giovedì 25 febbraio 2021

È LECITO PER UN OPERATORE SANITARIO AVER PAURA DEL VACCINO ANTI COVID? – Raffaele Varvara


Esiste davvero in questo momento un’emergenza sanitaria nel nostro Paese?
Raffaele Varvara, infermiere in un’azienda sanitaria della provincia di Milano e attivista politico, testimonia su Byoblu che, nell’ospedale in cui esercita la professione e in molti altri in cui lavorano colleghi con cui è in contatto, non c’è affatto una situazione di criticità.

A scongiurare una crisi nelle strutture ospedaliere paragonabile a quella dei mesi di febbraio e marzo 2020, hanno contribuito, secondo noi di Byoblu, i molti medici che hanno curato i pazienti con protocolli di cure domiciliari efficaci.
Questi ultimi, difatti, hanno portato a una riduzione del numero dei ricoveri nei reparti covid e in quelli di terapia intensiva. Tali protocolli di cura, recentemente raccomandati anche in uno studio pubblicato sull’American Journal of Medicine, non sono mai stati recepiti ufficialmente dal Ministero della Salute e dal Comitato tecnico scientifico.

In questo momento, secondo l’esperienza clinica del dottor Varvara, “l’emergenza non riguarda più i pazienti positivi al Sars Cov-2, ma tutti gli altri che vedono interrotto il loro percorso diagnostico e terapeutico relativo ad altre malattie, in particolar modo quelle cardiovascolari e oncologiche”.

mercoledì 24 febbraio 2021

La Doctors’ Alliance chiede processi in stile Norimberga per tutti i responsabili di crimini legati al Covid


Sosteniamo pienamente questi coraggiosi dottori della World Doctors Alliance.

Il loro appello è per la giustizia e perchè tutti i responsabili dell’ingegneria della bufala del Covid 19 rendano conto.

Questo deve includere tutti coloro che hanno assistito e collaborato a questo attacco di guerra psicologica al Popolo e che hanno promosso l’agenda degli oppressori dell’umanità.

I crimini che sono stati commessi nel perseguimento dell’agenda che guida la bufala del Covid 19 sono eclatanti: comprendono la distruzione delle vite e dei mezzi di sussistenza di centinaia di migliaia di cittadini, la confisca della libertà e dei diritti umani di milioni di persone, una “ridistribuzione parassitaria”. ”Di ricchezza e, attraverso la malattia e la morte causate dagli agenti biochimici sperimentali pubblicizzati in modo ingenuo come vaccini.

martedì 23 febbraio 2021

LOCKDOWN / BEN PEGGIO DEL COVID, SECONDO I RICERCATORI DI TRE UNIVERSITA’ AMERCANE


Drammatiche le previsioni elaborate dai ricercatori di tre università statunitensi circa gli effetti prodotti dal lockdown sui cittadini.

Un numero su tutti: nei prossimi due decenni negli Stati Uniti ci potrà essere una vera ecatombe, oltre 1 milione di morti, non per il Covid 19, ma per il lockdown.

Gli studiosi di Harvard, della Duke e della Johns Hopkins hanno raccolto una impressionante mole di dati, interviste, documenti dai quali emerge un quadro a dir poco allucinante, se non verranno presi i provvedimenti necessari.

Il reporter Steve Watson ha cercato di sintetizzare i risultati delle tre ricerche. Ecco cosa emerge.

 

LA “CURA” CHE UCCIDE

“Un documento di lavoro intitolato ‘The Long-Term Impact of the Covid-19 Unemployment Shock on life Expectancy an Mortality Rates’ ipotizza che per la popolazione complessiva, l’aumento del tasso di mortalità in seguito alla pandemia implica uno sconcertante 0,89 e 1,3 milioni di morti in più nei prossimi 15-20 anni. Il documento è stato scritto da Francesco Bianchi, economista della Duke UniversityGiada Bianchi, medico della Divisione di Ematologia, Dipartimento di Medicina, Brigham and Women’s Hospital Harvard Medical School, e Dongho Song, economista della Carey Business School della Johns Hopkins University”.

Dongho Song

Continua Watson nella sua disamina: “Lo studio su come la disoccupazione influenzi la mortalità e l’aspettativa di vita è stato incentrato su 67 anni di dati del Bureau of Labor Statistics e dei Centers for Desease Control and Prevention relativi alla disoccupazione, all’aspettativa di vita e ai tassi di mortalità”.

“Il documento suggerisce che i decessi causati dal declino economico e sociale come risultato del lockdown possono ‘superare di gran lunga quelli direttamente collegati alla malattia critica acuta Covid-19’. ‘La recessione causata dalla pandemia può mettere in pericolo la salute della popolazione per i prossimi due decenni’”.

Gli autori sottolineano che “sulla base dei dati emergenti, è probabile che l’accesso limitato all’assistenza sanitaria durante il lockdown, la sospensione temporanea degli interventi di assistenza preventiva, la perdita massiccia della copertura assicurativa sanitaria fornita dai datori di lavoro, nonché la costante preoccupazione della popolazione nel cercare cure mediche per non contrarre Covid 19, avranno un impatto ancor più grave sul tasso di mortalità e sull’aspettativa di vita”.

Ancora: “Noi interpretiamo questi risultati come una chiara indicazione per i responsabili politici a considerare le gravi implicazioni a lungo termine di tale recessione economica sulla vita delle persone quando deliberano sulle misure di ripresa e di contenimento del Covid-19”.

La cura, in sostanza, è peggiore del male.

Il lockdown ammazza più del Covid.

Lo sostengono – e documentano – i ricercatori dei tre prestigiosi atenei a stelle e strisce. E lo suffragano decine e decine di altri studi e testimonianze. Steve Watson ne offre ai lettori una rapida, drammatica carrellata.

lunedì 22 febbraio 2021

GHISLAINE MAXWELL ORGANIZZÒ ORGE CON MINORI PER LEI ED EPSTEIN. A RIVELARLO DOCUMENTI DEL TRIBUNALE


Documenti giudiziari recentemente desecretati descrivono solo alcuni dei misfatti sessuali presumibilmente commessi da Jeffrey Epstein e dalla sua ex signora Ghislaine Maxwell con gruppi di ragazze minorenni.

Mercoledì notte, circa 112 documenti del tribunale, per un totale di migliaia di pagine di prove, sono stati aperti e rilasciati, inclusa la testimonianza che accusa Maxwell di depredare le vittime e costringerle a compiere atti sessuali per lei e per il divertimento di Epstein.

In una delle registrazioni, Maxwell è stata accusata di aver rubato il passaporto di una 15enne “schiava” , dopo che si era rifiutata di fare sesso con Epstein. Secondo quanto riferito, la socialite britannica “ha usato giocattoli sessuali in una cosa a tre con l’accusatore”.

Maxwell, 59 anni, è stata anche accusato dalla governante di Epstein di essere presente nella villa dove sono arrivate almeno 100 ragazze che hanno eseguito massaggi sessuali sul pedofilo condannato per un periodo di 10 anni. 

I documenti dicono che Epstein anche “è stato visto dirigersi con la Maxwell in una stanza piena di ragazze minorenni per baciarsi, ballare e toccarsi a vicenda in modo sessuale”.

Una nota che si riferisce a una ragazza minorenne che visitava la casa di Epstein per “addestramento” è stata trovata in un bidone della spazzatura da agenti federali.

venerdì 19 febbraio 2021

Rete Voltaire: I principali titoli della settimana 18 feb 2021



Rete Voltaire
Focus
 
 



In breve

 
La Chiesa Cattolica USA divisa di fronte a Biden
 

 
Biden ripristina l'Ufficio della Casa Bianca per le Iniziative Religiose
 

 
Il Pentagono s'insedia in Siria
 

 
Regno Unito e Cina si censurano a vicenda le TV
 

 
La City di Londra minacciata dalla UE
 

 
Il presidente Biden rilancia l'organo dell'imperialismo americano
 

 
Panama non riconosce più Guaidó, ma Maduro
 

 
La CPI si dichiara competente a giudicare eventuali crimini in Palestina
 
Controversie
 
 

 
abbonamento    Reclami
 
 

Il confinamento non ha impatto sul Covid-19 (Stanford)


L’università di Stanford ha confrontato le curve epidemiologiche di otto Paesi che hanno adottato misure autoritarie contro il Covid-19 (chiusura di attività economiche, coprifuoco, confinamento) e quelle di due Paesi che si sono limitati a impartire raccomandazioni alla popolazione: i risultati dei due gruppi non differiscono in modo significativo.

I ricercatori hanno studiato i risultati di Germania, Spagna, Stati Uniti, Francia, Iran, Italia, Olanda e Regno Unito e quelli di Corea del Sud e Svezia.

Ne hanno concluso che:
«Benché non si possano escludere piccoli vantaggi, negli otto Paesi i decreti di confinamento obbligatorio al domicilio e di chiusura di attività economiche dei primi stadi della pandemia non sembrano aver influito in modo sostanziale sull’aumento dei casi. Riduzioni simili dell’aumento dei contagi possono essere realizzate con modifiche comportamentali, risultato d’interventi meno restrittivi».

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

www.voltairenet.org

giovedì 18 febbraio 2021

COMITATO DI HELSINKI / CONTRO PFIZER: SONO ESPERIMENTI


Il “Comitato Helsinki” per i diritti umani contro il vaccino di Pzifer BionTech.

La notizia arriva dal quotidiano israeliano ‘Calcalist’, secondo cui il prestigioso Comitato sta per diramare un comunicato fortemente critico nei confronti del primo vaccino lanciato al mondo per contrastare la pandemia di Covid 19.

Una denuncia non da poco, perché arriva da un’organizzazione internazionale finalizzata a garantire i diritti dell’uomo e istituita sulla base dell’Atto di Helsinki, elaborato nel 1975 dalla Conferenza sulla sicurezza e cooperazione in Europa.

In apertura il Comitato di Helsinki

Il Comitato punta l’indice contro Pzifer, accusata di condurre veri a propri “esperimenti” sugli esseri umani. Trattati, quindi, come “cavie”.

“Si tratta di uno studio clinico – viene denunciato – e necessita quindi di una approvazione preventiva”. Cosa che, a      quanto pare, non è avvenuta.

Secondo le indiscrezioni riportate dal quotidiano, il Comitato ha intenzione di presentare uno specifico esporto al Ministero della Salute israeliano, relativo proprio alla campagna di vaccinazione promossa con decisione dello Stato d’Israele.

Il Comitato sta studiando anche la possibilità di chiedere al governo di interrompere il trasferimento delle informazioni sulla vaccinazione di massa proprio a Pfizer, ossia le informazioni raccolte fino ad oggi attraverso i moduli di consenso/diniego.

Non è finita qui. Perché l’attivista per i diritti umani dell’Israel Democracy InstituteJebila Schwartz Althusler, membro del consiglio d’amministrazione del Centro di Etica di Gerusalemme e del Consiglio supremo degli Archivi dello Stato di Israele, ha dichiarato: “dire che questo non è un esperimento è una bugia”.

Più chiari di così…


www.lavocedellevoci.it

mercoledì 17 febbraio 2021

GERMANIA, SENTENZA ESPLOSIVA: “LOCKDOWN INCOSTITUZIONALE E CATASTROFICAMENTE SBAGLIATO…UN ATTACCO ALLE FONDAMENTA DELLA SOCIETÀ”


Un tribunale distrettuale tedesco ha dichiarato incostituzionale il rigoroso blocco imposto dal governo dello stato centrale della Turingia la scorsa primavera, assolvendo una persona accusata di violazione del lockdown.

Un caso banale su un uomo che viola le rigide regole di blocco tedesche festeggiando un compleanno con i suoi amici è finito con una decisione che i media tedeschi hanno descritto come “politicamente esplosiva”.
Un tribunale distrettuale della città di Weimar non ha solo assolto l’imputato, ma ha anche affermato che le stesse autorità hanno violato la legge fondamentale tedesca.

La chiusura primaverile della Turingia è stata una decisione politica catastroficamente sbagliata con conseguenze drammatiche per quasi tutte le aree della vita delle persone“, ha detto la corte, giustificando la sua decisione. Ha condannato in particolare una restrizione che limita le riunioni private tra membri della stessa famiglia.

martedì 16 febbraio 2021

Aumento del numero di vaccini nel tempo…


Solo per ricordare l'aumento parossistico e folle delle dosi vaccinali (e quindi degli antigeni) nel corso dei decenni.
I bambini di oggi vengono letteralmente bombardati…

lunedì 15 febbraio 2021

VACCINO PZIFER / TUTTE LE PRESSIONI SU EMA, LO DOCUMENTA “LE MONDE”


L’Agenzia europea del farmaco (EMA) sempre più sotto i riflettori sul fronte dell’efficacia del vaccino prodotto da Pzifer BioNTech.

Una vera e propria bufera si sta scatenando a livello mediatico in metà Europa. Da noi il silenzio più totale.

Eppure, ne va di mezzo non solo la credibilità di Pfizer e di EMA, come ente di controllo, ma anche la salute di tanti cittadini che hanno già assunto la prima dose del vaccino e stanno per assumere la seconda. E dei tanti che l’aspettano.

 

DOCUMENTI TAROCCATI O COSA?

E’ la storia dei documenti di EMA che sarebbero stati taroccati, come solo adesso l’Agenzia europea denuncia, mentre il tutto risalirebbe a circa un mese e mezzo fa. Una storia che abbiamo raccontato ieri, per sommi capi, in una news. E che fa sorgere tanti interrogativi.

Come mai solo adesso EMA parla di documenti trafugati, rubati, hackerati?

Carte bollenti, che riguardano tutte le documentazioni fornite da Pfizer ad EMA, così come alla Food and Drug Administration, sulla efficacia del suo vaccino, approvato a tempi di record.

Come mai, invece, nessuna segnalazione dalla sempre rigorosa FDA statunitense?

Come mai la bagarre scoppia solo adesso in casa EMA?

Vuoi vedere che tanto fumo, adesso, tende a coprire quanto di poco chiaro è successo nei mesi scorsi, quelli di fine 2020, strategici per il rush finale nell’approvazione del fatidico vaccino?

Perchè mai solo adesso EMA denuncia gli hackeraggi?

Ossia solo dopo il pesantissimo j’accuse, datato 4 gennaio, di Peter Doshi, uno dei ricercatori americani di maggior prestigio – secondo il New York Times – che sulle colonne dell’autorevole British Medical Journal punta i riflettori sull’efficacia del vaccino Pfizer, accreditato della ottima performance di efficacia pari al 95 per cento: ebbene, secondo Doshi, che ha studiato tutti i documenti griffati Pzifer e inviati ad EMA e FDA per l’ok, l’efficacia oscilla invece tra il 19 e il 29 per cento. Quindi ben lontana da quello stratosferico 95 per cento ed anche solo dal 50 per cento, soglia minima per prendere in una qualche considerazione un qualsiasi vaccino.

venerdì 12 febbraio 2021

USA: 33 bambini scomparsi recuperati durante un'operazione di traffico di esseri umani

Una grande indagine sul traffico di esseri umani nel sud della California, che ha coinvolto diverse forze dell'ordine, ha recuperato con successo 33 bambini scomparsi durante una recente operazione.

L'FBI ha annunciato la conclusione dell'indagine questa settimana, e ha rivelato che ci sono attualmente più di 1.800 indagini che riguardano bambini scomparsi e sfruttati. L'indagine è stata chiamata "Operation Lost Angels" ed è iniziata l'11 gennaio come parte del mese della consapevolezza del traffico di esseri umani.
Mentre pochi dettagli sono stati rivelati sui casi, l'FBI ha detto che almeno 8 dei bambini sono stati sfruttati sessualmente. L'agenzia ha notato che c'è stato un aumento dei casi di traffico di bambini negli ultimi anni.
Secondo un comunicato dell'FBI, 
"Non è raro che le vittime che vengono salvate tornino al traffico di sesso commerciale volontariamente o con la forza, la frode o la coercizione. Questo ciclo dannoso mette in evidenza le sfide che le vittime devono affrontare e quelle affrontate dalle forze dell'ordine quando cercano di impedire alle vittime di tornare in una situazione di abuso. Le vittime possono non identificarsi come vittime della tratta o possono anche non rendersi conto di esserlo".
La vicedirettrice dell'FBI Kristi K. Johnson ha detto a FOX 11 Los Angeles che, l'FBI considera il traffico di esseri umani una moderna schiavitù, e i minori coinvolti nel traffico di sesso commerciale sono considerati vittime. Mentre questa operazione ha aumentato le risorse per un periodo di tempo limitato con grande successo, l'FBI e i nostri partner indagano sul traffico sessuale di bambini ogni giorno dell'anno e 24 ore su 24.

giovedì 11 febbraio 2021

Rete Voltaire: I principali titoli della settimana 11 febbraio 2021



Rete Voltaire
Focus
 
 



In breve

 
Il presidente Biden rilancia l'organo dell'imperialismo americano
 

 
Panama non riconosce più Guaidó, ma Maduro
 

 
La CPI si dichiara competente a giudicare eventuali crimini in Palestina
 

 
Negli Stati Uniti è iniziata la più grande caccia alle streghe
 

 
La "verità" sul "Palazzo di Putin"
 
Controversie
 
 

 
abbonamento    Reclami
 
 

BILL GATES – DOPO AVER SCALATO BIG PHARMA E BIG TECH DIVENTA IL PRIMO PROPRIETARIO DI TERRENI AGRICOLI USA. BIG FOOD IN CONTROL.


  • Il fondatore di Microsoft Bill Gates e sua moglie hanno accumulato il più grande portafoglio di terreni agricoli privati ​​negli Stati Uniti, secondo The Land Report .
  • I Gates possiedono circa 242.000 acri di terreno agricolo come parte di un più ampio portafoglio di terreni di 269.000 acri in 19 stati, con le più grandi aziende in Louisiana (69.071 acri), Arkansas (47.927 acri) e Arizona (25.750 acri).
  • Un portavoce di Cascade Investment, presieduto e controllato da Bill Gates, ha rifiutato di commentare su specifiche proprietà terriere a The Land Report , ma ha detto alla rivista che è “molto favorevole all’agricoltura sostenibile”.

Perchè importa:

Da quando Bill ha iniziato a ritirarsi dai compiti di gestione presso il gigante tecnologico Microsoft all’inizio degli anni 2000, i Gates sono diventati famosi per i loro investimenti e gli sforzi filantropici incentrati sull’abilitazione dello sviluppo sostenibile.

L’agroalimentare è un settore in cui la coppia ha cercato di mettere a frutto la sua sostanziale ricchezza. La Bill & Melinda Gates Foundation ha donato quasi 20 milioni di dollari all’International Rice Research Institute tra il 2007 e il 2010, in parte per sostenere il suo sviluppo di varietà di riso fortificato. Ha anche investito almeno 100 milioni di dollari nell’Alleanza per una rivoluzione verde in Africa , che mira a migliorare la produttività dei piccoli proprietari utilizzando la scienza e la tecnologia.

I Gates hanno anche investito in startup agrifoodtech, tramite la loro fondazione privata o tramite altri veicoli di investimento, tra cui le società di protezione delle colture AgBiome ed Enko Chem , la piattaforma di dati sui prodotti lattiero-caseari Stellapps , il player per la riduzione degli sprechi alimentari Apeel Sciences , la startup biotech Gingko Bioworks e il laboratorio di carne “coltivata” Memphis Meats .

Cascade Investment è azionista delle società di proteine ​​vegetali Beyond Meat e Impossible Foods , nonché del produttore di attrezzature agricole John Deere .

Microsoft, di cui Bill Gates continua ad essere uno dei maggiori azionisti individuali, ha lanciato una serie di iniziative agritech a livello globale, inclusi gli Stati Uniti e l’ India .

Come ti senti riguardo al fatto che i Gates possiedano così tanti acri agricoli americani? Cosa pensi possa significare per il futuro dell’agricoltura e della produzione alimentare? 

mercoledì 10 febbraio 2021

Svizzera: referendum contro i lockdown

La Svizzera indice un referendum per togliere al governo il potere di imporre lockdown


Il referendum si terrà presumibilmente a giugno, quando alcune restrizioni potrebbero essere di nuovo revocate, anche se non è stata fissata una data precisa.
BERNA, Svizzera, 18 gennaio 2021 (LifeSiteNews) – Approfittando di una disposizione unica nella loro costituzione, gli attivisti svizzeri hanno raccolto firme sufficienti per indire un referendum nazionale volto a togliere al governo i poteri di imporre misure di blocco conseguenti a una pandemia.

Il gruppo Amici della Costituzione ha raccolto 86.000 firme per richiedere una votazione a livello nazionale per decidere se abrogare la legge COVID-19 del 2020 del governo approvata a settembre, scrive Business Insider.

La costituzione svizzera prevede il ricorso alla democrazia diretta, in base alla quale i cittadini possono indire un referendum per annullare leggi introdotte dal parlamento se sono in grado di raccogliere 50.000 firme in 100 giorni. Avendo superato ampiamente tale requisito, il voto è previsto per giugno.

martedì 9 febbraio 2021

CASSA DEPOSITI E PRESTITI / PARLA CINESE


Lo sapevate che la nostra Cassa Depositi e Prestiti, la nuova Iri che eroga soldi per ogni iniziativa di questa disastrata Italia, è in buona parte ‘gialla’?

La sua partecipata strategica, CDP Reti, è infatti controllata per oltre un terzo dalla cinese State Grid International Development (SGID), il cui capitale è a sua volta nelle mani del colosso State Gride Corporation of China.

La clamorosa notizia è contenuta all’interno di un dettagliato studio condotto da Silvia Sbaiz, dedicato a “Il capitale cinese nelle compagini societarie italiane”, leggendo il quale ne scopriamo delle belle. Non solo Pirelli, quindi, è in pratica totalmente gialla e Marco Tronchetti Provera una banderuola in mani cinesi, ma anche la strategica sulla Cassa Depositi e Prestiti, uno dei gangli vitali dell’economia italiana, sventola bandiera gialla.

Scrive Sbaiz: “In Italia dalla fine del 2019 sono presenti oltre 405 gruppi cinesi con partecipazioni in 760 imprese italiane per un valore pari ad oltre 25,2 miliardi di euro”.

Cifre da capogiro.

Ma torniamo al caso CDP. Nota Sbaiz: “CDP Reti è un veicolo di investimento attivo nel settore energetico, facente parte del gruppo Cassa Depositi e Prestiti ed è titolare di partecipazioni in SNAM SpA (pari al 31,4 per cento), TERNA SpA (pari al 29,8 per cento), ITALGAS (pari al 26,4 per cento)”.

Oltre un terzo (il 35 per cento) di tutto questo ben di Dio, il cuore industriale del nostro paese, è nelle mani di State Grid International Development. La controllante State Grid Corporation of China nella classifica stilata da Fortune è la prima società energetica al mondo, sede nel distretto di Xicheng, a Pechino. Cinque anni fa SGCC ha messo a segno un altro colpo in Europa, comprando il 25 per cento di ADMIE, la prima società elettrica in Grecia.

Del resto, in campo energetico, i cinesi sono di casa qui da noi. La ‘Shangai Electric Corporation’ ha comprato, nel 2014, il 40 per cento di Ansaldo Energia; il primo istituto di credito giallo, la ‘People’s Bank of China’, ha una partecipazione azionaria del 2 per cento sia in ENI che in ENEL (oltre che in TIM, Mediobanca e Generali Assicurazioni).

lunedì 8 febbraio 2021

Linux Professional Institute: Una storia LPI dall'Italia | Elezioni | Partnership




Simone "Simo" Bertulli: Sei anni in compagnia di LPI - #LPIMemberJourney

Simone "Simo" Bertulli, LPI Evangelist italiano, certificato LPIC-3, racconterà in una serie di interventi la sua esperienza professionale con Linux e FOSS e il suo percorso formativo con LPI.

Elezioni CdA del Linux Professional Institute

Sei un Professionista impegnato su Linux e Open-Source? Scopri di più su come e perché candidarsi alle elezioni per il Consiglio di Amministrazione di LPI.

Synergia rinnova la Training Partnership con Linux Professional Institute

Synergia SRL ha rinnovato la sua Partnership (ATP, Silver) con Linux Professional Institute (LPI).

Nomenclatura Esami LPI: aggiornamento


Se hai bisogno di verificare il nome esatto della tua Certificazione, oppure di verificarne le specifiche, abbiamo aggiornato di recente tutte le pagine dedicate:

Dal Blog

Linux e Open Source: segnala progetti, eventi e storie di successo

La mission di LPI è sostenere la formazione e il movimento Linux e Open Source: se sei coinvolto in eventi del settore, o in progetti FOSS, non esitare a contattarci per segnalarceli: valuteremo anche proposte di media partnership e sponsorizzazione degli eventi.

Scopri il portale LPI per la formazione
Synergia Partner LPI
LPI
Facebook
Facebook
Twitter
Twitter
LinkedIn
LinkedIn
Email
Email
Copyright © 2021 Linux Professional Institute Italia, All rights reserved.

Our mailing address is:
Linux Professional Institute Italia
Via Sante Pisani
71
PRATO, PO 59100
Italy