti successivi avevano stabilito che i due giovani erano stati uccisi prima di essere messi sulle rotaie. Molte persone legate al caso erano morte prima che la loro testimonianze potessero arrivare davanti al Gran Giurì.
QUESTE PERSONE AVEVANO INFORMAZIONI SUL CASO IVES/HENRY:
28 – Keith Coney – Era morto quando, con la sua moto, aveva tamponato un camion, luglio 1988.
29 – Keith McMaskle – Deceduto, pugnalato 113 volte, novembre 1988.
30 – Gregory Collins – Morto per una ferita da arma da fuoco nel gennaio 1989.
31 – Jeff Rhodes – Ucciso con un’arma da fuoco, mutilato e trovato bruciato in una discarica nell’aprile 1989.
32 – James Milan – Trovato decapitato. Tuttavia, il medico legale aveva stabilito che la sua morte era dovuta a “cause naturali.”
34 – Richard Winters – Uno dei sospettati nelle morti di Ives/Henry. Ucciso in una rapina organizzata nel luglio 1989.
ANCHE QUESTE GUARDIE DEL CORPO DI CLINTON SONO MORTE
35 – Maggiore William S. Barkley, Jr.
36 – Capitano Scott J. Reynolds
37 – Sergente Brian Hanley
38 – Sergente Tim Sabel
39 – Maggiore Generale William Robertson
40 – Colonnello William Densberger
41 – Colonnello Robert Kelly
42 – Specialista Gary Rhodes
43 – Steve Willis
44 – Robert Williams
45 – Conway LeBleu
46 – Todd McKeehan
E il più recente, Seth Rich, il collaboratore del Comitato Democratico, assassinato e “derubato” (di niente) il 10 luglio 2016. Il fondatore di Wikileaks, Assange, afferma che [Rich] era in possesso di informazioni sullo scandalo della posta elettronica del DNC.
In questa lista non sono inclusi i 4 eroi uccisi a Bengasi.
Ed ora potete aggiungere all’elenco il multimilionario Jeffrey Epstein

Jim Hoft
Fonte: www.thegatewaypundit.com

Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

lunedì 19 agosto 2019

Politica e pedofilia: un mix demoniaco


Il rinvio a giudizio del facoltoso investitore Jeffrey Epstein da parte del procuratore americano per il Distretto Sud di New York (SDNY) con l’accusa di sfruttamento internazionale della prostituzione e cospirazione al fine perpetrare tale attività ha causato ondate di shock in tutti i settori politici, economici e sociali degli Stati Uniti e di altri paesi.
La flotta di aerei privati di Epstein e le sue numerose residenze avevano indotto gli investigatori delle forze di polizia ad indagare a fondo su varie attività, in un arco di diversi decenni, attinenti al passato recente e remoto di Epstein. Inoltre, secondo i rapporti degli inquirenti, i documenti giudiziari e le dichiarazioni dei testimoni, la cerchia degli amici di Epstein comprendeva alcune delle persone politicamente più importanti al mondo, tra cui il presidente Donald Trump, l’ex presidente Bill Clinton, il principe inglese Andrea, il duca di York e l’ex Primo Ministro israeliano Ehud Barak. Tutti questi VIP, così come altri, avevano socializzato con Epstein e Trump, in particolare, era ben consapevole della predilezione di Epstein per  ragazze “veramente molto giovani.” In realtà, Trump ed Epstein sono stati citati come co-imputati in una causa del 2016, sulla base del presunto stupro, nel 1994, di una ragazza di 13 anni avvenuto nella dimora di Epstein a Manhattan. Quella causa, Jane Doe contro Jeffrey Epstein e Donald Trump, ha ricevuto maggior attenzione, ora che Epstein, un ex-condannato per sfruttamento della prostituzione minorile in Florida, è stato incriminato sulla base di accuse federali di sfruttamento della prostituzione.
La connessione di Epstein con l’amministrazione Trump includeva anche la scelta di Trump per la carica di segretario del lavoro di Alex Acosta, il procuratore degli Stati Uniti per la Florida del sud nel 2007- 2008, che aveva firmato un accordo di mancata prosecuzione, valido a livello federale e per lo stato della Florida, che metteva al riparo Epstein e i suoi complici da eventuali futuri procedimenti giudiziari statali o federali relativi allo sfruttamento della prostituzione minorile da parte di Epstein. In cambio di questo patteggiamento “dolce,” Epstein si era semplicemente dichiarato colpevole di alcune accuse di incitamento alla prostituzione di ragazze minorenni, aveva scontato una condanna virtuale a “porte aperte” di tredici mesi nella Contea di Palm Beach e aveva accettato di farsi registrare come colpevole di reati sessuali. Gli interrogativi sul ruolo di Acosta nell’affare Epstein e sull’accordo [da lui firmato] avevano portato alle sue dimissioni da segretario del lavoro. Una parte delle funzioni di Acosta come segretario del lavoro consisteva nel monitoraggio del traffico di donne e bambini a scopo di prostituzione ai sensi delle leggi statunitensi e dei trattati internazionali.
Epstein stava ritornando da Parigi sul suo jet privato il 6 luglio di quest’anno, quando era stato arrestato dalle autorità federali. La natura internazionale dei traffici di Epstein è evidenziata dal fatto che possiede due isole al largo di St. Thomas, Little St. James e Greater St. James, nelle Isole Vergini americane. Epstein ha anche residenze a Manhattan, Palm Beach, in Florida (vicino al complesso turistico Mar-a-Lago di Trump) e nel New Mexico. Epstein usava un passaporto austriaco rilasciato sotto falso nome. L’uso di passaporti falsi o autentici ma con identità false è una specialità del Mossad, che dispone in Israele di una “fabbrica di passaporti” utilizzata per produrre documenti di viaggio fasulli. Questi sono stati utilizzati per le operazioni del Mossad in Australia, Dubai, Nuova Zelanda, Stati Uniti, Canada, Svizzera, Costa Rica, India, Tailandia, Messico, Perù, Brasile, Bielorussia, Ucraina, Germania, Spagna, Trinidad e Tobago, Venezuela, Gran Bretagna, Francia, Turchia e Corea del Nord. Epstein aveva usato il suo falso passaporto austriaco per viaggiare in Francia, Spagna (comprese le Isole Canarie), Arabia Saudita e Gran Bretagna.
I vertici della struttura politica e dell’intelligence israeliana sono anch’essi ben rappresentati nella cerchia degli associati e degli amici di Epstein. I misteriosi legami di Epstein con servizi di intelligence nazionali non identificati erano venuti alla luce dopo le rivelazioni che ad Acosta, mentre era procuratore degli Stati Uniti a Miami, era stato ordinato da un’autorità superiore “di stare alla larga” dal caso Epstein perché Epstein “apparteneva all’intelligence” e Acosta avrebbe dovuto “lascialo in pace.”
Mentre l’uso del ricatto sessuale da parte delle agenzie di intelligence è vecchio quanto le operazioni di intelligence stesse, l’uso dei minori in queste “trappole al miele,” in genere, è di competenza di poche organizzazioni di spionaggio, di cui la principale è il Mossad israeliano. E, considerando le connessioni israeliane di Epstein, ci sono ottime possibilità che fosse proprio il Mossad l’organizzazione per la quale Epstein preparava ricatti politici.
In primo luogo, Epstein aveva gestito il portafoglio finanziario di Leslie Wexner, il magnate dei negozi al dettaglio con sede in Ohio. La Wexner Foundation aveva elargito generose sovvenzioni ad organizzazioni israeliane, comprese borse di studio per quei funzionari del governo israeliano che avessero voluto conseguire diplomi post-laurea presso la John F. Kennedy School of Government dell’Università di Harvard.
In secondo luogo, l’assistente amministrativa di lunga data di Epstein era Ghislaine Maxwell, figlia del defunto magnate britannico dei media, Robert Maxwell. Epstein e Ghislaine Maxwell erano stati, per parecchio tempo, frequentatori abituali del club Mar-a-Lago di Trump.
Sebbene ci siano state diverse illazioni sui legami di Robert Maxwell con vari servizi di intelligence, la sua sepoltura sul sacro Monte degli Ulivi a Gerusalemme, riservata ai collaboratori più fedeli di Israele, è la prova lampante della sua vita di servitore dello stato israeliano. Nel necrologio di Maxwell del 1991, il Primo Ministro israeliano Yitzhak Shamir aveva dichiarato che Maxwell “aveva fatto per Israele di più di quanto si possa dire oggi.” Andando indietro nel tempo, quella lealtà era servita ad Israele non solo perchè Maxwell era un parlamentare del Regno Unito per il Partito Laburista, ma anche come assicurazione sul fatto che il Partito Laburista avrebbe mantenuto un atteggiamento filo-israeliano. Maxwell e Donald Trump erano anche intimi frequentatori sociali, e spesso si vedevano insieme in occasione di eventi riservati alla crème de la crème di New York.
Robert Maxwell manteneva stretti rapporti con i leader comunisti dell’Europa orientale. Epstein trafficava in ragazze minorenni provenienti dall’Europa dell’Est, compresa l’ex Jugoslavia e la Cecoslovacchia, quest’ultima è la nazione di nascita di Robert Maxwell. I viaggi di Epstein lo avevano anche portato in Slovacchia, Messico, Sudafrica e Marocco.
Epstein aveva sempre pronta una scorta di denaro, e anche cospicua. L’aveva utilizzata per acquistare due isolotti nelle Isole Vergini americane e dotarne uno di un’imponente costruzione e di residenze per gli ospiti. Epstein aveva anche una flotta di jet, tra cui un Boeing 727, soprannominato “Lolita Express,” un Gulfstream IV, un Gulfstream GV e un elicottero.
Epstein aveva fatto costruire un enorme ranch nel New Mexico, completo di hangar e pista di atterraggio. Possedeva anche un appartamento in Avenue Foch, vicino all’Arc de Triomphe, nel quartiere più costoso di Parigi. La residenza di sette piani di Epstein nell’Upper East Side di Manhattan veniva usata per intrattenere la nobiltà della politica, dello spettacolo e persino della scienza. Mentre parte della ricchezza di Epstein proveniva indubbiamente dalla gestione del portafoglio di Wexner e dagli investimenti per l’ormai defunta società di titoli Bear Stearns di Wall Street e dall’uomo d’affari saudita Adnan Khashoggi, l’aumento costante delle finanze di Epstein, durante i periodi sia di rialzo che di ribasso di Wall Street, aveva sconcertato gli esperti finanziari. L’uso da parte di Epstein di una serie di società di comodo per spostare i suoi capitali è un forte indizio del fatto che alcuni di questi provenivano dall’intelligence israeliana, mentre altri flussi di cassa derivavano dai pagamenti dei ricatti da parte di coloro che erano implicati nelle attività di Epstein.
Il trasferimento da parte di Epstein di ingenti somme di denaro dagli Stati Uniti a conti esteri aveva fatto si che JP Morgan Chase e Deutsche Bank troncassero i legami con lui. Il movimento di fondi di Epstein attraverso le filiali della Deutsche Bank a New York e a Jacksonville, in Florida, nel 2015 e nel 2016, aveva indotto la banca ad informare il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti tramite rapporti su attività sospette. Per coincidenza o no, la filiale di Jacksonville aveva anche segnalato movimenti sospetti di denaro attraverso Deutsche Bank da parte della Kushner Companies, la società di proprietà del genero di Trump, Jared Kushner, e della Trump Organization.
Le residenze di Epstein erano dotate di sofisticati sistemi di intercettazione e di telecamere di sorveglianza. La Little St. James Island di Epstein aveva una rete WiFi e cellulare estesa a tutta l’isola che serviva ad intercettare telefonate, e-mail e messaggi di testo inviati e ricevuti nell’area di copertura. In una causa contro Epstein intentata da una delle sue numerose vittime, si afferma che Epstein aveva installato telecamere nascoste in tutte le sue proprietà per registrare, a scopo di ricatto, le attività sessuali con ragazze minorenni di personaggi importanti.
Durante la sua visita di stato a Londra, il principale accompagnatore di Trump era stato il principe Andrea. Andrea non solo ha un ruolo di primo piano nella cerchia degli amici di Epstein, ma la Gran Bretagna non si è ancora ripresa dalle gesta pedofile dell’intrattenitore di lunga data della BBC, Jimmy Savile. Implicati per diversi decenni nella dissolutezza di Savile erano stati anche il Primo Ministro conservatore Edward Heath, l’ex funzionario dei servizi segreti del MI-6, Sir Peter Hayman, il deputato democratico liberale Cyril Smith, il parlamentare del Partito Liberale, Sir Clement Freud (nipote del famoso psicopatologo Sigmund Freud) e il collega del Partito Laburista, Lord Greville Janner.
E’ indiscutibile il fatto che i vertici dell’establishment della sicurezza e dell’intelligence britannica siano affollati di pedofili. La misura in cui l’MI-5 e l’MI-6 hanno usato queste oscure inclinazioni per portare avanti le loro agende è fuori discussione. Una cosa è nota, tuttavia. Politici e media che cercano di scoprire fino a che punto i pedofili rivestano posizioni di alto livello nel governo, nella chiesa, nello spettacolo e in altri settori sono spesso oggetto di minacce. D’altro canto, fino a poco tempo fa i soldi di Epstein avevano assicurato il silenzio dei governi delle Isole Vergini americane, del Nuovo Messico, della Florida e dell’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan.
The Miami Herald, i suoi giornalisti e i suoi editori che avevano scoperto i dettagli del caso Epstein, erano stati minacciati. Così anche i politici che avevano perseguito i complici politici di Epstein in Florida. Tra quelli minacciati vi è la senatrice dello stato della Florida, Lauren Book. A causa delle sue ostinate indagini sui pedofili nel governo dello stato della Pennsylvania, Kathleen Kane, procuratore generale del Commonwealth, è stata incriminata sulla base di false accuse, costretta a dimettersi dall’incarico e condannata ad una pena detentiva. L’ex ministro della Sanità dell’Isola di Jersey, Stuart Syvret, è stato etichettato dai media come “pazzo cospirazionista” per le sue indagini sugli abusi sessuali su minori nell’orfanotrofio dell’isola di Haute de Garenne. In un’intervista del 2007 ad una rivista francese, il presidente francese Nicolas Sarkozy aveva scioccato la Francia dicendo che era “incline a pensare che le persone nascano pedofile e che sia anche un problema che non sappiamo come gestire.” C’è anche lo strano fatto che l’attuale presidente francese, Emmanuel Macron, avesse iniziato una relazione, mentre aveva 15 anni, con la sua insegnante, che ora è sua moglie e First Lady di Francia. Anche se Epstein era stato arrestato in un aeroporto del New Jersey, mentre era appena ritornato da Parigi sul suo aereo privato, le autorità francesi non sono state particolarmente veloci nell’aprire un’indagine sulle attività di Epstein in Francia.
È stato l’insabbiamento della sua passata attività di pedofilia che aveva fatto finire in prigione l’ex presidente repubblicano della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, Dennis Hastert, un tempo il secondo in ordine di importanza per la candidatura alla presidenza degli Stati Uniti.
Il processo federale di Epstein è previsto per l’estate del 2020, proprio nel bel mezzo della campagna presidenziale degli Stati Uniti. Le prove che verranno presentate, si parla di oltre un milione di pagine, sono destinate ad influenzare l’esito delle elezioni. Gli stretti rapporti di Trump con Epstein potrebbero essere la ragione per cui così tanti membri repubblicani della Camera dei Rappresentanti stanno abbandonando la nave. Quella che, nel 2020, si crede possa essere una sconfitta dei Repubblicani, potrebbe rivelarsi uno tsunami, se il processo di Epstein producesse le informazioni esplosive che ci si attendono sui miliardari dell’isola di Palm Beach in Florida, la residenza di Epstein, di Trump e di altri mestatori mega-ricchi .
Wayne Madsen
Fonte: www.strategic-culture.org

Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

mercoledì 7 agosto 2019

LA VOCE rooseveltiana N° 11 di Mercoledì, 07 Agosto 2019


La Voce Rooseveltiana


D(i)RITTI VERSO LA LIBERTÀ DAL BISOGNO
 
Siamo una comunità di cittadini che sognano il Rinascimento democratico
di cui la società ha bisogno




Editoriale
 
E IL GOVERNO-ZERO ORA SI PIEGA ANCHE SUL TAV

di Giorgio Cattaneo



Editoriale 11

Anticamente, la Lega era NoTav. Poi, la folgorante conversione sulla via di Lione. Niente, però, in confronto al miracolo dei 5 Stelle: il loro strano premier annuncia di colpo che l'Italia deve arrendersi "all'Europa", rassegnandosi al surreale tunnel miliardario, mentre Luigi Di Maio cade dalle nuvole, poverino. Di più: annuncia un'eroica resistenza contro il Leviatano affaristico. Scordandosi di essere incidentalmente al governo, ora gli impavidi pentastellati "combatteranno" in Parlamento, dove sanno già che il voto è scontato, a favore della Grande Opera Inutile.


 
LEGGI TUTTO


TragiComix
di Mirko Bonini

TragiComix by Mirko Bonini 11
 



Secondo Noi
   
GM MAGALDI: POSSIBILE CHE UN CARABINIERE DEBBA MORIRE PER LA DROGA CHE ANCORA NON SI VUOLE LEGALIZZARE?

Addolora che un carabiniere possa essere ucciso, mentre compie il suo dovere, per una questione legata allo spaccio di droga: Gioele Magaldi commenta così la tragica morte del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, accoltellato nel cuore della movida romana. In Italia si fanno crociate come quella di Salvini contro la cannabis terapeurica, aggiunge il presidente del Movimento Roosevelt, come se la droga non circolasse liberamente in tutte le piazze: se fosse distribuita in farmacia, certo non costerebbe più la vita ai carabinieri come Cerciello.
(Intervento su YouTube).
RENZI: MARTE FERITO FA SANGUINARE LA DEMOCRAZIA, SE IN POLITICA VINCE IL MASCHIO CHE NON SA ESSERE UOMO

Un uomo vero, degno di questo nome, non farebbe sceneggiate isteriche, di fronte a un avversario politico che la pensa diversamente. Così Eleonora Renzi commenta la "cacciata" di Marco Moiso dall'assemblea londinese di Vortex Londinium (CasaPound) dove il vicepresidente del Movimento Roosevelt, iscritto all'Anpi, si era presentato per denunciare la stessa Anpi, che ha impedito ai giovani della destra sociale di presentare in una sede universitaria il libro "Io sono Matteo Salvini", edito da Altaforte.
(Intervento sul blog MR).
ER
MM MOISO ALL'ANPI: VI COMPORTATE COME CASAPOUND SILENZIANDO GLI AVVERSARI, E COSÌ TRADITE LE RESISTENZA
 
Durissima lettera aperta di Marco Moiso alla presidente dell'Anpi, Carla Nespolo, dopo che l'associazione partigiani ha precluso a CasaPound la possibilità di presentare alla London Metropolitan University il libro di Chiara Giannini "Io sono Matteo Salvini" edito da Altaforte, casa editrice già messa al bando al Salone del Libro di Torino. La tesi di Moiso: imporre il bavaglio agli avversari significa comportarsi da fascisti, senza vedere che il fascismo – quello vero – oggi è incarnato dall'euro-finanza che confisca la democrazia.
(Intervento sul blog MR, ripreso da Libreidee).
MONTEFIORI: IMPOSSIBILE VIVERE SANI IN UN MONDO MALATO, LO DIMOSTRA ANCHE L'EPIGENETICA

Salute è prevenzione, quindi anche politica, perché restare sani in un mondo avvelenato è praticamente un ossimoro. Lo dimostra l'epigenetica, recentissima branca scientifica che, fra l'altro, certifica la stretta correlazione che lega l'organismo all'ambiente. Ne parla Davide Montefiori, in un interessante colloquio con la dottoressa Oliva Valle, specializzata proprio in epigenetica: la nuova medicina studia la trasmissione dei caratteri ereditabili che modificano l'espressione genica, non legati alla sequenza del Dna.
(Intervento sul blog MR).
DM
DRS DE RINALDIS SAPONARO: ILLUSORIO PRETENDERE CHE IL POTERE FINANZIARIO NEOLIBERISTA POSSA RIFORMARE SE STESSO

Il fanatismo monetario non ci porterà fuori dal tunnel: dobbiamo rifiutarci di essere pre-keynesiani e invertire il trend, cioè restituire all'economia reale il primato che merita puntando sulla domanda interna. Lo sostiene Francesco De Rinaldis Saponaro, analizzando l'infelice esito nel tentativo gialloverde, mortificato nel suo tentativo di espandere la spesa produttiva. Una certezza: è illusorio chiedere al potere neoliberista di riformare se stesso.
(Intervento sul blog MR).
CATTANEO: PRONI AL RIGORE UE, I GRILLINI HANNO PRESO IN GIRO GLI ITALIANI, IN PRIMIS I LORO ELETTORI

Dicevano di voler "aprire il Parlamento come una scatoletta di tonno", e invece eccoli: sottomessi all'asse franco-tedesco e pronti a votare per Ursula von der Leyen, insieme al Pd e a Berlusconi, pur di tentare di essere utili al superpotere ordoliberista che fingevano di voler contrastare. Da Giorgio Cattaneo, un'analisi sulla parabola del Movimento 5 Stelle all'indomani dell'elezione della nuova presidente della Commissione Ue.
(Intervento sul blog MR, ripreso da Libreidee).
GC
GM MAGALDI: MA QUALE RUSSIAGATE-LEGA, RISCHIA SOLO L'ENI. E A PUTIN CONVIENE, QUESTA UE ORRENDA

Il caso Russiagate che colpisce la Lega in realtà è una polpetta avvelenata per l'Eni, l'unico soggetto capace di fare un po' di politica estera per l'Italia. Ha le idee chiare, Gioele Magaldi, sullo scandaletto (mediatico) contro Salvini. Perché mai il Cremlino avrebbe promesso fondi neri ai leghisti, in chiave anti-Bruxelles? Secondo il presidente del Movimento Roosevelt, a Putin conviene che l'Ue resti così com'è, cioè non democratica, autoritaria e invisa ai cittadini europei.
(Intervento su YouTube, ripreso dal blog MR e da Libreidee). 
ALICE: L'INFERNO NEOLIBERISTA TRASFORMA LA SINISTRA IN DESTRA, MENTRE IL VERO PROGRESSISTA È TRUMP

L'inferno neoliberista ribalta il senso delle cose, e in questo caos universale la sinistra è in preda al naufragio. Lo scrive Roberto Alice parlando di migranti dopo il caso Sea Watch. Storia: l'internazionale socialista nacque per evitare che i capitalisti "importassero" lavoratori più facilmente sfruttabili. A proteggere gli operai americani oggi è Trump: da quando ha bloccato l'import selvaggio di "schiavi", gli stipendi medi stanno aumentando. Destra e sinistra? Meglio chiamarle coi nomi di oggi: ordoliberisti contro progressisti.
(Intervento sul blog MR
).
RA
Marco Moiso MOISO: IL SOVRANISMO FA IL GIOCO DEL NEMICO, CONTRO I MISSILI NON SI POSSONO USARE ARCO E FRECCE

Se vogliamo combattere il neoliberismo e la supremazia della finanza sulla politica su scala globale, non possiamo combattere con arco e frecce chi usa i missili balistici. Per Marco Moiso, vicepresidente del Movimento Roosevelt, le istituzioni sovranazionali oligarchiche si contrastano solo facendo un salto di qualità e lottando per una globalizzazione alternativa e democratica, sapendo che l'Unione Europea che abbiamo visto finora non è l'unica possible, e che in ogni caso il riflesso nazional-sovranista è perdente in partenza.
(Intervento sul blog MR)
 
MAGALDI: LA QUARTA DI VIA DUGIN, CAPOLAVORO DELLA MASSONERIA REAZIONARIA IN CUI MILITA PUTIN

Possibile che si abbocchi sempre all'amo? Gioele Magaldi smonta la Quarta Via del filosofo Alexander Dugin, ideologo del tradizionalismo caro al Putin che, sul Financial Times, dichiara tramontato il liberalismo democratico. Bella forza: democratica al 100%, la Russia non lo è stata mai. Per il presidente del Movimento Roosevelt, l'operazione-Dugin (condotta anche in Italia) è un raffinato depistaggio: dietro all'ideologo del Cremlino, infatti, si possono leggere le trame massoniche reazionarie su cui si fonda l'attuale globalizzazione, ostile ai diritti sociali, che ha svuotato le nostre democrazie imponendo il potere unico della finanza usata come clava da un ristretto manipolo mondiale di oligarchi, inclusi quelli russi.
(Intervento su YouTube, ripreso dal blog MR e da Libreidee).
GM
NG GALLONI: MONETA ILLIMITATA PER LORO E SCARSA PER NOI, COSÌ LA FINANZA DECRETA IL NOSTRO DECLINO

Da mezzo secolo, grazie alla tecnologia industriale, ci siamo liberati della scarsità materiale di beni, eppure ci stiamo impoverendo. Motivo? Uno: la scarsità (del tutto artificiale) della moneta, prodotta dalle banche tramite l'emissione del credito. Dice l'economista Nino Galloni, vicepresidente del Movimento Roosevelt: se valessero anche per noi le regole di cui beneficia la grande finanza, rifornita in modo illimitato e a costo zero di moneta elettronica, virtuale, saremmo finalmente liberi dal ricatto perpetuo del debito che deprime l'economia, contrae i consumi e rimpicciolisce il futuro di milioni di cittadini.
(Intervento su ByoBlu, ripreso da Libreidee).
MAGALDI: DOPO IL BILDERBERG, RENZI BUSSA (INUTILMENTE) ALLA SUPERLOGGIA MAAT, QUELLA DI OBAMA

Dopo la passerella del Bilderberg, Matteo Renzi prova a bussare alla superloggia Maat, quella di Obama, oggi un po' appannata. L'ex premier sta cercando in tutti i modi di entrare da qualche porta, magari anche da qualche entrata di servizio, come appunto il Bilderberg. Gioele Magaldi però continua a pensare che – oggi più che mai – non vi sia alcun interesse, da parte di nessun gruppo massonico, ad ammettere Renzi, la cui stella è chiaramente in declino, benché qualcuno possa ancora ritenerlo una pedina, certo subalterna.
(Intervento su YouTube, ripreso da Libreidee).
Gioele Magaldi
 

 
SEGUICI SUL NOSTRO BLOG

 



MR News
 
MR News
 

PERSONE NON NUMERI: IL NUOVO PROGRAMMA MESSO A PUNTO DAL MR

Esseri umani, non matematica: è improntato alla rivoluzione post-keynesiana il nuovo programma che si è dato il Movimento Roosevelt, entità meta-partitica sorta nel 2015 con l'intento di scuotere la politica italiana in modo trasversale, stimolando partiti e movimenti a recuperare la perduta sovranità democratica. Il nuovo programma rooseveltiano esplora tutti i punti-chiave dell'agenda politica (economia, ambiente, esteri, giustizia, salute, istruzione, media, cultura) aggiornando così la sua piattaforma operativa.

(Il programma è pubblicato integralmente sul blog MR).




MOISO A LONDRA
CACCIATO DA CASAPOUND
IN POLEMICA CON L'ANPI

Bavaglio a Marco Moiso, che voleva difendere la libertà di espressione di Vortex Londinium (Casa Pound), messa al bando dall'Anpi persino nella capitale inglese. Il 25 luglio, all'editrice Altaforte è stato impedito di presentare alla London Metropolitan University il libro di Chiara Giannini "Io sono Matteo Salvini". Intervenendo all'assemblea della nuova destra su invito della Lega, il vicepresidente del Movimento Roosevelt – pur schieratosi a favore del pluralismo e contro ogni censura – è stato interrotto e allontanato dalla sala, dopo aver chiarito di essere lui stesso iscritto all'Anpi (alla quale peraltro ha rivolto una severa lettera aperta, contestandone la mancanza di democraticità).




MR PIEMONTE:
MAGGIORE IMPEGNO
SUL TERRITORIO 


Un'agenda concentrata innanzitutto sulle problematiche dell'ambito regionale: questo l'impegno scaturito il 12 luglio al termine della riunione piemontese del Movimento Roosevelt, coordinata da Daniele Gervasoni e Roberto Alice. A partire dall'autunno, il gruppo si ripropone di mettere in cantiere iniziative rilevanti per sottolineare la necessità di rilanciare l'economia del Piemonte.

MR PUGLIA:
UN BLOG REGIONALE
PER FARSI SENTIRE


C'è anche un blog regionale, nei programmi del gruppo pugliese del Movimento Roosevelt. Obiettivo: comunicare meglio le proprie proposte, aprendo un dialogo a distanza coi cittadini e le istituzioni della Puglia. Lo si è stabilito nel corso della riunione del 5 luglio a Taranto, coordinata da Michele Ciccaroni e Vito Nuzzi con i rooseveltiani pugliesi. In cantiere, iniziative di peso locale per caratterizzare territorialmente l'azione del gruppo. 

MR UMBRIA:
UN'AGENDA
PER LA REGIONE


Trasporto regionale, agricoltura, turismo, sanità e infrastrutture. Questi i temi affrontati il 26 giugno a Ponte Felcino (Perugia) dal gruppo regionale umbro del Movimento Roosevelt, coordinato da Simone Casagrande. Obiettivo: aprire un vero dibattito democratico, per sviluppare nuove idee a disposizione dell'Umbria, in vista delle prossime elezioni regionali.

MR LOMBARDIA:
CARPEORO INAUGURA
IL NUOVO CORSO


Un nuovo approccio al territorio, per consentire al Movimento Roosevelt di incidere ancor meglio nella realtà locale della Lombardia: è l'impegno assunto il 21 giugno dal nuovo commissario straordinario, Gianfranco Carpeoro, affiancato da Gilberto Fumagalli. I due guidano un team collaudato di dirigenti e soci selezionati in virtù di precise competenze. Il "modello Lombardia" potrebbe fare da battistrada per rilanciare il Movimento Roosevelt in tutti i territori italiani, anche attraverso un dialogo costante con le istituzioni locali.

Agenda MR

 

21 settembre
ASSEMBLEA GENERALE MR
(ROMA - h 9 am)
 
La presidenza del Movimento Roosevelt ha fissato per sabato 21 settembre, all'Istituto Sant'Orsola di via Livorno 50 a Roma, alle ore 9.00 – la prossima assemblea generale del movimento. L'ordine del giorno, in via di definizione, potrebbe proporre tra gli altri temi la rielezione del presidente (carica attualmente rivestita da Gioele Magaldi) e le possibili migliorie da apportare allo statuto MR, migliorando la sua funzionalità.

 



 
   



 
Movimento Roosevelt / Democrazia contro oligarchia
 
Il mondo non è mai stato così ricco, eppure la società è colpita da diseguaglianze inaudite:
senza giustizia sociale non si possono garantire né diritti né pari opportunità.
Grazie all'opposizione artificiosa tra destra e sinistra, l'élite neoliberista ha potuto privatizzare il mondo, minando, dagli anni '70, il futuro delle istituzioni democratiche.
Oggi la vera contrapposizione politica non è più tra destra e sinistra, ma tra democrazia e oligarchia. 
Il Movimento Roosevelt è un soggetto politico meta-partitico ispirato da Gioele Magaldi
e istituito da 500 soci fondatori a Perugia  il 21 marzo del 2015.
Il nostro movimento è impegnato a smascherare la pretesa scientificità economicistica
del rigore nei bilanci pubblici, contribuendo al risveglio democratico della politica italiana, europea e mondiale.
Dobbiamo utilizzare indicatori economici che siano accurati nel misurare il benessere della collettività e ricominciare a costruire ricchezza con le politiche economiche proprie del modello post-keynesiano,
fondato sull'investimento pubblico strategico per rilanciare il settore privato.
Si tratta di una sfida culturale per la quale il Movimento Roosevelt si rivolge a tutte le persone di animo sinceramente progressista, disposte a contribuire a far crescere una nuova consapevolezza.
Per ridiventare cittadini e smettere di essere "sudditi" di anonimi tecnocrati, al servizio di potentati economici privatistici, abbiamo bisogno della consapevolezza, del supporto e dell'impegno del popolo.
L'orizzonte per il quale lavoriamo è squisitamente democratico: vogliamo restituire alla collettività
un futuro prospero e degno di essere vissuto appieno.


 
Facebook

YouTube

Blog


   
  LA VOCE Rooseveltiana
Redazione newsletter (Giorgio Cattaneo): newsletter@movimentoroosevelt.com
Segreteria generale (Patrizia Scanu): segreteria.generale@movimentoroosevelt.com
-
Copyright © 2018 Movimento Roosevelt, Tutti i diritti riservati.

Movimento Roosevelt
Sede legale: Via Luigi Rizzo, 87
06128 Perugia
C.F. 94155630547
www.movimentoroosevelt.com
Per informazioni e contatti: info@movimentoroosevelt.com