Visualizzazione post con etichetta Info tech. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Info tech. Mostra tutti i post

sabato 18 gennaio 2020

EFFector List 18 gen 2020: Don't Sell Out Nonprofits


EFFector

Don't Sell Out Nonprofits - EFFector 32.18

In our 762nd issue:
Join EFF
Members make it possible for EFF to fight for your rights. Become a member today.

Top Features

Over 21,000 people, 600 organizations, and now several senators have asked ICANN—the organization that regulates the Internet's domain name system—to halt a $1 billion deal that would turn control over the .ORG domain registry to private equity. We need your help to tell ICANN: .ORGs are not for sale. Before any change in who operates the .ORG registry can take place, the nonprofits and non-governmental organizations that make .ORG their home must be given a voice, and ICANN must answer important questions about the deal.
American tech companies are currently acting on sanctions through an overbroad lens, making it much harder for Iranian people to be able to share their stories with each other and with the broader world.
A new report, called Out of Control: How Consumers Are Exploited by the Online Advertising Industry, published by the Norwegian Consumer Council (NCC), looks at the hidden side of the data economy and its findings are alarming. The NCC report shows that a huge surveillance industry has built up around us. Instead, we need a user-oriented tech ecosystem that does not treat user data like a free resource to be exploited. To build alternative solutions to the incumbent online advertising systems, we need new laws that create strong privacy rights.

EFF Updates

EFF has spent the past year defending this law in the California legislature, but we realize that not everyone has been following it as closely as we have. So here are answers to ten frequently asked questions we've heard about the CCPA.
If you live in Virginia, now's a chance for a big step forward. Tell your lawmaker you want to pass H.B. 759, and protect free speech in Virginia.
EFF strongly opposes any targeting of people for digital surveillance based on their race, religion, or nationality, at our border and in our interior. And we remind all members of the public to practice surveillance self-defense.
In January, EFF filed an amicus brief asking the court to reject trademark protection for "Booking.com," pointing out that other travel companies that use variations of the word "booking" in their domain names could face legal threats if the mark were granted.
Ring is attempting to place the blame for recent security breaches squarely at the feet of their customers for reusing passwords, using weak passwords, and not turning on two-factor authentication. The truth is that Ring itself deserves the largest share of blame for every attack that their users have suffered.
A recent constitutional challenge launched by a coalition of activist and media groups could change mass surveillance in Germany. Will the court's decision have any impact on surveillance in the United States?
If 2018 was the year of communities standing together in the fight for democratic control over whether or not police may acquire surveillance technology, 2019 was the year that many of these same communities led the charge to ban government face surveillance. 

Announcements

January 21, 2020 - 6:00pm
Portland, OR
Smart City PDX is preparing two separate ordinances to ban face recognition — one for public agencies and another for private entities — and both are tentatively scheduled for City Council hearings this spring. Bring your questions and join the discussion!
January 24, 2020 - 9:00am to 11:00am
Los Angeles
Location: ICANN, 12025 E Waterfront Dr, Playa Vista, CA 90094
Don't let a private equity firm take over .ORG! On Friday, January 24th, join EFF, NTEN, Fight for the Future, Demand Progress, and other nonprofits for a rally outside ICANN's offices in Los Angeles. We'll be delivering our petition, signed by over 21,000 individuals and 600 organizations and NGOs, to ICANN staff. This is an important moment in the SaveDotOrg campaign and we want you to join us!
January 25, 2020 - 2:20pm
Oakland, CA
Location: Mills College
Cell phones often act like an extension of ourselves, so security is of growing importance. What happens when law enforcement wants to see your phone? How can you browse on your phone more safely?  
January 28, 2020 - 7:00pm
San Francisco
Hyatt Regency San Francisco
5 Embarcadero Center
San Francisco, CA 94111
At USENIX's Enigma 2020 Conference, please join the Coalition Against Stalkerware for a conversation about how online tools can perpetuate harassment, stalking, abuse,  violence, and, most importantly, the role of Silicon Valley technologists and companies in addressing the intimate partner threat model.
January 31, 2020 - 12:00pm to February 2, 2020 - 2:00pm
Washington, DC
EFF is thrilled to be part of ShmooCon 2019. Stop by the EFF booth to chat with some of our team and learn about the latest developments in defending digital freedom for all. You can even pick up a special gift as a token of our thanks when you take advantage of our membership specials or donate!

MiniLinks

Take a look at this New York Times deep dive into the uses and limits for face recognition.
EFF's Eva Galperin has been leading the fight against stalkerware.

Supported by Donors

Our members make it possible for EFF to bring legal and technological expertise into crucial battles about online rights. Whether defending free speech online or challenging unconstitutional surveillance, your participation makes a difference. Every donation gives technology users who value freedom online a stronger voice and more formidable advocate. Check out our FAQ for information on memberships, donations, shop orders, corporate giving, matching gifts, and other ways to give. https://www.eff.org/pages/membership-faq
If you aren't already, please consider becoming an EFF member today.
Join EFF
Activism | Impact Litigation | Technology
This newsletter is printed from 100% recycled electrons.
815 Eddy Street, San Francisco, CA 94109 United States
EFF appreciates your support and respects your privacy.
815 Eddy Street
San Francisco, CA 94109-7701
United States

venerdì 21 giugno 2019

Linux Professional Institute: Simone Bertulli: intervista | Aggiornamento Esami LPI




Storie di successo con LPI: Simone "Simo" Bertulli


Otto anni di carriera IT, accompagnati dalle Certificazioni di Linux Professional Institute.

Leggi l'articolo.

Aggiornamento Esami Linux Professional Institute: luglio 2019

A partire dal 1 luglio 2019 le versioni 1.5 di Essentials e 4.0 di LPIC-1 non saranno più disponibili.
Ecco cosa cambia.

Linux e Open Source: segnala eventi e storie di successo

La mission di LPI è sostenere la formazione e il movimento Linux e Open Source: se sei coinvolto in eventi del settore, non esitare a contattarci per segnalarceli: valuteremo anche proposte di media partnership e sponsorizzazione degli eventi.

La tua azienda, la tua scuola, Partner LPI 

Le Partnership LPI, Training e Academic, sono adesso ancora più flessibili e vantaggiose.
Se vuoi saperne di più, contattaci.
Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
Copyright © 2019 Linux Professional Institute Italia, All rights reserved.

Our mailing address is:
Linux Professional Institute Italia
Via Sante Pisani
71
PRATO, PO 59100
Italy

lunedì 22 aprile 2019

Linux Professional Institute: Nuovo Partner LPI | Open Source e Robot | Filosofia Open



Blue Lighthouse è il nuovo Approved Academic Partner di LPI Italia


Blue Lighthouse – Edizioni e Formazione – Associazione No Profit, Bari, è il nuovo Approved Academic Partner di Linux Professional Institute (LPI) Italia.

Leggi il Comunicato Stampa;
Richiedi informazioni sulle Partnership LPI.

Un robot si prenderà il tuo lavoro?

È la domanda che si pone Evan Leibovitch, Direttore dello Sviluppo della Community LPI.
La risposta?
Dipende.
Dipende da quanto il tuo lavoro ha a che vedere con Linux e FOSS...
Leggi l'articolo.

Fa' la cosa giusta: Millennial, Open Source e filosofia

 Marcel Gagné, Linux e Open Source Evangelist, ci racconta le scelte etiche alla base di una carriera Open.

Leggi l'articolo.

Linux e Open Source: segnala eventi e storie di successo

La mission di LPI è sostenere la formazione e il movimento Linux e Open Source: se sei coinvolto in eventi del settore, non esitare a contattarci per segnalarceli: valuteremo anche proposte di media partnership e sponsorizzazione degli eventi.

La tua azienda, la tua scuola, Partner LPI 

Le Partnership LPI, Training e Academic, sono adesso ancora più flessibili e vantaggiose.
Se vuoi saperne di più, contattaci.
Facebook
Twitter
Google Plus
LinkedIn
Email
Copyright © 2019 Linux Professional Institute Italia, All rights reserved.

Our mailing address is:
Linux Professional Institute Italia
Via Sante Pisani
71
PRATO, PO 59100
Italy

lunedì 22 gennaio 2018

Missioni sulla luna



Missioni sulla luna from Mario Rossi Network on Vimeo.

L'uomo è stato sulla luna? Con la tecnologia nota a quel tempo? Come da filmati che hanno fatto vedere, oltre che a noi cittadini, anche a sovietici e cinesi? E se fossero solo "filmati paravento" fatti per non cedere know-how ad altri paesi?

giovedì 18 gennaio 2018

Un buon anno per la conquista dello spazio


Sarà un ottimo anno per l’esplorazione spaziale. L’organizzazione per la ricerca spaziale indiana ha in programma di lanciare sulla Luna la sonda Chandrayaan-2, un orbiter, lander e rover senza equipaggio (in grado di orbitare, atterrare e muoversi sul satellite). A luglio, la giapponese Hayabusa 2 raggiungerà la sua destinazione, l’asteroide 162173 Ryugu, nel tentativo di riportare sulla Terra alcuni campioni.
E a giugno la Cina comincerà la missione verso il “lato oscuro” della Luna. Per prima cosa, un satellite per le comunicazioni con la Terra verrà posizionato a 60mila chilometri oltre la Luna. Questo satellite di collegamento da 425 chili guiderà il secondo elemento della missione, un veicolo in grado di atterrare e muoversi, sulla faccia nascosta della Luna, dove nessuno è mai arrivato prima.


Uno dei vantaggi di trovarsi su questo lato è che la Luna scherma i segnali radio provenienti dalla Terra e quindi si captano meglio le onde radio provenienti dal resto dell’universo. Ma Chang’e 4, la missione cinese, porterà anche dei semi e degli insetti, che serviranno a capire se piante e animali possono crescere sulla superficie lunare.
“Il container spedirà patate, semi di Arabidopsis e uova di bachi da seta”, ha spiegato Zhang Yuanxum, progettista del container. “Le uova si schiuderanno e diventeranno bachi da seta, in grado di produrre anidride carbonica, mentre le patate e i semi emetteranno ossigeno attraverso la fotosintesi. Insieme, potrebbero creare un ecosistema elementare sulla Luna”. Un sistema semplice, ma anche un primo passo verso una presenza umana più stabile sulla Luna.
I progetti delle vecchie potenze
Anche le vecchie potenze spaziali stanno facendo qualcosa di completamente nuovo. La Russia sta testando un motore nucleare che potrebbe ridurre i tempi di percorrenza verso Marte – da diciotto mesi ad appena sei settimane.
A ottobre l’Agenzia spaziale europea avvierà una missione su Mercurio. A maggio la Nasa lancerà la missione InSight, mentre la sonda Osiris-Rex raggiungerà l’asteroide Bennu ad agosto e comincerà a raccogliere campioni in vista del suo rientro sulla Terra.


spaceplay / pause

qunload | stop

ffullscreen
shift + slower / faster
volume

mmute
seek

 . seek to previous
12… 6 seek to 10%, 20% … 60%

Ma il principale evento dell’anno, senza alcun dubbio, è il lancio da Cape Canaveral, negli Stati Uniti, del veicolo Falcon heavy di Elon Musk (la finestra di lancio si apre il 15 gennaio). “Sarà elettrizzante”, ha dichiarato Musk lo scorso luglio. “Esiste una concreta possibilità che non arrivi in orbita… Spero che arrivi abbastanza lontano dalla rampa di lancio da non danneggiarla. Se succedesse anche solo questo, la considererei una vittoria. La paura di non farcela è alta”.
Musk sta cercando di ridurre le aspettative, ma il suo è anche realismo. Falcon heavy lancerà nell’orbita terrestre un carico due volte e mezzo più grande di quelli lanciati durante le altre spedizioni: più di 50 tonnellate. Inoltre, il razzo principale e i due ausiliari (booster) sono concepiti per tornare sulla Terra e atterrare, per essere riutilizzati, una cosa che trasformerebbe l’economia dei lanci spaziali. Ammesso che la cosa funzioni.
È quasi sicuro che prima o poi si troverà il modo per farlo, ma siamo effettivamente di fronte a un nuovo tipo di progetto, non all’aggiornamento di uno precedente, e ci sono molti elementi in un veicolo grande come Falcon heavy che non possono essere testati a terra. L’aerodinamica è diversa, i carichi sono diversi e nessuno ha mai lanciato in orbita un veicolo dotato di 27 razzi. In questo caso vale il vecchio adagio: tutto può accadere ed è probabile che accadrà.
Ma Elon Musk è anche uno dei più grandi showman e promotori di se stesso della nostra epoca, e rimane quindi un irriducibile ottimista. A inizio dicembre ha twittato:
È facile lasciarsi trasportare dall’entusiasmo, naturalmente, ma dopo Falcon heavy verrà Space launch system, il veicolo della Nasa concepito per lanciare 70 tonnellate nell’orbita terrestre, mentre la versione successiva sarà dotata di una capacità di 130 tonnellate (anche se i suoi razzi non saranno riutilizzabili). I piani futuri di Musk prevedono il Bfr (Big fucking rocket) per andare su Marte.
È questo il tipo di veicoli che servono per affrontare dei viaggi spaziali davvero ambiziosi. Quando nel 1972 ho visto in tv l’ultimo allunaggio degli Apollo, immaginavo che razzi del genere ci sarebbero stati all’inizio degli anni ottanta (si guardi 2001: odissea nello spazio di Stanley Kubrick, uscito nel 1968, per una visione assolutamente plausibile del tipo di tecnologia che avremmo potuto avere a inizio secolo).
Invece i fondi sono stati tagliati e la guerra fredda è finita. Per quarant’anni qualsiasi iniziativa spaziale è stata messa in naftalina, se si escludono le missioni interplanetarie senza equipaggio e una Stazione spaziale internazionale nell’orbita terrestre. Ma sembra che quest’anno ci siamo rimessi in carreggiata e che arriveremo effettivamente da qualche parte. Quarant’anni buttati, ma meglio tardi che mai.
(Federico Ferrone)
To see the article visit www.internazionale.it