Visualizzazione post con etichetta Rete Voltaire. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Rete Voltaire. Mostra tutti i post

venerdì 11 ottobre 2019

[Reseau Voltaire] Les principaux titres de la semaine 9 ott 2019


Réseau Voltaire
Focus




En bref

 
L'accord secret sur la question kurde
 

 
30 morts dans les manifestations en Iraq
 

 
Le plan Erdoğan pour le Nord de la Syrie
 
Controverses
Fil diplomatique

 
Déclaration de Federica Mogherini sur la Syrie
 

 
Communiqué du Ministère russe des Affaires étrangères concernant l'interpellation d'une députée de la Douma aux États-Unis
 

 
Déclaration de la Maison-Blanche à propos des terroristes du Nord de la Syrie
 

 
Sergueï Lavrov au Club de Valdaï
 

 
Discours d'Emmanuel Macron devant l'Assemblée parlementaire du Conseil de l'Europe
 

 
abonnement    Réclamations


giovedì 10 ottobre 2019

Rete Voltaire: I principali titoli della settimana 9 ott 2019


Rete Voltaire
Focus




In breve

 
L'accordo segreto sulla questione kurda
 

 
Iraq, trenta morti nelle manifestazioni
 

 
Il piano Erdoğan per il nord della Siria
 
Controversie

 
abbonamento    Reclami


mercoledì 18 settembre 2019

Rete Voltaire: I principali titoli della settimana 18 set 2019


Rete Voltaire
Focus




In breve

 
Réseau Voltaire ha ancora bisogno di voi
 

 
Siria: costituzione della Commissione Costituzionale
 

 
In Yemen la NATO rifornisce di armi Daesh
 

 
A Parigi la Lega Islamica Mondiale vuole riabilitarsi
 

 
Riattivazione dell'alleanza militare continentale americana
 

 
L'Adrian Darya 1 attracca in Siria
 

 
I cittadini europei rifiutano di scegliere tra Stati Uniti e Russia
 

 
Riemerge la questione dei rifugiati in Turchia
 
Controversie

 
abbonamento    Reclami


lunedì 2 settembre 2019

L’Unione Europea avalla la nomina di quattro alti funzionari, di Thierry Meyssan


In forza dei Trattati, l’Unione Europea è diventata una struttura sovranazionale: dunque come potrebbero gli Stati membri nominare alti funzionari preposti a dare loro ordini? In realtà non lo fanno, si contentano di avallare le scelte NATO, discusse da Germania e Francia.


Prima delle elezioni del parlamento europeo, Stati Uniti, Germania e Francia avevano deciso che presidente della Commissione sarebbe stato il tedesco Manfred Weber, che si era impegnato a mettere fine ai lavori di costruzione del gasdotto Nord Stream 2 e a limitare l’acquisto da parte dell’Unione di idrocarburi russi, per favorire il gas USA, molto più oneroso sia per i costi di produzione che di trasporto.
Per sopire gli elettori europei, una propaganda battente sosteneva che il presidente della Commissione sarebbe stato eletto rispettando una «regola democratica»: il capolista del più importante gruppo parlamentare eletto. Nessuno dubitava che la presidenza sarebbe toccata a Manfred Weber, capo dei conservatori (PPE).
Si tratta ovviamente di una regola non democratica, dal momento che le regole della democrazia prevedono l’elezione di un esponente sostenuto da una maggioranza, non già meramente da un gruppo parlamentare. Stampa e candidati hanno però continuato a ripetere questa stupidaggine, perfettamente consapevoli che l’Unione altro non è che un’illusione.
All’ultimo momento però la Francia si è rimangiata la parola. Il presidente Emmanuel Macron ha pretestato che il suo gruppo parlamentare (ADLE, ora Renew Europe) aveva ottenuto un netto successo, tale da avanzare la pretesa a uno dei quattro più prestigiosi posti di alto funzionario. Macron ha quindi fatto insultare Weber dalla capolista del suo partito, Natalie Loiseau – che lo ha definito un «ectoplasma» – e ha posto il veto alla sua nomina. Dopo l’accordo sulla designazione della francese Christine Lagarde alla testa della Banca Centrale Europea, lo stesso Macron ha proposto un nuovo candidato tedesco, Ursula von der Leyen.
Due donne, Lagarde e von der Leyer, occuperanno così i posti di maggior prestigio; il belga Charles Michel presiederà invece il Consiglio dei capi di Stato e di governo, nonché il Consiglio dell’eurozona; lo spagnolo Josep Borrel sarà l’Alto rappresentante per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza. Questi due ultimi incarichi sono puramente formali: il presidente del Consiglio si limita a dare la parola e rappresenta l’Unione all’estero; l’Alto rappresentante è invece portavoce di una politica che tutti sanno essere fissata a Washington, di certo non a Bruxelles.
Queste nomine non sono scelte del Consiglio Europeo, bensì risultato di un accordo tra la cancelliera tedesca e il presidente francese, raggiunto in un colloquio privato. Il Consiglio non ha fatto che avallarle.
In base a quali criteri sono stati selezionati i quattro più alti funzionari delle istituzioni europee? Due requisiti sono imprescindibili:
-  essere atlantisti:
-  avere qualche cosa da nascondere, sì da poter essere ricattati in caso di perdita della fede atlantista.

Essere atlantista

Essere atlantista è qualità scontata per ogni funzionario europeo. Il Trattato di Maastricht e successivi stabiliscono infatti che la NATO, ossia l’alleanza militare antirussa, provveda alla difesa dell’Unione.
A inizio anno Ursula von der Leyen ha opportunamente pubblicato sul New York Times un intervento apologetico della NATO, che «difende l’ordine mondiale» [1].
L’atlantismo di Christine Lagarde non ha bisogno di essere dimostrato: ha iniziato la carriera politica come assistente parlamentare al Congresso USA, in seguito è diventata lobbysta dell’industria degli armamenti USA in contrapposizione a quella francese. Lagarde ha convinto la Polonia ad acquistare l’armamento Boeing e Lockheed-Martin invece che Airbus e Dassault [2].
Charles Michel è primo ministro del Paese ospite della NATO e per lui garantisce anche il padre, Louis Michel, ex commissario europeo per la Cooperazione internazionale, per gli aiuti umanitari e la risposta alle crisi.
Josep Borrel, ex appartenente al kibbutz di Gal On (deserto del Negev), è stato presidente del parlamento europeo e ha difeso con fervore il principio del vassallaggio europeo all’Alleanza Atlantica.
Naturalmente questi quattro personaggi sono stati invitati alle riunioni del gruppo di Bilderberg, il club della NATO. Il mese scorso Josep Borrell non vi ha partecipato perché glielo ha proibito il primo ministro spagnolo.

“Essere alla catena”

Nonostante la fiducia in chi è al loro soldo, gli Stati Uniti gradiscono comunque disporre di uno strumento di pressione per un eventuale richiamo all’ordine. Infatti talvolta accade che alti funzionari non si accontentino di uno stipendio astronomico e abbiano velleità di servire i propri concittadini.
Era stata avviata un’inchiesta giudiziaria sulla gestione del ministero della Difesa da parte di Ursula von der Leyen. Benché l’esercito tedesco sia notoriamente sotto-equipaggiato, i colossali sforamenti dei preventivi avevano già portato all’apertura di un’inchiesta, affidata a uno studio di revisione contabile che aveva ritenuto adeguate le spiegazioni del ministero. La procura era stata però messa in allarme dalla scoperta che la vigilanza all’interno del gabinetto era stata svolta dal figlio di questa grande aristocratica. Per il diritto tedesco però la cancelleria ha il potere di bloccare le inchieste giudiziarie sui membri di governo.
Christine Lagarde è stata condannata, benché esentata dalla pena, dalla Corte di Giustizia della Repubblica Francese per «negligenza». Lagarde aveva deciso di portare una controversia finanziaria tra una banca pubblica e un ex ministro davanti a un organo di arbitraggio, invece che a un tribunale. L’arbitraggio ha dato torto allo Stato e ragione all’ex ministro, cosa che mai sarebbe dovuta accadere.
Ignoro in quali oscure vicende Charles Michel e Josep Borrel potrebbero essere implicati, ma di certo ce ne sono: il primo non ha forse accettato di capeggiare un governo minoritario e il secondo, all’apice della carriera, non si è volontariamente allontanato per una decina d’anni dalla politica?
La retribuzione di questi quattro funzionari sarà oltre due volte quella del presidente francese. Non si tratta di remunerare capacità eccezionali, bensì di garantirsi che saranno messe al servizio del sovrano: è il prezzo del tradimento.

giovedì 29 agosto 2019

Rete Voltaire I principali titoli della settimana 29 ago 2019


Rete Voltaire
Focus




In breve

 
Precisazioni sulla foresta amazzonica
 

 
Elisabetta II sospende il parlamento britannico
 

 
La propaganda sull'Amazzonia
 

 
I kurdi distruggono le fortificazioni in "Rojava"
 

 
«Giustizia per le Sorelle»
 

 
Parziale liberazione del governatorato di Idlib
 

 
Contatti segreti USA-Venezuela
 
Controversie

 
abbonamento    Reclami


Notizie su Réseau Voltaire, di Thierry Meyssan


Dopo che una banca ha illecitamente stornato i fondi raccolti a favore di Réseau Voltaire e che molte altre banche hanno chiuso o rifiutato di aprire conti per la colletta, Thierry Meyssan fa il punto sulla situazione giuridica e finanziaria dell’associazione.

 | DAMASCO (SIRIA)  
Un mese fa abbiamo sollecitato il vostro aiuto per rimborsare un debito che metteva in pericolo la continuazione del nostro lavoro. La somma dovuta è stata raccolta in pochi giorni, ma il sito internet che gestiva la colletta non ci ha inviato il denaro e l’ha illegalmente restituito ai donatori.
Nonostante questa disavventura, siamo riusciti a raccogliere 26 mila euro su un conto aperto da Alain Benajam su Paypal.
La banca che gestisce questo conto si è spaventata del trambusto suscitato dalla nostra raccolta fondi e ha bloccato le transazioni: la legge glielo consente. Siamo riusciti alla fine a recuperare il denaro e abbiamo chiuso il conto.
Consapevoli che i lettori di Réseau Voltaire sono pronti ad aiutarci a rimborsare il debito e che il problema non è raccogliere fondi ma trasferirli, abbiamo raggiunto un accordo con il creditore: gli abbiamo inoltrato il denaro raccolto e abbiamo ottenuto una dilazione per saldare il debito.
Gli ostacoli incontrati a ripetizione ci confermano l’esistenza di una lista nera internazionale che, per motivi politici, c’impedisce di usufruire dei servizi bancari.
Sulla scia di Voltaire, non abbiamo mai distinto analisi politica e difesa delle libertà fondamentali. Per noi è importante far trionfare il Diritto. Nel periodo 2001-2003 siamo stati perseguiti da una multinazionale che reclamava un milione di euro di danni e interessi perché ne abbiamo usato marca e logo in una campagna di boicottaggio. Avevamo denunciato la chiusura di un’intrapresa redditizia, quindi in attivo, soltanto perché gli azionisti della società ambivano investirne il valore in un’operazione ancora più proficua. Secondo noi bisognava affermare che il diritto di proprietà non può privare del lavoro centinaia di lavoratori per la bramosia di lucro, non per necessità economica. La vicenda si presentava come quella del vaso di terracotta che cozza contro un vaso di ferro. Siamo invece riusciti a ottenere il riconoscimento da parte della giustizia del principio che la libertà di espressione viene prima della tutela dei marchi e che, nell’ambito di un dibattito democratico, era nostro diritto indicare nominativamente e visivamente la multinazionale attraverso il suo logo. La Corte di Appello di Parigi ci ha dato ragione [1] e abbiamo vinto anche sul piano politico: in Francia è stata votata una legge che regola questo tipo di licenziamenti.
Per ovviare alle difficoltà abbiamo istituito un sistema duraturo di raccolta fondi. Occorrerà però oltre un mese per attivarlo, quindi sarà operativo dopo la scadenza concessaci per rimborsare il debito.
Indipendentemente da queste iniziative, vogliamo comunque denunciare le due società che gestivano il sito internet di raccolta fondi. L’infrazione della legge riguarda non soltanto Réseau Voltaire, ma anche voi donatori: ci avete versato il vostro contributo dietro l’impegno che ci sarebbe stato girato. Con un falso pretesto il sito vi ha invece restituito il denaro. Lo riteniamo una forma di “abuso di fiducia”.
Un donatore non è stato rimborsato perché la carta bancaria utilizzata in seguito è scaduta, ha dovuto perciò pretendere la restituzione del denaro. Un altro donatore è stato rimborsato sotto forma di credito, ma non può ritirare i contanti, e così via.
Per raccogliere quanto ci manca per saldare il debito abbiamo aperto un nuovo conto PayPal, appoggiandolo al conto bancario del nostro avvocato.
Vi chiediamo di versare urgentemente un contributo affinché possiamo continuare a tenere vivo il sito e offrirvi così le nostre analisi delle relazioni internazionali.
Un grazie anticipato.