Visualizzazione post con etichetta Res Noster Pubblica. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Res Noster Pubblica. Mostra tutti i post

martedì 25 giugno 2019

Blog Emanuela Orlandi: Sit-in per Emanuela a 36 anni dalla sparizione

New article "Sit-in 2019"


Pubblicato un nuovo articolo nel Blog di Emanuela Orlandi 

Sit-in per ricordare Emanuela Orlandi nel giorno della scomparsa con foto e video dell'intervento di Pietro Orlandi.
Sit-in per Emanuela a 36 anni dalla sparizione



Buona lettura
Copyright © 2019 blog nonprofit, All rights reserved.

lunedì 24 giugno 2019

La punizione finale di Julian Assange ricorda ai giornalisti che il loro lavoro è scoprire quello che lo stato tiene nascosto


Se faremo il nostro lavoro, renderemo pubblica quella stessa, vile menzogna dei nostri governanti che ha causato questo rigurgito di odio verso Assange, Manning e Snowden.
Comincio ad essere un po’ stanco dello US Spionage Act. Del resto, è  molto tempo che sono anche abbastanza stufo della saga di Julian Assange e di Chelsea Manning. Nessuno vuole parlare delle loro personalità perché sembra che a nessuno vadano molto a genio queste due persone, anche a chi aveva giornalisticamente tratto vantaggio dalle loro rivelazioni.
Sin dall’inizio, ero preoccupato dell’effetto Wikileaks, non sui brutali governi occidentali, le cui attività aveva rivelato con precisione sconvolgente (specialmente in Medio Oriente) ma sulla pratica del giornalismo. Quando Wikileaks aveva offerto a noi scribi questo piatto di minestra, ci eravamo saltati dentro, avevamo remato e schizzato le pareti del racconto con le nostre grida di orrore. E avevamo dimenticato che il vero giornalismo investigativo riguarda la costante ricerca della verità attraverso le proprie fonti personali, piuttosto che scodellare davanti ai lettori una vagonata di segreti, segreti che Assange e gli altri (e non noi) avevano scelto di rendere pubblici.
Come mai, ricordo di essermi chiesto quasi 10 anni fa, potevamo leggere le indiscrezioni su tanti Arabi o Americani, ma su così pochi Israeliani? Chi stava in realtà mescolando la zuppa che avremmo dovuto mangiare? Che cosa era stato lasciato fuori dal pastone?
Ma gli ultimi giorni mi hanno convinto che c’è qualcosa di molto più ovvio riguardo l’arresto di Assange e la nuova incarcerazione della Manning. E non ha nulla a che fare con il tradimento,  l’infedeltà o con qualsiasi altra presunta catastrofica minaccia alla nostra sicurezza.
Sul Washington Post di questa settimana, c’è un pezzo di Marc Theissen, un’ex scrittore di discorsi della Casa Bianca che aveva difeso l’uso della tortura da parte della CIA come “legale e moralmente giusta,” che ci informa che Assange “non è un giornalista. È una spia … Si è impegnato nello spionaggio contro gli Stati Uniti. E non ha rimorsi per il male che ha fatto.” Così facendo dimentica che la pazzia di Trump ha già fatto diventare un passatempo la tortura e le relazioni segrete con i nemici dell’America.
No, non penso che tutto questo abbia qualcosa a che fare con l’uso dello Spionage Act (per quanto gravi siano le sue implicazioni per i normali giornalisti) o i “rispettabili organismi di informazione,” come Thiessen stucchevolmente ci definisce. Né ha molto a che fare con i pericoli che queste rivelazioni avrebbero fatto correre agli agenti assoldati localmente in America e in Medio Oriente. Ricordo bene quanto spesso gli interpreti iracheni [che lavoravano] per le forze statunitensi ci dicessero di aver richiesto i visti [di espatrio] per loro e le loro famiglie quando erano stati minacciati in Iraq, e come alla maggior parte di loro fosse stato risposto che la cosa era impossibile. Noi Inglesi abbiamo trattato molti dei nostri traduttori iracheni con la stessa indifferenza.
Perciò dimentichiamo, solo per un momento, il massacro dei civili, la letale crudeltà dei mercenari statunitensi (alcuni coinvolti in traffici di bambini), l’uccisione dello staff della Reuters da parte delle truppe americane a Baghdad, l’esercito di innocenti detenuto a Guantanamo, la tortura, le bugie ufficiali, le false cifre delle vittime, le menzogne ​​dell’ambasciata, l’addestramento americano dei torturatori egiziani e tutti gli altri crimini scoperti dal lavoro di Assange e Manning.
Supponiamo che ciò che avevano rivelato fossero state cose buone, piuttosto che cattive, che i documenti diplomatici e militari fornissero un fulgido esempio di una nazione grande e specchiata e fossero la prova di quegli ideali nobilissimi e risplendenti che la terra dei liberi ha sempre fatto suoi. Facciamo finta che le forze statunitensi in Iraq avessero ripetutamente rischiato la vita per proteggere i civili, che avessero denunciato le torture dei loro alleati, che avessero trattato i detenuti di Abu Ghraib (molti di loro completamente innocenti) non con crudeltà sessuale ma con rispetto e gentilezza; che avessero privato del potere i mercenari e li avessero riportati in catene negli Stati Uniti; che si sentissero in debito, anche solo per scusarsi, per tutti quegli uomini, donne e bambini che avevano fatto una fine prematura nella guerra in Iraq.
Meglio ancora, pensiamo per un momento a come avremmo potuto reagire alla rivelazione che gli Americani non avevano ucciso quelle decine di migliaia di persone, che non avevano mai torturato neanche un’anima, che i detenuti di Guantanamo, tutti quanti, erano senza ombra di dubbio pluriomicidi razzisti, sadici, codardi, xenofobi, e le prove dei loro crimini contro l’umanità validate di fronte ai tribunali più imparziali del mondo. Immaginiamo persino per un momento che l’equipaggio dell’elicottero americano che aveva falciato 12 civili in una strada di Baghdad non li avesse “eliminati” con le sue mitragliatrici. Immaginiamo che la voce alla radio dell’elicottero avesse detto: “Aspetta, penso che quei ragazzi siano dei civili, e quel fucile potrebbe essere solo una telecamera. Non sparare!
Come tutti sappiamo, questa è una fuga dalla realtà. Perchè quello che rappresentavano queste centinaia di migliaia di documenti era la vergogna dell’America, dei suoi uomini politici, dei suoi soldati, dei suoi torturatori, dei suoi diplomatici.
C’era persino un elemento di farsa che, sospetto, aveva fatto infuriare tutti i Thiess di questo mondo ancor più delle rivelazioni più terribili. Ricorderò sempre lo sdegno espresso da Hillary Clinton quando era stato rivelato che aveva mandato i suoi scagnozzi a spiare all’interno delle Nazioni Unite; i suoi schiavi al Dipartimento di Stato avevano dovuto studiarsi i dettagli della crittografia usata dai vari delegati, le transazioni con carte di credito, persino le tessere dei frequent flyer. Ma chi, al mondo, vorrebbe sprecare il proprio tempo a studiare tutte le sciocchezze dell’assolutamente incompetente staff delle Nazioni Unite? O, per quel che importa, chi alla CIA aveva sprecato il suo tempo ascoltando le conversazioni telefoniche private di Angela Merkel con Ban Ki Moon?
Uno dei cablogrammi divulgati da Assange risale alla rivoluzione iraniana del 1979 e riguarda l’opinione di Bruce Laingen sul fatto che “la psicologia persiana è prioritariamente egocentrica.” Interessante, ma gli studenti iraniani avevano faticosamente rimesso insieme tutti i trucioli dei documenti triturati dell’ambasciata americana a Teheran negli anni successivi al 1979, e avevano già pubblicato le parole di Laingen decenni prima che Wikileaks ce le facesse avere. Talmente enorme era stato il primo rilascio da 250.000 documenti (che Hillary  aveva denunciato come “un attacco alla comunità internazionale,” mentre ancora oggi li chiama “documenti presunti,” come se fossero dei falsi) che pochi avevano potuto verificare cosa ci fosse di nuovo e cosa di vecchio. Così il New York Times si era affrettato a sottolineare la citazione di Laingen come se fosse stato di uno scoop straordinario.
Parte del materiale non era così ovvio prima [della sua divulgazione], il suggerimento che la Siria avesse permesso ai ribelli antiamericani provenienti dal Libano di attraversare il suo territorio, per esempio, era assolutamente corretto, ma le “prove” degli attentati dinamitardi iraniani nel sud dell’Iraq erano molto più dubbiose. Questa storia era già stata felicemente passata al New York Times dai funzionari del Pentagono nel febbraio 2007, per essere poi riproposta in anni più recenti, ma erano quasi tutte stupidaggini. Di equipaggiamento militare iraniano ce n’era in giro in tutto l’Iraq fin dalla guerra Iran-Iraq del 1980-88 e la maggior parte degli attentatori che ne avevano fatto uso erano musulmani sunniti iracheni.
Ma questo è andare a cercare il pelo nell’uovo in quella montagna di carte. Una simile stupidaggine è insignificante in confronto alle mostruose rivelazioni sulla crudeltà americana; il resoconto, ad esempio, di come le truppe statunitensi avessero ucciso quasi 700 civili, tra cui donne incinte e malati di mente, solo per essersi avvicinati troppo ai loro posti di blocco. E le istruzioni alle forze statunitensi (questo frammento di narrativa è di Chelsea Manning) di non indagare quando i loro alleati militari iracheni frustavano i prigionieri con grossi cavi, li lasciavano appesi a ganci pendenti dal soffitto, gli bucavano le gambe con trapani elettrici e li violentavano. Nella valutazione segreta da parte degli USA su 109.000 morti in Iraq e Afghanistan (una grossolana sottostima), 66.081 erano stati ufficialmente classificati come non combattenti. Quale, mi chiedo, sarebbe stata la reazione americana di fronte all’uccisione di 66.000 cittadini statunitensi, 20 volte più delle vittime dell’11 settembre?
Naturalmente, noi non avremmo dovuto sapere niente di tutto questo. E si può capire perché no. Il peggio di questo materiale era segreto non perché fosse scivolato accidentalmente in una cartellina di un’amministrazione militare contrassegnata con “riservato” o “strettamente confidenziale,” ma perché rappresentava la copertura di un crimine di stato su vasta scala.
I responsabili di queste atrocità dovrebbero ora essere processati, estradati da qualunque luogo si nascondano e imprigionati per i loro crimini contro l’umanità. Ma no, noi stiamo punendo chi queste notizie le aveva divulgate, per quanto commoventi, a nostro avviso, fossero le loro motivazioni.
Certo, noi giornalisti, noi gente delle “rispettabili agenzie di informazione,” possiamo preoccuparci delle implicazioni di tutto questo perché riguarda la nostra professione. Ma, molto meglio, potremmo dare la caccia ad altre verità, ugualmente spaventose per l’autorità. Perché non scoprire, per esempio, cosa ha detto Mike Pompeo in privato a Mohammed bin Salman? Quali velenose promesse potrebbe aver fatto Donald Trump a Netanyahu? Quali relazioni segrete gli Stati Uniti intrattengono ancora con l’Iran, perché hanno persino mantenuto importanti contatti, saltuari, silenziosi e riservati, con elementi del governo siriano?
Perché aspettare 10 anni per il prossimo Assange che ci scaricherà un’altra camionata di segreti di stato?
Ma c’è il solito campanello d’allarme: quello che scopriremo attraverso i metodi del vecchio giornalismo convenzionale delle suole consumate a forza di camminare, delle storie che vengono fuori da gole profonde o da contatti fidati, rivelerà, se faremo il nostro lavoro, la stessa vile menzogna dei nostri padroni che ha provocato questo rigurgito di odio verso Assange e Manning e, indubbiamente, Edward Snowden. Non verremo chiamati in giudizio perché l’incriminazione di questi tre costituisce un pericoloso precedente legale. Ma saremo perseguitati per le stesse ragioni: perché ciò che riveleremo dimostrerà oltre ogni dubbio che i nostri governi e quelli dei nostri alleati commettono crimini di guerra e i responsabili di queste iniquità cercheranno di farcela pagare per questa indiscrezione con una vita dietro le sbarre.
La vergogna e la paura di dover condividere la responsabilità di ciò che era stato fatto dalle nostre autorità preposte alla “sicurezza,” non il fatto che chi aveva divulgato le notizie avesse violato la legge, ecco di che cosa si tratta.
Robert Fisk
Fonte: www.independent.co.uk

Tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

mercoledì 19 giugno 2019

GIALLO CONTI / GIP CONTRO PM PER IL “SUICIDIO” DEL GENERALE AMBIENTALISTA


Clamorosa svolta nel giallo Conti. Ad un anno e mezzo da quel più che anomalo “suicidio” del generale dei carabinieri Guido Conti, il caso si rianima.
Grazie all’impegno della famiglia che non si è arresa a quella pista chiaramente fasulla, e del gip del tribunale di Sulmona, Marco Billi, che ha respinto la richiesta di archiviazione avanzata dal pm Aura Scarsella.
La prossima udienza è ora fissata per l’11 luglio.
Ma cerchiamo di ricostruire quella morte più che mai avvolta nel mistero.

LE TANTE ANOMALIE DEL “SUICIDIO”
Il 17 novembre 2017 viene ritrovato, nelle vicinanze di Sulmona, il cadavere del generale del corpo forestale dei carabinieri, una vita di grande impegno professionale, dedicata soprattutto alla scoperta di grossi reati ambientali, dai traffici milionari di rifiuti tossici alle maxi discariche, come quella che aveva scoperto a Bussi, nel pescarese, la più grande d’Europa.
Negli ultimi anni il generale indaga anche sulla tragedia di Rigopiano. Terminata la lunga carriera, Conti va in pensione. Ma non se la sente di incrociare le braccia e vuole ancora lavorare. Ed ecco che si prospetta una consulenza per la sicurezza ambientale alla Total Italia, impegnata nei contestati lavori a Tempa Rossa che provocarono addirittura le dimissioni del ministro dell’Industria nel governo Renzi, ossia Federica Guidi.
Conti lascia due lettere per la famiglia. In esse descrive tutto il dolore provato per le indagini di Rigopiano, una vicenda che gli pesa sul cuore come un macigno. Ecco cosa scrive: “Da quando è successa la tragedia di Rigopiano la mia vita è cambiata. Quelle vite mi pesano come un macigno. Perché fra i tanti atti ci sono anche prescrizioni a mia firma. Potevo fare di più?”.

Il tribunale di Sulmona. Sopra, il generale Guido Conti
I media puntano quindi dritti sulla pista “Rigopiano”. Tutto il resto passa in cavalleria.
Ma spunta subito un giallo nel giallo.
Alla redazione del maggior sito d’informazione in Abruzzo, Primadanoi, nella giornata in cui il generale scompare e non dà più notizie di sé, arriva una misteriosa telefonata, una voce metallica, imbarazzata che fa cenno all’incarico del generale alla Total. Incarico che – si scopre – aveva lasciato appena due giorni prima: durato neanche un mese. “Conti ha lasciato Total. Lo potete verificare – dice la voce – telefonando in azienda oppure chiamando il generale”.
Racconta il direttore di PrimadanoiAlessandro Biancardi, che aveva raccolto la telefonata: “Non si capisce perché quella telefonata poche ore prima del ‘suicidio’, proprio quando Conti aveva appena fatto perdere le sue tracce e iniziato a far preoccupare la famiglia”. E prosegue: “A dirla tutta, sembra strano che Conti nel suo scritto abbia parlato di Rigopiano e non accennato per niente alla Total e alla decisione di lasciarla così rapidamente”.

Ancora: “Che la sua morte non sia dovuta alla sola vicenda di Rigopiano sembra esserne convinta anche la procura di Sulmona che, non a caso, ha indirizzato le sue ricerche soprattutto sull’ultima fase professionale di Conti: il suo addio alla divisa e la sua assunzione alla Total. I carabinieri dell’Aquila hanno già sentito diversi dirigenti della multinazionale, tra cui l’amministratore delegato Francois Rafine hanno anche acquisito le conversazioni che Conti ebbe il 7 novembre e i giorni seguenti con il blogger ambientalista Giorgio Santoriello con cui ebbe un vivace confronto su Facebook proprio in relazione al passaggio in una multinazionale privata. Sui misteri di Tempa Rossa e gli effetti inquinanti”.
La pista sulla quale la procura di Sulmona lavora è quella di “istigazione al suicidio”.

SETTE COSE CHE NON TORNANO
E fanno subito capolino non poche anomalie ed elementi sospetti sui quali indagare a fondo: “una morte con troppi interrogativi senza risposta”, scrive oggi il Corriere della Sera. Che prosegue: “Come ad esempio la posizione della mano da cui è partito il colpo della calibro 9, anomala per chi si è appena sparato alla tempia. O come la presenza, sul luogo e nell’ora del decesso, di un Suv con a bordo uno sconosciuto. Perché era lì?”.
Nella memoria presentata dal legale della famiglia Conti, Alessandro Margiotta, in procura, vengono sottolineati sette punti da chiarire. Tra cui appunto la posizione del corpo “trovato prono e con la mano destra che impugna la pistola e l’avanbraccio ripiegato verso il petto che non collima con l’ipotesi di suicidio per un colpo sparato alla testa”.

Poi c’è la presenza di una Cayenne bianca ultimo modello, “con luci posteriori a forma rettangolare e non bombate”, come riferisce un testimone che avrebbe visto l’auto dove è stato poi trovato il cadavere.
Si parla ancora di alcune telefonate non poco turbolente che Conti ha avuto nei giorni precedenti (tra cui quelle con l’ambientalista Santorelli); e di quella anonima ricevuta da Primadanoi, che poi risulterà effettuata da un dipendente Total che si è dichiarato particolarmente colpito dalle fresche (due giorni prima) dimissioni del generale.
C’è quindi il giallo dei documenti distrutti, quando due giorni prima di scomparire il generale – scuro in volto e taciturno – si reca in una computisteria per distruggere tutte i file dei documenti che conservava nella memoria del suo computer. Perché?
Insomma una serie di quesiti e interrogativi non da poco, degni di rigorosi approfondimenti e di ricerche a tutto spiano.
E invece cosa fa il pm Aura Scarsella? Chiede nientemeno che l’archiviazione. Respinta dal gip Marco Billi che chiede, naturalmente, di proseguire nelle indagini. Un po’ come sta succedendo da alcuni anni a Roma, per il caso Alpi, tra le richieste del pm Elisabetta Ceniccola di archiviare il caso e i gip che vogliono ancora andare avanti alla ricerca della verità.

SCARSELLA CHI ?
Ma chi è Aura Scarsella?
Un pm da anni in servizio alla procura di Sulmona, e per questo considerata “il pm anziano”.

Camillo Valentini, sindaco di Roccaraso arrestato dalla Procura di Sulmona e morto nel carcere di massima sicurezza
Il suo nome ha fatto capolino nelle cronache giudiziarie una quindicina di anni fa, proprio in occasione di un altro suicidio eccellente, quello dell’allora sindaco di Roccaraso Camillo Valentini.
Eccoci quindi ad un altro giallo mai chiarito. Il 16 agosto 2004, nel carcere di Sulmona, l’ingegnere e sindaco, una persona stimata da tutti i suoi concittadini e in tutta la regione, viene ritrovato cadavere nella sua cella, la testa infilata in una busta di plastica legata con i lacci delle scarpe (le modalità ricordano quelle per la morte in galera del vertice Eni Gabriele Cagliari ai tempi di Mani pulite).
Era stato sbattuto in carcere, Valentini, dopo le dichiarazioni di un costruttore locale, Federico Tironesi, dalle cui denunce erano partite le accuse di concussione, puntualmente recepite dalla procura di Sulmona, che subito dispose gli arresti, compreso quello di Valentini. Nel 2008 Tironesi sarà condannato per calunnia nei confronti del primo cittadino: ma ormai è troppo tardi.

Sulla vicenda scrive un’interrogazione di fuoco all’allora guardasigilli leghista Roberto Castelli il parlamentare socialista Enrico Buemi, tra l’altro membro della commissione giustizia e presidente del Comitato carceri.
Punta l’indice Buemi: “Successivamente al tragico evento sono emerse una serie di circostanze, a giudizio dell’interrogante, sospette, che riguardano gli organi inquirenti, nonché alcuni elementi della magistratura”.
“Il primo riferimento è ad una lettera anonima pervenuta allo studio dell’avvocato Carlo Rienzi, il battagliero presidente del Codacons che per primo è sceso in campo per far luce sulla vicenda. Nella missiva, trasmessa al Csm, si faceva il nome della “dottoressa Scarsella, magistrato con maggiore anzianità di servizio presso la medesima procura” (quella di Sulmona, ndr), la quale “si troverebbe in una situazione di incompatibilità poiché il proprio marito, dottor Giorgio Leone, è titolare di una farmacia a Roccaraso”. Il pm Scarsella, inoltre, non avrebbe “sempre ottemperato a tale obbligo di astenersi nei procedimenti che riguardano anche il Comune di Roccaraso, con l’evidente concretarsi di un’ipotesi di mancanza di imparzialità”.
Il gup di Campobasso, Libera Maria Rosaria Rinaldi, il 12 gennaio 2012 assolve Carlo Rienzi dall’accusa di aver calunniato i magistrati che si erano occupati del caso Valentini. Durissime le parole del gup, che scrive di “una vicenda oscura e viziata”; di “assoluta inconsistenza delle indagini” e accusa i colleghi sulmonesi di essere entrati in totale confusione, avendo addirittura scambiato Italia Nostra per Cosa Nostra!
Camillo Valentini – ricostruisce il gup di Campobasso – è stato “ingiustamente perseguitato” e “dopo ora trascorse senza dormire, da solo, in un carcere di massima sicurezza, all’alba del 16 agosto 2004 infilava la testa in una busta di plastica chiudendola con i lacci della scarpe da ginnastica, lasciando dietro di sé il dolore dei figli, dei genitori, del fratello, degli amici e i dubbi ancora irrisolti sugli eventi che lo determinarono al compimento del gesto estremo”.

QUELLA VOCE DEVE MORIRE

Un comizio Idv a Sulmona. Al centro Antonio Di Pietro e, sull’estrema destra, Annita Zinni.
Il nome di Aura Scarsella rimbalza anche tra le pagine del processo di Sulmona contro la Voce, in seguito alla citazione civile di Annita Zinni, storica amica di Antonio Di Pietro. Scarsella in questo caso è il teste chiave, l’asso nella manica sfoderato dai legali della Zinni per ottenere la condanna della Voce, costretta a chiudere la sua edizione cartacea dopo 30 anni di presenza nelle edicole.
Ecco per sommi capi i fatti. Zinni cita in giudizio la Voce e chiede 40 mila euro per i il profondo turbamento (“patema d’animo transeunte”) morale e corporale che avrebbe subito in seguito alla pubblicazione di un articolo firmato dal giornalista Rai Alberico Giostra e dedicato alla tribolata maturità di Cristiano Di Pietro, figlio dell’ex pm.

Come fondamento delle sue accuse, Zinni produce il parere di una psicologa e, soprattutto, indica Aura Scarsella come teste. A lei, subito, ha confidato quel profondo turbamento, a lei ha aperto il suo cuore lacerato. E il 26 ottobre del 2011 Scarsella andrà a testimoniare per l’amica del cuore.
E davanti a chi? Al giudice Massimo Marasca, altro suo collega, impegnato con la Scarsella in tante inchieste portate avanti alla procura, lui in veste di gip, o di giudice, lei di pm.
E portano avanti insieme altre battaglie, Scarsella e Marasca, ad esempio nel caso di un ricorso al Tar – insieme ad altre toghe – per via di alcune decurtazioni di stipendio avviate a livello nazionale.
A questo punto – senza alcun problema – la Voce viene condannata. Non a quanto chiede l’insegnante sulmonese Zinni, ma per il doppio: la bellezza di 90 mila euro e passa. Un vero e proprio record nei risarcimenti danni chiesti a giornali ed editori: basti pensare alle medie dell’Espresso (fresca la condanna per un articolo di Lirio Abbate a 40 mila euro) o di Mondadori (appena 20 mila per Gomorradi Saviano e uno scambio di persona).
Siamo costretti cinque anni fa a cessare le pubblicazioni, non avendo più la possibilità economica di stampare la Voce, con i conti correnti bloccati (anche quelli personali). Per inciso, anche Primadanoi è costretto, un anno fa, a chiudere, sempre per una assurda maxi condanna civile di risarcimento danni, la vera mannaia che sta decapitando tante testate storiche di piccola e media dimensione, ammazzando quel poco che resta della libertà d’informazione.
Nel frattempo il giudice Massimo Marasca ha trovato il tempo per denunciare la Voce, colpevole di aver descritto la Zinni story: chiede a sua volta 80 mila euro per la lesa maestà.
E si è trasferito, da qualche anno, al tribunale di Civitavecchia. Nel recente pedigree spicca una chicca: in occasione del processo per il caso Vannini che ha destato scalpore e stupore in tutta Italia, non ha accolto la richiesta della parte civile di citare in giudizio il ministero della Difesa, che dovrebbe di tutta evidenza occuparsi del risarcimento danni: una dimenticanza o cosa?


LEGGI ANCHE
24 Novembre 2017

28 Novembre 2017

lunedì 17 giugno 2019

La pirateria non danneggia le vendite: una tegola per la UE

La pirateria online danneggia davvero l'industria dell'intrattenimento e della cultura? Una domanda complessa a cui gli studi susseguitisi negli anni non sono mai riusciti a fornire una risposta esaustiva. Ora il dibattito è destinato a riprendere, grazie ai risultati di un controverso studio del 2015 mai pubblicato, portato alla luce da Julia Reda, parlamentare del Partito Pirata.
Qualcuno potrebbe da subito obiettare che, visto il chiaro orientamento ideologico di chi ha reso noti i risultati, questi non sarebbero affidabili. Bisogna ricordare però che lo studio fu commissionato nel 2013 dalla Commissione Europea alla tedesca Ecorys, per un costo di ben 360mila euro e che una volta finalizzato nel 2015, è restato per due anni in archivio.
pirate copyright21
Basato su un sondaggio condotto su 30.000 cittadini di sei Stati europei (Germania, Francia, Polonia, Spagna, Svezia e Regno Unito) lo studio conclude sostanzialmente che non vi sono evidenze di un impatto negativo della pirateria sull'industria cultural/intrattenitiva, soprattutto per quanto riguarda il commercio di musica, libri e videogiochi, mentre sul cinema l'impatto c'è, ma è marginale, con uno spostamento sulle prime visioni di titoli di punta quantificabile circa in un  5% del volume d'affari, ovviamente relativo all'epoca del sondaggio.
Ecco il passaggio fondamentale delle conclusioni: " In generale, i risultati non mostrano prove statistiche attendibili dello spostamento delle vendite per violazione dei diritti d' autore online. Ciò non significa necessariamente che la pirateria non abbia alcun effetto, ma solo che l' analisi statistica non dimostra con sufficiente affidabilità che vi sia un effetto".
Com'è comprensibile dunque in realtà, se lo studio non appoggia la posizione ufficiale di chi lotta contro la pirateria accusandola di sottrarre potenziali introiti, non è nemmeno utilizzabile per convalidare l'ipotesi opposta. D'altro canto la Reda correttamente ha deciso di renderlo pubblico non per supportare le proprie posizioni ma perché, ha affermato, studi come questi sono "fondamentali quando bisogna discutere sulle normative riguardanti il diritto d'autore, perché spesso si ha il pregiudizio che la pirateria compromette il fatturato dei detentori dei diritti d'autore".
La verità è che da (troppo?) tempo il settore dei diritti d'autore avrebbe bisogno di una profonda revisione, come sostengono molti studiosi, per trovare soluzioni in grado di armonizzare la tutela, anche economica del diritto d'autore, e la possibilità per tutti di accedere alla cultura al di là delle rispettive capacità di spesa.
Pirate%20Copy%20590x332
La ricerca del resto evidenzia quella che era una realtà di fatto facilmente intuibile e cioè che chi si serve di servizi illegali per fruire di contenuti coperti da diritto d'autore non sottrae nulla al mercato, in quanto a priori non in grado di spendere per quei contenuti. "È stata analizzata la disponibilità a pagare per i contenuti piratati per valutare se la pirateria possa essere correlata al livello dei prezzi. Se gli utenti illegali online non sono disposti a pagare il prezzo di mercato nella situazione in cui il contenuto è disponibile solo a pagamento, sembra giusto supporre che il consumo illegale non si traduca in uno spostamento delle vendite legali, dato che questi consumatori rinuncerebbero solo al consumo di questi beni. In tal caso, l' industria potrebbe aumentare il volume delle vendite legali abbassando i prezzi o rendendo disponibili online più contenuti legali".
Queste fasce della popolazione si trovano dunque attualmente tagliate fuori dalla possibilità di fruizione di contenuti culturali e i detentori dei diritti, ma anche la società e gli Stati, dovrebbero quindi interrogarsi più che altro su come colmare questo ennesimo divario tra i diversi strati sociali, cercando soluzioni inclusive anziché pensare a come perseguire gli utenti che fanno uso di soluzioni illegali.
La Baia Dei Pirati è un interessante libro inchiesta sul copyright e i suoi oppositori.

venerdì 14 giugno 2019

BILDERBERG 2019 / IL GRAN RITORNO DI MATTEO RENZI


Al via l'annuale summit dei Bilderberg, quartier generale stavolta nella sontuosa cornice di Montreux, in Svizzera.
Dal 30 maggio al 2 giugno si riuniranno 130 vip di mezzo mondo, provenienti per la precisione da 23 paesi. Quest'anno vengono spente 67 candeline, il primo meeting risale al 1954 e venne organizzato da un ex colonnello delle SS in Olanda.
Un vero minestrone di argomenti sui tavoli di lavoro, dalla Brexit alla Cina, dai media alle nuove tecnologie e ai cambiamenti climatici.


Henry Kissinger. In apertura Matteo Renzi, Stefano Feltri e, al centro, Lilli Gruber

Storicamente al summit Bilderberg vengono tracciati gli scenari e i percorsi mondiali, ovviamente sempre dalla parte dei potenti della Terra -pezzi da novanta del mondo economico, politico e soprattutto finanziario – che mettono in campo tecniche & strategie per mangiare a pezzi e bocconi questo o quel paese, questa o quella economia.
Una sorta di "sistema Soros" allargato.

Va segnalata la presenza dell'immarcescibile ex segretario di stato Usa Henry Kissinger.

Stavolta la pattuglia italiana è ridotta al lumicino. Solitamente sono una dozzina i nostri papaveri ed è nutrita la pattuglia di giornalisti.
Non così questa volta. Resiste una decana di Bilderberg, Lilli Gruber, mentre si registra la new entry, a livello mediatico, di Stefano Feltri de Il Fatto quotidiano.
Ma la vera sorpresa è rappresentata dall'ex premier Matteo Renzi: un trampolino, quello svizzero, di rilancio?

A seguire potete leggere i nomi di tutti i partecipanti ufficiali.

BOARD
Castries, Henri de (FRA), Chairman, Steering Committee; Chairman, Institut Montaigne
Kravis, Marie-Josée (USA), President, American Friends of Bilderberg Inc.; Senior Fellow, Hudson Institute
Halberstadt, Victor (NLD), Chairman Foundation Bilderberg Meetings; Professor of Economics, Leiden University
Achleitner, Paul M. (DEU), Treasurer Foundation Bilderberg Meetings; Chairman Supervisory Board, Deutsche Bank AG
PARTICIPANTS
Abrams, Stacey (USA), Founder and Chair, Fair Fight
Adonis, Andrew (GBR), Member, House of Lords
Albers, Isabel (BEL), Editorial Director, De Tijd / L'Echo
Altman, Roger C. (USA), Founder and Senior Chairman, Evercore
Arbour, Louise (CAN), Senior Counsel, Borden Ladner Gervais LLP
Arrimadas, Inés (ESP), Party Leader, Ciudadanos
Azoulay, Audrey (INT), Director-General, UNESCO
Baker, James H. (USA), Director, Office of Net Assessment, Office of the Secretary of Defense
Balta, Evren (TUR), Associate Professor of Political Science, Özyegin University
Barbizet, Patricia (FRA), Chairwoman and CEO, Temaris & Associés
Barbot, Estela (PRT), Member of the Board and Audit Committee, REN (Redes Energéticas Nacionais)
Barroso, José Manuel (PRT), Chairman, Goldman Sachs International; Former President, European Commission
Barton, Dominic (CAN), Senior Partner and former Global Managing Partner, McKinsey & Company
Beaune, Clément (FRA), Adviser Europe and G20, Office of the President of the Republic of France
Boos, Hans-Christian (DEU), CEO and Founder, Arago GmbH
Bostrom, Nick (UK), Director, Future of Humanity Institute, Oxford University
Botín, Ana P. (ESP), Group Executive Chair, Banco Santander
Brandtzæg, Svein Richard (NOR), Chairman, Norwegian University of Science and Technology
Brende, Børge (NOR), President, World Economic Forum
Buberl, Thomas (FRA), CEO, AXA
Buitenweg, Kathalijne (NLD), MP, Green Party
Caine, Patrice (FRA), Chairman and CEO, Thales Group
Carney, Mark J. (GBR), Governor, Bank of England
Casado, Pablo (ESP), President, Partido Popular
Ceviköz, Ahmet Ünal (TUR), MP, Republican People's Party (CHP)
Champagne, François Philippe (CAN), Minister of Infrastructure and Communities
Cohen, Jared (USA), Founder and CEO, Jigsaw, Alphabet Inc.
Croiset van Uchelen, Arnold (NLD), Partner, Allen & Overy LLP
Daniels, Matthew (USA), New space and technology projects, Office of the Secretary of Defense
Davignon, Etienne (BEL), Minister of State
Demiralp, Selva (TUR), Professor of Economics, Koç University
Donohoe, Paschal (IRL), Minister for Finance, Public Expenditure and Reform
Döpfner, Mathias (DEU), Chairman and CEO, Axel Springer SE
Ellis, James O. (USA), Chairman, Users' Advisory Group, National Space Council
Feltri, Stefano (ITA), Deputy Editor-in-Chief, Il Fatto Quotidiano
Ferguson, Niall (USA), Milbank Family Senior Fellow, Hoover Institution, Stanford University
Findsen, Lars (DNK), Director, Danish Defence Intelligence Service
Fleming, Jeremy (GBR), Director, British Government Communications Headquarters
Garton Ash, Timothy (GBR), Professor of European Studies, Oxford University
Gnodde, Richard J. (IRL), CEO, Goldman Sachs International
Godement, François (FRA), Senior Adviser for Asia, Institut Montaigne
Grant, Adam M. (USA), Saul P. Steinberg Professor of Management, The Wharton School, University of Pennsylvania
Gruber, Lilli (ITA), Editor-in-Chief and Anchor "Otto e mezzo", La7 TV
Hanappi-Egger, Edeltraud (AUT), Rector, Vienna University of Economics and Business
Hedegaard, Connie (DNK), Chair, KR Foundation; Former European Commissioner
Henry, Mary Kay (USA), International President, Service Employees International Union
Hirayama, Martina (CHE), State Secretary for Education, Research and Innovation
Hobson, Mellody (USA), President, Ariel Investments LLC
Hoffman, Reid (USA), Co-Founder, LinkedIn; Partner, Greylock Partners
Hoffmann, André (CHE), Vice-Chairman, Roche Holding Ltd.
Jordan, Jr., Vernon E. (USA), Senior Managing Director, Lazard Frères & Co. LLC
Jost, Sonja (DEU), CEO, DexLeChem
Kaag, Sigrid (NLD), Minister for Foreign Trade and Development Cooperation
Karp, Alex (USA), CEO, Palantir Technologies
Kerameus, Niki K. (GRC), MP; Partner, Kerameus & Partners
Kissinger, Henry A. (USA), Chairman, Kissinger Associates Inc.
Koç, Ömer (TUR), Chairman, Koç Holding A.S.
Kotkin, Stephen (USA), Professor in History and International Affairs, Princeton University
Kramp-Karrenbauer, Annegret (DEU), Leader, CDU
Krastev, Ivan (BUL), Chairman, Centre for Liberal Strategies
Kravis, Henry R. (USA), Co-Chairman and Co-CEO, Kohlberg Kravis Roberts & Co.
Kristersson, Ulf (SWE), Leader of the Moderate Party
Kudelski, André (CHE), Chairman and CEO, Kudelski Group
Kushner, Jared (USA), Senior Advisor to the President, The White House
Le Maire, Bruno (FRA), Minister of Finance
Leyen, Ursula von der (DEU), Federal Minster of Defence
Leysen, Thomas (BEL), Chairman, KBC Group and Umicore
Liikanen, Erkki (FIN), Chairman, IFRS Trustees; Helsinki Graduate School of Economics
Lund, Helge (GBR), Chairman, BP plc; Chairman, Novo Nordisk AS
Maurer, Ueli (CHE), President of the Swiss Federation and Federal Councillor of Finance
Mazur, Sara (SWE), Director, Investor AB
McArdle, Megan (USA), Columnist, The Washington Post
McCaskill, Claire (USA), Former Senator; Analyst, NBC News
Medina, Fernando (PRT), Mayor of Lisbon
Micklethwait, John (USA), Editor-in-Chief, Bloomberg LP
Minton Beddoes, Zanny (GBR), Editor-in-Chief, The Economist
Monzón, Javier (ESP), Chairman, PRISA
Mundie, Craig J. (USA), President, Mundie & Associates
Nadella, Satya (USA), CEO, Microsoft
Netherlands, His Majesty the King of the (NLD)
Nora, Dominique (FRA), Managing Editor, L'Obs
O'Leary, Michael (IRL), CEO, Ryanair D.A.C.
Pagoulatos, George (GRC), Vice-President of ELIAMEP, Professor; Athens University of Economics
Papalexopoulos, Dimitri (GRC), CEO, TITAN Cement Company S.A.
Petraeus, David H. (USA), Chairman, KKR Global Institute
Pienkowska, Jolanta (POL), Anchor woman, journalist
Pottinger, Matthew (USA), Senior Director, National Security Council
Pouyanné, Patrick (FRA), Chairman and CEO, Total S.A.
Ratas, Jüri (EST), Prime Minister
Renzi, Matteo (ITA), Former Prime Minister; Senator, Senate of the Italian Republic
Rockström, Johan (SWE), Director, Potsdam Institute for Climate Impact Research
Rubin, Robert E. (USA), Co-Chairman Emeritus, Council on Foreign Relations; Former Treasury Secretary
Rutte, Mark (NLD), Prime Minister
Sabia, Michael (CAN), President and CEO, Caisse de dépôt et placement du Québec
Sanger, David E. (USA), National Security Correspondent, The New York Times
Sarts, Janis (INT), Director, NATO StratCom Centre of Excellence
Sawers, John (GBR), Executive Chairman, Newbridge Advisory
Schadlow, Nadia (USA), Senior Fellow, Hudson Institute
Schmidt, Eric E. (USA), Technical Advisor, Alphabet Inc.
Scholten, Rudolf (AUT), President, Bruno Kreisky Forum for International Dialogue
Seres, Silvija (NOR), Independent Investor
Shafik, Minouche (GBR), Director, The London School of Economics and Political Science
Sikorski, Radoslaw (POL), MP, European Parliament
Singer, Peter Warren (USA), Strategist, New America
Sitti, Metin (TUR), Professor, Koç University; Director, Max Planck Institute for Intelligent Systems
Snyder, Timothy (USA), Richard C. Levin Professor of History, Yale University
Solhjell, Bård Vegar (NOR), CEO, WWF – Norway
Stoltenberg, Jens (INT), Secretary General, NATO
Suleyman, Mustafa (GBR), Co-Founder, Deepmind
Supino, Pietro (CHE), Publisher and Chairman, Tamedia Group
Teuteberg, Linda (DEU), General Secretary, Free Democratic Party
Thiam, Tidjane (CHE), CEO, Credit Suisse Group AG
Thiel, Peter (USA), President, Thiel Capital
Trzaskowski, Rafal (POL), Mayor of Warsaw
Tucker, Mark (GBR), Group Chairman, HSBC Holding plc
Tugendhat, Tom (GBR), MP, Conservative Party
Turpin, Matthew (USA), Director for China, National Security Council
Uhl, Jessica (NLD), CFO and Financial Director, Royal Dutch Shell plc
Vestergaard Knudsen, Ulrik (DNK), Deputy Secretary-General, OECD
Walker, Darren (USA), President, Ford Foundation
Wallenberg, Marcus (SWE), Chairman, Skandinaviska Enskilda Banken AB
Wolf, Martin H. (GBR), Chief Economics Commentator, Financial Times
Zeiler, Gerhard (AUT), Chief Revenue Officer, WarnerMedia
Zetsche, Dieter (DEU), Former Chairman, Daimler AG

To see the article visit www.lavocedellevoci.it

venerdì 7 giugno 2019

Dal Medio Oriente all’Irlanda del Nord, gli stati occidentali sono fin troppo felici di scampare alle accuse di crimini di guerra


Quand’è che un crimine di guerra non è un crimine di guerra? Quando è stato commesso da noi, ovviamente.
Ma questo truismo sta assumendo oggi un significato nuovo e sinistro, e non solo perché Trump e i suoi scagnozzi potrebbero pianificare un’altra serie di atrocità in Medio Oriente.
Perché ora si avverte un pericoloso slittamento, che rende gli stati occidentali più che mai pronti ad incoraggiare i crimini di guerra contro l’umanità, ad accettarli, approvarli e ad aspettarsi la nostra complicità per queste violazioni grossolane e disgustose del diritto internazionale.
Non sto solo riferendomi al comportamento patetico e grottesco del nostro attuale Ministro della Difesa, che parla di “amnistia per i procedimenti penali storici,” il che significa che possiamo uccidere Iracheni e Afghani e farla franca, ma dobbiamo essere un po’ più cauti nell’Irlanda del Nord. Ma non tanto più cauti, badate bene, basta guardare le giovani e scattanti élite Tory e gli incartapecoriti ex generali che blaterano di estendere questa licenza di uccidere a tutti quelli che avevano assassinato cittadini britannici a Belfast e Derry.
Questo non solo offende l’umanità degli uomini e delle donne dell’Irlanda del Nord che hanno la cittadinanza britannica, li sta anche precipitando nel limbo, tra i Mussulmani dagli occhi scuri in Medio Oriente, che possono essere dimenticati 10 anni dopo essere stati liquidati, e gli Inglesi dagli occhi azzurri, i cui omicidi comporterebbero squadre di poliziotti e di gruppi anti-terrorismo in tutte le strade della nazione a dare la caccia e ad assicurare alla giustizia i loro assassini.
Non si tratta solo una differenza con il DNA delle nostre vittime, ovviamente. È la parola “storici.” Perchè quello che sta proponendo Penny Mordaunt insieme ai suoi ruffiani è un provvedimento che depenalizza i crimini di guerra, qualcosa che migliaia di ex-nazisti avevano cercato e desiderato ardentemente dopo la Seconda Guerra Mondiale.
No, i soldati dell’esercito britannico non sono nazisti, i Marines statunitensi non sono la Wehrmacht, la RAF e l’USAF non sono la Luftwaffe (anche se, per un confronto del genere, dovremmo mettere da parte Amburgo e Dresda). Sto parlando di paralleli, non di confronti, sull’improvvisa crescita di una mentalità pericolosa e deforme, che si propone di scagionare gli assassini prima che commettano il loro crimine.
Ma lasciamo perdere il vergognoso accanimento della Gran Bretagna nel nord-est dell’Irlanda, anche se molti fautori della Brexit sono pronti a ritornarvi su. Invece, attraversiamo l’Atlantico fino al grande manicomio di Washington, dove Trump ha appena concesso il perdono totale al tenente dell’esercito americano, Michael Behenna.
Quest’uomo aveva assassinato un Iracheno di nome Ali Mansur il 16 maggio 2008. A Behenna era stato ordinato di riportare Mansur a casa sua, dopo che era stato interrogato dagli agenti dell’intelligence statunitense sull’uccisione di due soldati americani per lo scoppio di una mina stradale. Non avevano trovato prove della sua colpevolezza. Ma Behenna aveva portato il suo prigioniero nel deserto, lo aveva spogliato, lo aveva nuovamente interrogato puntandogli contro una pistola e gli aveva sparato alla testa e al petto. Il caso era semplice, o almeno così potreste pensare. Behenna era stato arrestato per omicidio non premeditato e condannato a 25 anni di carcere.
Ma poi il dipartimento di giustizia degli Stati Uniti gli aveva ridotto la pena da 25 a 15 anni, e lo aveva rimesso in libertà vigilata nel 2014. Behenna era stato un prigioniero modello, ammirato dagli amici nella sua natia Oklahoma.
E, solo 10 giorni fa, Trump ha concesso a questo assassino militare il perdono completo. Nessuna sorpresa dal punto di vista di Trump, ovviamente. Aveva detto che “la tortura funziona” e crede che anche l’omicidio di massa funzioni.
Bisogna eliminare le loro famiglie, quando si prendono questi terroristi, bisogna eliminare le loro famiglie,” aveva detto il presidente degli Stati Uniti in un’intervista del 2015. Behenna aveva commesso l’omicidio poco più di 10 anni fa, quindi nessuna protesta da parte della Mordaunt e dei suoi amici di Londra: il suo crimine aveva superato la data di scadenza dei 10 anni per gli omicidi nel mondo musulmano.
Un altro Americano, veterano della guerra in Iraq, aveva smentito questa assurdità il giorno dopo la concessione della libertà, da parte di Trump, al criminale di guerra Behenna. Waitman Wade Beorn era stato un ufficiale di cavalleria che aveva sempre detto ai suoi soldati di trattare i civili iracheni come se fossero vicini di casa, piuttosto che nemici. In un coraggioso articolo sul Washington Post, Beorn aveva scritto che il comandante in capo degli Stati Uniti aveva preferito trascurare dei gravi crimini di guerra “a favore di una nozione distorta di patriottismo ed eroismo.” Trump aveva dato la sua approvazione “alle cose brutte che capitano nel contesto bellico,” il che è strano per un uomo che aveva evitato il servizio militare.
Ma Beorn è un caso particolare, perché ha anche scritto un libro sulla partecipazione dell’esercito tedesco all’Olocausto. Anche considerando l’ambiente volutamente razzista e ideologicamente influenzato della Wehrmacht, [Beorn] ritiene che “la cultura di ciascuna unità e la sua leadership istituzionale abbiano influenzato in modo diretto l’esecuzione o meno di crimini di guerra. Unità assassine erano guidate da comandanti assassini.”
Beorn non paragona l’esercito americano alla Wehrmacht. Parla, anche se in modo un po’ sdolcinato, dei “sistemi di educazione militare dell’America che mettono in risalto i nostri valori, le regole di un conflitto armato” e le loro “salde basi etiche.”
Ma ricorda anche l’infame “Ordinanza giurisdizionale” di Adolf Hitler del maggio 1941, poco prima dell’invasione nazista dell’Unione Sovietica, che informava le truppe tedesche che “per reati commessi da membri della Wehrmacht e da suoi dipendenti nei confronti di civili nemici, l’accusa non è obbligatoria , nemmeno se il reato è allo stesso tempo un crimine militare o una infrazione.
Come osserva Beorn, “ai soldati era stato detto, letteralmente, che non sarebbero stati processati per comportamenti che ovunque in Europa sarebbero stati considerati criminali.”
Che poi è una cosa, in realtà, spaventosamente simile alle proposte teoriche del nostro Ministro della Difesa. Lasciare impuniti degli assassini se uccidono Afgani o Iracheni (anche se solo dopo un intervallo decente), ma non se uccidono degli Inglesi, potrebbe sembrare piuttosto familiare ai veterani della Wehrmacht. Quando un presidente degli Stati Uniti elogia i criminali di guerra alla stregua di coraggiosi patrioti vittime solo della correttezza politica, “condona comportamenti non etici e criminali,” scrive Beorn. E il gioco è fatto. Improvvisamente, torna alla memoria il Bloody Sunday. E l’inchiesta a Belfast di questa settimana per la strage di Ballymurphy, dove un ex soldato britannico ha descritto alcuni dei suoi compagni del reggimento paracadutisti in termini davvero spaventosi. Ha affermato che c’erano soldati buoni e professionali, ma poi ha aggiunto: “c’erano anche degli psicopatici, c’erano persone con cui era pericoloso stare insieme.
Su questo ci potete scommettere. “I soldati canaglia erano fuori controllo, uccidevano la gente per la strada, sapendo che sarebbero stati protetti,” ha detto il testimone M597 all’inchiesta di Belfast, anche se è discutibile quanto “canaglia” fossero questi soldati, meno di un anno dopo il Bloody Sunday. Ma ricordate, Ballymurphy è successo 48 anni fa, il Bloody Sunday 47. Questo è il tipo di ragionamento che ora si sta perdendo tra quei politici britannici che vorrebbero fare tabula rasa.
Trump ha difeso pubblicamente il maggiore americano Matt Golsteyn, che è attualmente accusato di omicidio premeditato per aver sparato ad un uomo disarmato e per aver dato alle fiamme il suo corpo, in Afghanistan nel 2010. Trump lo ha definito un “eroe di guerra americano.”
Beorn ha anche ricordato il caso del sostegno di Trump all’ex Navy Seal Edward Gallagher, un altro presunto criminale di guerra che, secondo il New York Times“aveva sparato ad una ragazza che indossava un vestito a fiori e che camminava con altre ragazze sulla riva del fiume Tigri” a Mosul, nel 2017.
Era caduta a terra stringendosi lo stomaco ed era stata trascinata via dalle altre donne. Beorn ricorda che nello stesso anno, ed ora stiamo parlando di meno di due anni fa, Gallagher avrebbe ucciso un adolescente ferito, pugnalandolo più volte al collo e una volta al petto.
Trump ha twittato che a Gallagher sarebbero state concesse condizioni migliori di reclusione “in onore del suo passato servizio,” ha scritto Beorn, “un onore che molti direbbero aveva gettato alle ortiche molto tempo fa.”
Beh, grazie a Dio, potreste dire, per tutti i Beorn di questo mondo. Ma che dire della nostra mite accettazione del conto ufficiale delle vittime causate dai nostri eserciti e dalle nostre forze aeree in Medio Oriente? Le forze della “coalizione” dicono di aver portato a termine 34.464 attacchi in Iraq e in Siria dall’agosto 2014, uccidendo involontariamente 1257 civili. Ma Amnesty International ha indagato sulle vittime civili di una sola città, Raqqa in Siria, per un periodo di soli quattro mesi nel 2017 e, secondo i suoi conteggi, le vittime civili sarebbero più di 1.600.
Molto più inquietante, più fantastico, è forse la parola giusta, è il fatto che la Royal Air Force afferma di aver ucciso 1.019 “combattenti nemici” in Iraq e in Siria in più di quattro anni. Ma solo un civile. Solo uno, solo un singolo civile è stato ucciso fra 1.020 morti. Queste cifre, che coprono il periodo tra settembre 2014 e gennaio di quest’anno, sono state rilasciate dal Ministero della Difesa britannico in base ad una richiesta sul principio della libertà di informazione fatta dell’ente benefico Action on Armed Violence. E tutti questi dati sono basati, secondo il Ministero della Difesa, sulla “migliore analisi post-strike disponibile.”
Quasi inquietante quanto questa cifra palesemente ridicola è il fatto che la BBC ne abbia parlato, il 7 marzo scorso, come fosse una semplice notizia, giustificando nel corso della trasmissione questo incredibile dato con il caritatevole commento che un fatto del genere costituisce sicuramente “un record mondiale nei conflitti moderni.”
Il corrispondente della BBC al Ministero della Difesa aveva poi osservato che si trattava di “dati straordinariamente precisi,” ma che l’analisi sul campo di battaglia è “non una scienza esatta.”  Il che significherebbe, ancora una volta per quel che vale, che la RAF sarebbe responsabile per solo uno dei 1.257 civili “involontariamente” uccisi dagli attacchi aerei della coalizione nello stesso periodo.
Devo dire che statistiche di questo tipo non sono solo inverosimili, incredibili ed offensive per chiunque le legga o le studi. Sono ovviamente prodigiose, prive di senso, irresponsabili, assurde, bizzarre, strane, fuori dal mondo, oniriche e, per chi ha fatto il giornalista di guerra negli ultimi quarant’anni, completamente false. Chiunque creda veramente a queste stronzate deve anche essere fermamente convinto dell’esistenza dei marziani, di Babbo Natale o dei piccoli omini verdi in fondo al giardino.
Eppure, il Ministero della Difesa britannico se l’è cavata. Uccidere civili in incursioni aeree non può essere meno criminale di un soldato che, individualmente, uccide civili. E, uccidere dei civili “involontariamente” dal cielo, non è sufficiente perchè le forze militari possano dichiararsi innocenti.
Le indagini di Amnesty sugli attacchi di Raqqa dicono che il reale bilancio delle vittime civili è non solo scioccante, ma del tutto inutile.
Tuttavia, a questo ci siamo abituati. Dal cielo, nelle strade, nel deserto, uccidiamo e poi ci assolviamo da soli.
No, “l’azione giudiziaria non è obbligatoria.” Possiamo persino definire eroi degli assassini. Al giorno d’oggi possiamo anche farla franca per l’omicidio, e non ci lamentiamo nemmeno. Siamo conniventi.
Robert Fisk
Fonte: www.independent.co.uk

Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org